Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Giardinaggio Come si fa una talea e la cura per far crescere la pianta

Come si fa una talea e la cura per far crescere la pianta

Come si fa una talea e la cura per far crescere la pianta

Fonte immagine: Canva

La talea è una parte della pianta che viene tagliata e interrata, o messa in acqua, per dare vita a un nuovo esemplare. La propagazione mediante talee è un modo molto comune per creare nuove piante d’appartamento, ma può funzionare anche per molti arbusti da giardino.

Ma vediamo come si fa una talea e quali piante si possono propagare con questa tecnica.

La propagazione per talea

talea
Fonte: Canva

Le piante possono essere propagate in molti modi, non solo con la semina. Uno dei metodi più semplici è fare delle talee da rami o foglie, metterle in acqua o in un terreno finché non sviluppano le radici; quindi, piantare le talee radicate in vasi o nel terreno.

A differenza della propagazione per seme raccolto dalla pianta madre, la propagazione per talea assicura che le nuove piante siano geneticamente identiche alla pianta originaria.

In generale il metodo della talea ha più successo con piante erbacee a stelo morbido, ma anche molte piante legnose possono essere propagate con questo metodo.

I tipi di talee

Possono essere utilizzate molte parti vegetative di una pianta. I metodi più comuni sono:

  • Talee di fusto, in cui un pezzo di fusto è in parte sepolto nel terreno, compreso almeno un nodo fogliare. La talea è in grado di produrre nuove radici, solitamente al nodo.
  • Talee di radice, in cui una sezione di radice è sepolta appena sotto la superficie del suolo e produce nuovi germogli.
  • Talee di foglie, in cui una foglia viene posta su un terreno umido. In questo caso dovranno sviluppare sia nuovi steli che nuove radici. Alcune foglie produrranno una pianta alla base della foglia. In alcune specie è possibile produrre più nuove piante in molti punti su una foglia e possono essere indotte tagliando le nervature delle foglie. Il metodo di taglio delle foglie è comunemente usato con le piante grasse.

Prima di capire come si fa una talea, vediamo quali piante possono essere riprodotte con questo metodo.

Quali sono le piante che si riproducono per talea?

Sono molte le piante che si possono propagare per talea: da piante ornamentali, a piante da frutto, agli arbusti e alle erbacee.

Vediamo alcune delle piante:

  • Aeonium
  • Azalea
  • La lacrima del bambino
  • Begonia
  • Portulaca comune
  • Crassula
  • Dracaena
  • Ficus
  • Pothos
  • Grevillea
  • Hedera
  • Ibisco
  • Filodendro
  • Pioppo
  • Salvia
  • Schefflera
  • Timo
  • Violetta africana
  • Cactus
  • Calathea
  • Cactus di Natale
  • Agrumi
  • Echeveria
  • Euforbia
  • Gibasis
  • Edera d’uva
  • Luppolo
  • Gelsomino
  • Melissa
  • Maranta
  • Maggiorana
  • Monstera
  • Menta
  • Oleandro
  • Origano
  • Prezzemolo
  • Ananas
  • Portulacaria
  • Prugna
  • Rosmarino
  • La talea di rosa
  • Sansevieria
  • Salice

Quando tagliare talea?

La talea può essere prelevata e radicata durante il periodo di crescita attiva della pianta madre. La tecnica di propagazione è spesso utilizzata nei climi freddi, come strumento per preservare piante pregiate che non tollerano temperature basse durante l’inverno.

Ad esempio, si può prelevare talee di piante tropicali in autunno prima che arrivi il gelo, sradicarle all’interno e poi trasferirle nei vasi. Entro la primavera, si avranno delle piante in vaso vigorose che potranno tornare in giardino.

Come si fa una talea di una pianta?

talea
Fonte: Canva

È opportuno ricordare, prima di iniziare ad illustrare il procedimento, che molto spesso la propagazione di talee non va a buon fine. Le piante erbacee annuali e d’appartamento tendono a raggiungere rapidamente la maturità; al contrario, le talee di piante perenni e legnose sono più difficili da radicare e possono richiedere molto più tempo per raggiungere la maturità.

In generale la chiave per una corretta propagazione di talea è trovare il livello giusto di umidità e temperatura per la pianta scelta. Quindi, è necessario documentarsi prima sulle condizioni ottimali della pianta, senza dimenticare che è meglio fare più talee per massimizzare le possibilità di successo.

Poi, è da ricordare come molte piante possano essere propagate radicando la loro talea in acqua. Tuttavia, il trasferimento nel terreno di una piantina radicata nell’acqua non ha sempre successo, quindi generalmente è meglio posizionare il taglio in un terriccio. È fondamentale mantenere il terriccio umido, ma non fradicio, durante il periodo di radicazione.

