L’olio di fegato di merluzzo è un complemento alimentare che si ottiene dall’omonimo pesce, in particolare del Gadus morhua: è lo stesso che viene impiegato per la preparazione del baccalà e dello stoccafisso.

Si tratta di un rimedio di vecchia origine: la sua introduzione in farmacia ha rappresentato la svolta terapeutica per la cura del rachitismo, una malattia tipica dell’età pediatrica dovuta a un deficit di vitamina D.

Oggi la patologia è piuttosto rara, mentre in passato, quando i casi di malnutrizione erano più diffusi, il rachitismo infantile era più comune. Oggi i casi di malnutrizione si manifestano per la maggior parte dei casi nei Paesi poveri dove, per le precarie condizione alimentari e igieniche, i bambini possono soffrire di episodi ricorrenti di vomito e diarrea, oltre che di deficit alimentare di calcio, magnesio e fosforo e vitamine.

I rari casi di rachitismo che vengono diagnosticati nei Paesi sviluppati hanno 4 principali eziopatogenesi:

  • rachitismo da alterato apporto alimentare di vitamina D, calciferolo, causato da una sindrome da malassorbimento intestinale cronico;
  • rachitismo da alterato metabolismo epatico della vitamina D, causato da alcune malattie o dalla somministrazione di alcune classi di farmaci come ad esempio i barbiturici;
  • rachitismo da alterato metabolismo renale della vitamina D, causato da patologie acquisite o familiari;
  • rachitismo da ridotta azione della vitamina D, determinato da una mutazione genetica.

In tutti questi casi di rachitismo, il principale approccio terapeutico prevede la somministrazione di vitamina D, oltre che al trattamento del paziente con raggi ultravioletti.

Tuttavia, esistono alcune forme di questa malattia che sono resistenti alla vitamina D, si tratta di sindromi causate da difetti ereditari dei recettori per le vitamine e altre patologie rare. La diagnosi di rachitismo e la scelta della terapia è di completa competenza del medico come ovviamente la decisione di somministrare olio di fegato di merluzzo.

Olio di fegato di merluzzo: vitamine

Questo complemento alimentare contiene in buona concentrazione la vitamina A, la D, la E, lo iodio e gli acidi grassi essenziali omega 3. Questa la composizione quantitativa:

  • 902 kcal;
  • vitamina A: 100.000 UI;
  • vitamina D: 10.000 UI;
  • omega 3: 20,72 g;
  • colesterolo: 560 mg.

La dose giornaliera consigliata per i bambini di età superiore ai 5 anni è di 5 ml al giorno.

Quando va somministrato e precauzioni

L’olio di fegato di merluzzo, pur essendo un complemento alimentare – ossia un integratore – va somministrato nei bambini secondo le indicazioni del medico. Questo rimedio infatti contiene elevate concentrazione di vitamina A e D. Questi micronutrienti, a differenza delle altre vitamine, possono accumularsi nei tessuti del nostro organismo e causare effetti avversi anche gravi.

La normativa vigente stabilisce che tutti gli integratori di queste vitamine ne possano apportare solo concentrazione inferiori a un limite di sicurezza fissato: per la vitamina A il dosaggio quotidiano massimo consentito è il 200% della dose giornaliera raccomandata – RDA – mentre per la vitamina D è il 150% della RDA.

Il sovradosaggio di una delle due vitamine, o di entrambe come potrebbe accedere nel caso di inadeguata somministrazione di olio di fegato di merluzzo, può causare l’insorgenza di alcuni effetti collaterali. La vitamina A in eccesso causa secchezza cutanea, fragilità di unghie e capelli, perdita di appetito e ingrossamento del fegato, mentre il sovradosaggio di vitamina D comporta lo sviluppo di depositi di calcio nei reni e anche nelle arterie, in particolare nell’aorta.

20 luglio 2016
Immagini:
Lascia un commento