Greenstyle Ambiente Animali Specie aliene invasive: cosa sono e quali i rischi

Specie aliene invasive: cosa sono e quali i rischi

Si sente spesso parlare di specie aliene invasive anche qui in Italia, ma siamo sicuri di sapere cosa siano? È importante conoscerle perché possono mettere a serio rischio la biodiversità dei nostri habitat, soppiantando magari specie autoctone o danneggiando altre specie qui da noi presenti. Un esempio recente? Il granchio blu

Specie aliene invasive: cosa sono e quali i rischi

Ultimamente si sente spesso parlare di specie aliene invasive. Il granchio blu, ormai, è conosciuto da tutti. Ma cosa si intende parlando di specie aliene invasive? E quali sono i problemi che causano? Andremo a scoprire tutto ciò che c’è da sapere, ricordandoci, però, che la colpa della loro diffusione è come sempre attribuibile all’uomo. La maggior movimentazione attraverso il mondo, i cambiamenti climatici, gli errori di giudizio nell’introdurre in un certo habitat specie non autoctone hanno condotto a questo fenomeno.

Specie aliene invasive: cosa sono e conseguenze

Trachemys scripta elegans
Fonte: Pixabay

Con il termine di specie aliene si intendono sia specie animali che specie vegetali che si spostano o vengono portate (sia accidentalmente che volontariamente) in un habitat o in un ecosistema diverso da quello di loro appartenenza. Queste specie arrivano in un ambiente naturale estraneo, che non ha predatori o specie antagoniste che possano tenerne sotto controllo la popolazione. E questo fa sì che queste specie invasive si moltiplichino a dismisura, finendo sia col soppiantare le specie autoctone, sia con il consumare le loro fonti nutritive.

Note anche come specie alloctone invasive o specie esotiche invasive, parlando di specie invasive aliene animali, ecco che queste entrano in competizione con le specie indigene, finendo o col nutrirsi del loro cibo o delle loro prede (privandone così le specie autoctone), sia occupando le loro tane e spazi vitali.

Quindi in definitiva le specie aliene invasive sono specie sia animali che vegetali che vengono trasferite dall’uomo al di fuori del loro habitat naturale, in maniera accidentale o voluta. Diffondendosi e riproducendosi senza controllo, soppiantando le specie locali e nutrendosi delle loro prede, ecco che causano un grave danno alla biodiversità.

Molte specie autoctone, infatti, non hanno difese naturali contro le specie aliene. A volte, invece, queste specie aliene si dimostrano più aggressive di quelle autoctone, decretandone la riduzione in natura.

I danni causati dalle specie invasive sono di diversa entità:

  • danni ambientali: riducono la biodiversità, danneggiano le specie autoctone e alterano gli equilibri degli ecosistemi
  • danni sanitari: alcune piante possono causare gravi reazioni allergiche sia tramite contatto che per inalazione
  • economici: causano una netta riduzione della produttività

Esempi di specie invasive aliene

Ecco alcuni esempi di specie aliene invasive:

  • il giacinto d’acqua del bacino del Rio delle Amazzoni sta invadendo gli specchi di acqua dolce in Africa e Asia, provoando la morte di parecchie specie acquatic e e causando una maggior diffusione della malaria
  • l’Ambrosia artemisiifolia, di origine nord americana, è ormai diffusa anche qui da noi e causa sintomi allergici respiratori anche gravi
  • la cimice asiatica è ormai endemica in Italia, ma ha causato (e continua a causare) danni per milioni e milioni di euro in Italia a livello di produzione ortofrutticola
  • il granchio blu nordamericano sta distruggendo gli allevamenti di vongole italiani, cibandosi poi anche di pesci e provocando una netta riduzione degli stock ittici

Elenco delle principali specie aliene invasive in Italia

cimice asiatica
Fonte: Foto di Federico Maderno da Pixabay

In Italia abbiamo avuto nel corso del tempo diversi casi di specie aliene invasive:

  • gli scoiattoli americani, più aggressivi, hanno a poco a poco soppiantato i più timidi scoiattoli europei
  • stessa cosa è successa con le tartarughe d’acqua del genere Trachemys e Pseudo Trachemys che, essendo più aggressive e predatorie, hanno preso il posto dell’Emys orbicularis nostrana
  • la cimice asiatica, invece, sta causando gravi danni all’agricoltura
  • il granchio blu è l’ultimo della serie. Giunto qui in Italia con le navi da carico, essendo molto vorace e aggressivo, ha cominciato a riprodursi a dismisura, danneggiando allevamenti di vongole e molluschi e cominciando a nutrirsi poi anche di pesci. Anzi: è così affamato che si sta dedicando anche al cannibalismo

Fonti:

  1. European Union
  2. IUCN
  3. EFSA
  4. PubMed

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Giornata mondiale della fauna selvatica
Animali

Ogni 3 marzo si celebra la Giornata Mondiale della Fauna Selvatica. Nota anche con il nome inglese di World Wildlife Day, si tratta di una ricorrenza molto sentita dalle associazioni che si occupano della tutela e della salvaguardia degli animali, ma a cui andrebbe garantita maggior visibilità. Ma vediamo storia e origini della ricorrenza e come possiamo celebrarla.