Greenstyle Ambiente Animali Colpo di calore cani: cosa fare, come riconoscerlo e come prevenirlo

Colpo di calore cani: cosa fare, come riconoscerlo e come prevenirlo

Tutto quello che devi sapere sul colpo di calore nei cani. A che temperatura si manifesta, sintomi, quanto dura, terapia, conseguenze e come prevenirlo.

Colpo di calore cani: cosa fare, come riconoscerlo e come prevenirlo

In estate, ma non solo, fate molta attenzione ai colpo di calore nei cani. Si tratta di un’emergenza assoluta che, se non trattata in tempo, può portare alla morte nel giro di breve tempo. E anche quando trattata per tempo, a volte, ha delle gravi conseguenze.

Se è vero che ci sono alcune razze di cani in cui è più facile vedere un colpo di calore, è anche vero che, potenzialmente, può svilupparsi in cani di qualsiasi razza, inclusi i meticci, età, taglia e sesso.

Colpo di calore cani: cos’è?

Prima di parlare di colpo di calore vero e proprio, bisogna fare un passo indietro e capire come fa il cane a termodisperdere il calore. I cani e i gatti, infatti, non sudano in quanto hanno pochissime ghiandole sudoripare.

Per eliminare il calore in eccesso, sfruttano l’evaporazione dell’acqua tramite la saliva e l’apparato respiratorio. In pratica quando ansimano e tirano fuori metri di lingua, stanno cercando di termoregolarsi.

È un sistema imperfetto? Abbastanza: quando il cane fa attività fisica, intesa anche come semplice passeggiata e l’ambiente è molto caldo e umido, ecco che è costretto ad aumentare la frequenza respiratoria e ad ansimare di più per termodisperdere il calore e cercare di mantenere la temperatura corporea costante.

Ma se l’attività fisica è troppo intensa, se il caldo e l’umidità sono eccessivi e permangono per troppo tempo, ecco che si svilupperà un colpo di calore. Considerando, poi, che il cane ha una temperatura corporea già più alta di suo, viaggia fra i 38 e i 39 gradi, ci vuole poco a raggiungere e superare i 40-41 gradi.

Già dieci minuti sotto il sole o chiuso in macchina, anche se con finestrini aperti e all’ombra, rischiano di provocare al cane un colpo di calore. Non ci credi? Prova a stare in questi giorni di caldo in auto, con finestrini giù e all’ombra: ti accorgerai che l’abitacolo si surriscalda comunque in pochissimi minuti.

Razze di cani predisposte al colpo di calore

Se è vero che un colpo di calore può svilupparsi in qualsiasi cane, è anche vero che ci sono alcune razze in cui è più frequente osservarlo:

  • Boston Terrier
  • Boxer
  • Bouledogue francese
  • Bulldog inglese
  • Cane Corso
  • Carlino
  • Cavalier King Charles Spaniel
  • Chow Chow
  • Dogue de Bordeaux
  • Golden Retriever
  • Greyhound
  • Pechinese
  • Shih-Tzu
  • Springer Spaniel

Come puoi vedere, per la maggior parte si tratta di razze brachicefale, quindi col muso schiacciato. Tuttavia anche razze insospettabili come il Golden e lo Springer sono maggiormente suscettibili.

Uno studio pubblicato su Scientific Report ha poi sottolineato che il Chow Chow ha una probabilità 16 volte maggiore dei Labrador Retriever di sviluppare colpi di calore.

Situazioni in cui il cane può sviluppare un colpo di calore

Queste sono alcune situazioni tipiche in cui il cane può sviluppare un colpo di calore:

  • cane lasciato in macchina (anche se all’ombra, anche se con i finestrini giù)
  • cane esposto al sole senza fornirgli dell’ombra per più di dieci minuti, inclusi cani che vivono in spazi esterni non ombreggiati o portati in passeggiata sull’asfalto bollente alle 2 del pomeriggio
  • cani lasciati in ambienti troppo caldi e umidi (oltre all’abitacolo della macchina, includi anche le soffitte o le case poco areate)
  • cani che fanno intensa attività fisica
  • cani anziani, cuccioli, con patologie cardiache o polmonari, cani che soffrono di epilessia
  • cani con mantello lungo, fitto e scuro
  • soggetti in sovrappeso o obesi
  • soggetti brachicefali

Colpo di calore nei cani: sintomi

Colpo di calore cani in estate

Questi sono i sintomi del colpo di calore nel cane:

  • ipertermia con valori oltre i 41°C (non si tratta di febbre, ma di aumento della temperatura)
  • aumento della frequenza respiratoria o tachipnea: il cane respira molto più frequentemente
  • congiuntive e gengive iperemiche (rosso cariche)
  • abbattimento
  • debolezza
  • disorientamento
  • confusione
  • incoordinazione motoria
  • incapacità di stare in stazione
  • tremori
  • scialorrea con produzione di saliva densa
  • vomito
  • diarrea anche emorragica, cioè con sangue
  • urina scura, color Coca Cola o con sangue
  • collasso cardiocircolatorio
  • convulsioni
  • coma
  • morte

Colpo di calore cani: terapia e rimedi

Se il cane ha un colpo di calore, avvisa subito il tuo veterinario o il veterinario di zona più vicino. Nel frattempo, sposta il cane all’ombra e in un ambiente fresco e ventilato. Puoi anche applicare impacchi freddi sull’inguine e sui cuscinetti delle zampe in modo da cominciare ad abbassare la temperatura corporea.

