Ragni, serpenti, insetti, lucertole, iguane e chi più ne ha più ne metta: sono questi gli “amici” speciali di Liam Andrews, un sedicenne inglese che ha deciso di riempire la sua cameretta con dei singolarissimi compagni d’avventura.

>>Scopri la donna che vive con 40 maiali

Sono più di 300 gli animali domestici – se così possono essere definiti – che il giovane studente accudisce nella sua abitazione di Desborough, nel Northamptonshire. E li coccola come se fossero cani e gatti, nonostante la loro apparente pericolosità. Una delle attività preferite del ragazzo, infatti, è guardare la TV con alcuni dei suoi serpenti avvolti attorno al collo, che accarezza con gentilezza e tanto amore.

Preferisco gli animali agli umani. Ho all’incirca 60 rettili e altri animali esotici che dormono con me in camera da letto. Fortunatamente nessuno di questi è mai scappato.

La passione del giovane, però, rischia di rendere più complicato il rapporto con i coetanei, in particolare con le ragazze. Per stessa ammissione dello studente, sono pochi gli amici che vogliono passare a casa per un pomeriggio in compagnia, spaventati da animaletti striscianti o a otto zampe.

>>Scopri la vicenda dei 50 gatti chiusi in una casa

Non credo che a molte ragazze piacciano i ragni in camera mia, quindi non invito a casa molte amiche.

Qualche problemino i singolari ospiti l’hanno causato anche a mamma e papà, così come il signor Nigel Andrews – 52 anni e tanta pazienza – afferma ai giornalisti di Metro UK:

Mi sono decisamente spaventato quando sono andato al bagno, mi sono seduto e mi sono trovato due serpenti intenti a fissarmi. Ma Liam ama i suoi animali e, nonostante le nostre riserve, io e sua madre lo supportiamo siamo indugi.

Una vera e propria famiglia allargata, all’insegna della passione per le specie esotiche. Non si deve però pensare a un caso di animal hoarding, ovvero di accumulatori compulsivi di animali: tutte le specie accudite da Liam sono curate rigorosamente, mantenute in terrai e acquari adeguati e allevate nel massimo standard di salute.

29 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento