Un bicchiere di succo di ciliegia al giorno per combattere la gotta. Questo il suggerimento che arriva dai ricercatori della Northumbria University, secondo i quali tale frutto disporrebbe di proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti, utili a tenere sotto controllo gli eccessi di acido urico cristallizzati nelle articolazioni responsabili della patologia.

Nella ricerca sono stati coinvolti 12 volontari, ai quali è stato fornito un concentrato di ciliegie Montmorency, unito a circa 100ml di acqua, due volte al giorno. I loro livelli di infiammazione e di presenza di acido urico sono stati poi analizzati all’inizio dello studio, pubblicato sul Journal of Functional Foods, e nel corso dei giorni successi.

Lo studio ha visto come un consumo di circa 30ml di concentrato unito ad acqua e consumato almeno due volte al giorno possa rappresentare un’alternativa valida all’assunzione di farmaci contenenti corticosteroidi, i cui possibili effetti collaterali possono rappresentare un pericolo per il cuore come anche per lo stomaco. Rischi connessi non soltanto all’utilizzo di farmaci per il trattamento della gotta, ma anche nel caso in cui debba essere prescritta una terapia farmacologica preventiva.

L’importanza di un possibile trattamento a base alimentare della gotta assumerebbe maggior rilievo in funzione della quantità di concentrato di ciliegie necessario per ottenere i risultati sperati. Come ha spiegato il Dr. Glynn Howatson, ricercatore presso la Northumbria University e autore principale dello studio:

Questo studio mostra con chiarezza che l’acido urico è ridotto dal consumo di succo concentrato di ciliegie Montmorency. La parte forse più importante è che soltanto una piccola quantità di liquido è necessaria per apportare gli effetti benefici di riduzione dell’acido urico.

Importante innanzitutto, ricordano infine i ricercatori, la scelta di una dieta che sappia ridurre al minimo l’assunzione di purine, sostanze in grado di favorire l’insorgere della gotta. Tra gli alimenti da evitare in questo caso vi sarebbero selvaggina e pesce azzurro, prodotti lievitati e contenenti derivati della carne.

29 settembre 2014
Fonte:
Lascia un commento