Puoi anche apporre uno straccio fresco e bagnato sulla testa.

L’abbassamento della temperatura corporea deve essere costante, rapido, ma non in maniera eccessiva: se il cane si raffredda troppo velocemente, si provoca un grave shock termico. Il che vuol dire evitare acqua ghiacciata.

E il veterinario? Beh, innanzitutto si assicurerà che le vie aree siano pervie e che il cane sia ossigenato. In caso contrario dovrà somministrare dell’ossigeno. Poi imposterà una fluidoterapia, effettuando anche un esame del sangue per valutare la situazione elettrolitica e acido-base, correggendo man mano gli eventuali squilibri.

Se presente ipoglicemia, verrà corretta anche essa. Inoltre imposterà una terapia sintomatica e antibiotica, tenendo d’occhio la funzionalità neurologica, cardiaca, respiratoria, gastroenterica e la produzione di urina.

Per fare tutto ciò, spesso è necessario ricoverare il cane anche per qualche giorno: le conseguenze di un colpo di calore, infatti, non si esauriscono nell’immediato.

La prognosi di un colpo di calore è molto variabile: a seconda della gravità dell’ipertermia, del tempo trascorso da quando è iniziato il tutto e dallo stato di salute precedente del cane, potrebbe anche essere infausta.

Evita il fai da te per quanto riguarda la somministrazione di farmaci: gli antipiretici potrebbero essere controproducenti in quanto non si tratta di febbre, bensì di ipertermia. E prima di somministrare cortisonici a casaccio, chiedi sempre al tuo veterinario.

Le conseguenze del colpo di calore nei cani

Il problema del colpo di calore è che può avere delle conseguenze immediate e delle conseguenze tardive. Quando si manifesta, a causa dell’ipertermia, si scatenano una serie di meccanismi difensivi volti a garantire l’ossigenazione agli organi più importanti.

Ma se lo stimolo che ha causato l’instaurarsi di questi meccanismi persiste, ecco che tutti gli organi vanno in sofferenza: l’organismo è entrato in uno stato di shock che crea ulteriori danni con compromissione multipla degli organi fino ad arrivare alla morte.

Ecco dunque che un cane che arriva con un colpo di calore in stadio iniziale, con sola tachipnea e senza altri sintomi, potrebbe avere una prognosi migliore di un cane che arriva con tachipnea, tremori, diarrea con sangue e urine color Coca Cola.

Il problema, poi, è che non si tratta solo di risolvere l’emergenza acuta, ma anche di sostenere l’organismo nei giorni successivi al colpo di calore, valutando anche che non siano residuati danni permanenti agli altri organi. Per esempio, potrebbe persistere un danno renale o encefalico perdurante.

Come prevenire il colpo di calore nel cane

Colpo calore cane

Per prevenire il colpo di calore nel cane puoi:

  • evitare di lasciarlo in macchina anche se solo per pochi minuti, all’ombra e con i finestrini abbassati
  • i cani devono sempre poter stare all’ombra e avere acqua fresca da bere
  • nelle giornate più calde, lasciargli a disposizione delle piscinette piene di acqua
  • utilizzare gli appositi materassini e pettorine refrigeranti, che trovi in vendita anche su Amazon
  • evitare di far fare attività fisica anche minima durante le ore più calde e afose della giornata
  • non far fare la passeggiata al cane durante le ore più calde della giornata e la sera esci sul tardi quando l’asfalto non è più bollente, per evitare ustioni ai polpastrelli
  • se esci in passeggiata, portati sempre dell’acqua dietro da far bere al cane o da passargli sulla testa per rinfrescarlo. E fai soste frequenti all’ombra

Come capire e cosa fare se i cani hanno un colpo di calore?

Se è una giornata calda e afosa, se sei in un ambiente caldo, umido e poco ventilato, se vedi il cane che inizia a respirare velocemente, a “spanciare” per intenderci, con bocca aperta, mezzo metro di lingua fuori, mucose cariche e saliva densa, è possibile che stia avendo un colpo di calore.

In questo caso contatta subito il tuo veterinario e segui le sue indicazioni. Il colpo di calore nei cani non deve mai essere sottovalutato.

Seguici anche sui canali social