Vediamo, quindi, la tecnica per propagare una talea di pianta.

Cosa serve:

  • Forbici
  • Matita
  • Pianta madre
  • Sacchetto di plastica
  • Terriccio
  • Ormone radicante (opzionale)
  • Vasi
  • Alcool

Scegli una pianta madre

La pianta madre da cui prelevare le talee deve essere sana. Evita le piante con malattie o molte foglie cadenti o morenti. Una buona crescita verde è molto più importante di abbondanti boccioli di fiori quando si tratta di selezionare una buona pianta. Infine, la pianta madre deve essere abbastanza grande da non danneggiarla.

Prepara il vaso

Riempi un vasetto pulito con terriccio per contenere la talea. Non utilizzare il normale terreno del giardino, poiché potrebbe contenere agenti patogeni che possono uccidere il taglio prima che metta radici. Si trovano in commercio, anche dei terricci adatti per le talee.

Il vaso non deve essere grande, perché dopo la radicazione dovrai travasare.

Trova il punto per tagliare

Dove tagliare per fare una talea? Scegli steli verdi e recenti e non vecchi e legnosi per le talee. Cerca un ramo con un nodo, una protuberanza lungo lo stelo dove è presente una foglia. Questo è il punto in cui emergeranno nuove radici.

Procedi con il taglio della pianta

Usa un paio di forbici, sterilizzate con l’alcool, per fare un taglio netto appena sotto un nodo. Il taglio non deve essere lungo, ma deve contenere almeno due foglie e un nodo. Di solito è sufficiente un taglio lungo da 10 ai 15 cm. Le talee più lunghe a volte si seccano quando vengono poste nel terreno di coltura.

Prepara la talea

Poni la talea su una superficie piana e fai un taglio attraverso il centro del nodo con una lama sterilizzata. Questa scarificazione del nodo aumenterà le possibilità che le radici emergano da questo punto. Quindi, rimuovi tutte le foglie tranne una o due. La talea ha bisogno di foglie per continuare la fotosintesi.

Ma troppe consumeranno energia che altrimenti andrebbe allo sviluppo delle radici. Se le foglie sono molto grandi in proporzione allo stelo, taglia le metà superiori.

Applicare l’ormone radicante (opzionale)

Alcune piante radicano facilmente, ma un ormone radicante può aiutare stimolando la talea a formare nuove radici. Riempi un contenitore con acqua e metti dell’ormone radicante in un altro contenitore. Immergi l’estremità del nodo del taglio nell’acqua e poi nell’ormone radicante.

Togli l’ormone in eccesso; troppo in realtà ostacola le possibilità di successo.

Praticare un buco e piantare la talea

Usa una matita o un oggetto appuntito simile per fare un buco per piantare la talea nel terriccio. Fare il foro leggermente più grande del diametro dello stelo eviterà che l’ormone radicante si disperda quando si interra la talea nel vaso. Posiziona con cura la talea nel buco che hai fatto nel terriccio e tampona delicatamente il terreno attorno ad esso.

Puoi inserire più talee in un vaso, ma distanziale in modo che le foglie non si tocchino.

Copri il vaso con un sacchetto di plastica

talea
Fonte: Canva

Metti il contenitore con la talea in un sacchetto di plastica. Questo materiale manterrà temperatura e umidità costanti. Ma non sigillare completamente il sacchetto perché serve un leggero flusso d’aria per prevenire la putrefazione.

Conserva il contenitore in un luogo caldo della casa, idealmente in un’area con luce filtrata. Non mettere la talea in piena luce solare fino a quando non iniziano ad apparire nuove foglie lungo lo stelo.

L’ultimo passaggio riprende il metodo della talea in bottiglia, utilizzando delle bottiglie di plastica tagliate nel centro, dove nella parte inferiore verrà interrata la talea per poi coprire con la parte superiore della bottiglia. Questo metodo è utile per chi non può vaporizzare spesso le talee; infatti, coperte avranno abbastanza umidità senza la necessità di continua acqua.

Monitorare la talea

Fino alla formazione delle radici, mantieni il terreno leggermente umido ma non così bagnato da formare condensa all’interno del sacchetto di plastica. Controlla regolarmente la presenza di segni di marciume e rimuovi eventuali problemi.

Dopo due o tre settimane, inizia a controllare le radici tirando delicatamente la talea. Quando inizi a sentire resistenza, significa che le radici si sono sviluppate. A questo punto, puoi trapiantare la talea in un vaso o nel terreno.

 

 

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare