Candidosi orale (mughetto): come si manifesta e cure

La candidosi orale è una micosi che colpisce, così come suggerisce il nome, la bocca e gli organi connessi. Deriva solitamente dallo stesso agente fungino della comune candida, la Candida albicans, e può colpire sia uomini che donne in qualsiasi fascia d’età. La cura è essenzialmente antimicotica, ma esistono dei rimedi naturali che possono facilitare il decorso della malattia?

Prima di trattare sintomi ed eventuali terapie naturali, è doverosa un’avvertenza: la candidosi orale deve essere sempre vagliata dal medico curante, da uno specialista in odontostomatologia oppure da un gastroenterologo. Il fai da te, infatti, potrebbe addirittura portare a un peggioramento dell’infezione.

Sintomi della candidosi orale

La candidosi orale si manifesta spesso nei neonati, ma è frequente anche in tutti gli adulti dalle difese immunitarie compromesse, come i pazienti positivi all’HIV o affetti da tumore, e in coloro costretti a indossare delle protesi dentarie. Senza presunzione di essere esaustivi, la candidosi si verifica quando vi è un’alterazione della normale flora della bocca, sia quando il sistema immunitario è poco reattivo che per fattori ben più banali, come un’insufficiente produzione di saliva. Tra i segni più evidenti dell’infezione la comparsa di placche biancastre, che possono ricoprire la lingua, le gengive, la parte interna delle labbra, ma anche l’ugola e le tonsille. Nei casi più gravi può estendersi anche fino all’esofago o alle vie respiratorie. I sintomi comprendono il dolore, spesso alla deglutizione, ma anche la sensazione di un corpo estraneo in bocca, la percezione di una lingua ovattata, la perdita del gusto e la lieve fuoriuscita di sangue dalle lesioni.

Mughetto: cura e rimedi naturali

Malva

Tea Malva via Shutterstock

Normalmente la candidosi orale viene risolta grazie al ricorso a farmaci antimicotici, sia da utilizzare localmente che per via sistemica. Accanto a questi, e sempre dopo aver verificato il parere del proprio medico, si può ricorrere ad alcuni rimedi naturali che possano coadiuvare la terapia classica. Fra le tante erbe e altri metodi a disposizione, si segnalano:

  • Malva: questa pianta, ubiquitaria in Italia, è da sempre riconosciuta per le sue proprietà lenenti e disinfettanti del cavo orale. Tutto è merito delle sue mucillagini, delle sostanze viscose capaci di creare un microfilm sulle mucose, utili per evitare nuove infezioni e per sfiammare le zone irritate. Non bisogna abusarne, però, perché la malva ha anche effetti lassativi;
  • Aglio: l’assunzione regolare di aglio ha effetti benefici per tutto il cavo orale, grazie alle sue proprietà antibatteriche e antimicotiche. Qualora non si sopportasse il sapore, o l’assunzione con candida orale in corso fosse difficile, in erboristeria esistono degli integratori in pillole;
  • Tea tree oil: anche questo ritrovato ha forti attività antimicotiche, ma se ne sconsiglia l’uso nei bambini o fra gli adulti poco pratici. L’assunzione prevede infatti di sciogliere 4-5 gocce di tea tree oil in acqua, per effettuare degli sciacqui in sostituzione del normale collutorio. La soluzione non deve essere mai ingerita ed è per questo che l’uso deve essere sempre supervisionato;
  • Yogurt: la candidosi orale può causare anche difficoltà nella digestione dei cibi e dell’assorbimento delle sostanze nutritive a livello intestinale. Per questo motivo l’assunzione di yogurt può essere indicata, perché i fermenti lattici aiutano a rinforzare la normale flora batterica dell’intero apparato digerente.

30 marzo 2014
I vostri commenti
mario, domenica 9 luglio 2017 alle19:00 ha scritto: rispondi »

cia a tutti da 2 giorni non degluto bene anche la stessa saliva mi provoca fastidio,,quando mangio bevo peggio,,la cusa forse nella troppa aria condizionata?? mai sofferto di questo ho 55 anni e sono un po sotto strss che consigli aglio??? otorino??? grazie

Alessio , domenica 6 marzo 2016 alle21:53 ha scritto: rispondi »

Buonasera. Volevo sapere se posso deglutire il tea tree oil se la candida è presente anche nell'esofago. Siccome ho letto che non va ingerito Grazie

Lascia un commento