Greenstyle Ambiente Animali Toelettatori cani, 8 cose da sapere

Toelettatori cani, 8 cose da sapere

Toelettatori cani, 8 cose da sapere

Se si parla di toelettatura cani non si intende semplicemente fare il bagno e curare il pelo del cane, altrimenti tutti i proprietari potrebbero definirsi come dei toelettatori fai da te. Toelettare i cani in maniera professionale vuol dire lavare e spazzolare il mantello, tagliarlo o stripparlo seguendo determinate regole che variano di razza in razza.

Per un toelettatore è fondamentale sapere come spazzolare un certo mantello, quali siano le razze da strippare e quali no, quali siano le richieste in sede di esposizione per la toelettatura e il pareggiamento del pelo di certi esemplari e curare l’igiene di orecchie, denti e unghie.

Quanto costa portare il cane dal toelettatore?

Difficile dare una risposta a quanto costa portare il cane dal toelettatore. Non esiste un tariffario unico. Qualche toelettatore opta per un costo orario intorno ai 45 euro l’ora, qualcuno ha degli intervalli di prezzo di 20 euro per i cani di piccola taglia e di 60-70 euro per i cani di grossa taglia a pelo lungo. Ovviamente ci sono anche altri fattori da considerare: il prezzo varia a seconda che il cane debba essere solamente lavato e tosato in maniera semplice, strippato, tosato secondo determinati criteri di razza e via dicendo.

Il prezzo, oltre che variare a seconda del tipo di servizio offerto dal negozio di toelettatura cani, cambia anche a seconda della città e della zona: ci sono città e zone più care di altre. Se alla toelettatura di base, poi, aggiungi anche altre procedure particolari come i bagni all’ozono, ecco che i prezzi potrebbero essere più alti.

Nel caso, poi, di toelettatori cani a domicilio, bisogna sincerarsi anche del costo della trasferta. Un altro fattore che incide, poi, potrebbe essere la necessità di una sedazione. A dire il vero succede di più con i toelettatori gatti che non con i cani, ma a volte ci sono soggetti per niente collaborativi che richiedono una sedazione che va eseguita dal veterinario. In questo caso la tariffa relativa alla sedazione, alla visita pre-anestesiologica e agli eventuali esami pre-anestesiologici da fare sono da considerarsi separati da quelli della toelettatura vera e propria.

Il consiglio è quello di concordare sempre prima con i toelettatori cosa debba essere fatto, chiedendo un preventivo dei prezzi.

Cosa prevede la toelettatura di un cane?

Con il termine di toelettatura cani si intende una serie di procedure di pulizia fondamentali per i cani che possono comprendere:

  • spazzolatura del mantello
  • lavaggio del mantello
  • taglio del pelo seguendo delle indicazioni specifiche per razza
  • strippatura
  • igiene di denti, orecchie, zampe e parti intime
  • taglio delle unghie
  • ozonoterapia

Tutto ciò non viene fatto solamente per motivi estetici, ma anche per garantire il benessere del cane. Questo per quanto riguarda la toelettatura cani professionale, fatti da toelettatori che abbiano frequentato appositi corsi per toelettatori cani. E che, soprattutto, sappiano come vada gestito il mantello di quella razza.

Poi c’è la pulizia base che ogni proprietario dovrebbe attuare ogni giorno:

  • controllare che sul cane non siano presenti pulci, zecche o altri parassiti
  • tenere pulito muso, zona genitale e zampe
  • pulire periodicamente orecchie e denti

Come fare toeletta cane?

Vuoi fare una toeletta casalinga al cane? Ecco cosa puoi fare:

  • spazzola il cane con regolarità usando il pettine, la spazzola o il cardatore che meglio si adattano al singolo cane (sempre rispettando le specifiche di mantenimento del mantello di quella razza: un Barboncino richiederà metodiche e attrezzature di spazzolata diverse rispetto a un Pastore Tedesco o un Pastore Bergamasco, parliamo di tipologie di pelo differenti). Importante è rimuovere il pelo morto del cane con una certa frequenza. A meno che tu non debba fare esposizioni, se trovi dei nodi che non riesci a pettinare, è meglio tagliarli via. Occhio solo che il cane stia fermo per non ferirgli la pelle
  • controlla quotidianamente la cute del cane
  • controlla che non siano presenti parassiti
  • tieni pulito il mantello intorno agli occhi, eliminando giornalmente eventuali secrezioni prima che formino crostoni che causano dermatiti
  • pulisci i peli intorno al muso dopo che ha mangiato
  • con gli appositi prodotti, tieni pulite le orecchie del cane (mai usare acqua nelle orecchie, se entra nell’orecchio può causare otiti purulente)
  • tieni pulito il pelo intorno all’area dei genitali in quanto potrebbe sporcarsi con urine e feci
  • mantieni pulite anche le zampe e il mantello, eliminando foglie, rametti o spighette che potrebbero rimanere incastrati
  • fagli un bagno una volta al mese se serve (anche più frequentemente per cani che abbiano particolari problemi dermatologici e sotto controllo veterinario. O meglio: puoi anche lavare il cane una volta a settimana, ma magari non usando sempre shampoo troppo aggressivi che finiscono col danneggiare la cute se utilizzati troppo frequentemente) con prodotti specifici per i cani

Quanto dura la toelettatura di un cane?

La durata della toelettatura del cane varia a seconda della tipologia di toelettatura e del tipo di cane. Una toelettatura fai-da-te, di mantenimento quotidiano, potrebbe consistere in diverse sessioni giornaliere, anche perché magari il cane si stufa di stare fermo. Questo vuol dire fare delle pause frequenti per evitare che il cane si annoi troppo.

Una toelettatura professionista, invece, potrebbe durare anche diverse ore. Tutto dipende dalla taglia del cane, dal tipo di pelo e da quali servizi necessita. Ovviamente cani toelettati frequentemente richiedono toelettature più brevi rispetto a un cane che viene portato solo una volta all’anno.

Quante volte si può fare la toelettatura al cane?

toelettatori cane

La frequenza di toelettatura dipende dal tipo di cane. Per esempio, cani a pelo raso o a pelo corto potrebbero avere bisogno di toelettature meno frequenti rispetto a cani a pelo lungo. Per questi cani sarebbe consigliabile almeno un paio di volte all’anno, soprattutto durante la muta, ma nulla vi vieta di andarci anche una volta al mese o una volta a settimana.

Se infatti il cane a pelo lungo viene tosato con le apposite macchinette o con forbici, potrebbe bastare toelettarlo una volta al mese. Se invece si tiene il cane col pelo lungo, ma toelettato alla perfezione come se dovesse partecipare a un’esposizione da un momento all’altro, ecco che potreste avere bisogno di una toelettatura a settimana.

Ci sono alcune razze che non dovrebbero necessitare del taglio del pelo, prendi per esempio un Terranova. In questo caso, però, una volta al mese potrebbe essere necessario toelettarlo per eliminare il pelo morto o anche solo aggiustare il pelo in alcune parti.

Per i cani a pelo ruvido, invece, dovrai concordare col tuo toelettatore quale sia la frequenza giusta di stripping, onde evitare di avere dopo qualche mese un cane con pelo infeltrito.

Toelettatori cani: quando si deve tosare il cane?

Fermo restando che solo alcune razze vanno tosate, il momento in cui tosarlo dipende anche da come è messa la situazione del mantello del cane. Se il cane è un’informe massa di pelo infeltrito piena di nodi, allora vuol dire che è passato da un pezzo il momento di tosarlo.

Se il cane è mantenuto toelettato costantemente, se è una delle razze da tosare, ricordati solo di non tosarlo troppo a ridosso dell’inverno in modo da dare poi al pelo il tempo di ricrescere per proteggerlo dal freddo.

E d’estate non tosare a pelle il cane, cioè non tosarlo troppo corto. Va bene tosare per mantenerlo pulito, ma se lo tosi troppo corto togli un elemento di protezione dal caldo e lo metti a rischio di sviluppare colpi di calore e scottature.

Toelettatori cani: come pulire il cane tutti i giorni?

Se non hai mai pulito gli occhi, le orecchie e i denti del cane, prima di farlo magari chiedi consiglio al tuo toelettatore. O anche al tuo veterinario, particolarmente utile quest’ultimo nel caso il cane presenti problemi sanitari come otiti, dermatiti o stomatiti.

Importante è anche procurarsi i prodotti giusti, non tossici per i cani. Oltre a spazzole, pettini e cardatori, serviranno anche prodotti per la pulizia delle orecchie specifici per animali, dentifricio e spazzolino per cani (mai usare il dentifricio nostro sugli animali: lo xilitolo per cani e gatti è tossico) e shampoo adatti al pelo e alla cute del cane.

Se vuoi fare una toelettatura cani fai da te, in commercio ci sono tantissimi shampoo fra cui scegliere: alcuni sono più delicati, altri sono lenitivi, altri sono specifici per allergie e pruriti, alcuni sono adatti in caso di cute grassa con seborrea, cute troppo secca che deve essere idratata, senza dimenticare gli shampoo medicati in caso di infestazioni fungine o parassitarie.

Quando si può fare la prima toelettatura al cane?

Bisogna abituare il cucciolo sin da piccolo a essere spazzolato, lavato, a farsi pulire orecchie, denti, zampe e occhi. Questo perché sarà difficile abituare un cane adulto, che non è mai stato abituato prima a queste manipolazioni, a farsi toccare.

Seguici anche sui canali social