Greenstyle Alimentazione Alimenti Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese

Appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, lo shiso - il cui nome scientifico è Perilla frutescens - viene coltivato principalmente in Giappone, Corea e Cina. Ne esistono due varietà, quella rossa e quella verde, alle quali sono correlate numerose proprietà benefiche per la nostra salute. Le foglie di shiso, ad esempio, vengono sfruttate per trattare l'asma e le allergie, ma tra le virtù della pianta si annoverano anche quella antiossidante e neuro protettiva.

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese

Fonte immagine: Pexels

Lo shiso è una pianta erbacea ed aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, originaria dell’Asia orientale. Il suo nome scientifico è Perilla frutescens e la sua coltivazione avviene principalmente in India, Vietnam, Giappone, Corea e Cina. Ne esistono due varietà: quella rossa, Perilla frutescens var. crispa e quella verde, Perilla frutescens var. frutescens.

Le foglie di shiso fresche, dal sapore intenso, vengono ampiamente utilizzate in cucina in ricette deliziose da portare in tavola. Ma anche nella produzione di prodotti ad uso medicinale. Che sapore ha lo shiso, e dove comprarlo? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cos’è lo shiso

Lo shiso, conosciuto anche come egoma, è l’unica specie appartenente al genere Perilla: è una pianta commestibile che vanta proprietà medicinali. La Perilla Frutescens si caratterizza per le foglie grandi e ovali, mentre i suoi fiori sono piccoli e di colore viola o rosa.

La pianta cresce fino a 60 cm di altezza e ha un aroma intenso e speziato, simile a quello della menta. In Asia viene apprezzata da secoli per le sue proprietà medicinali e culinarie; in Giappone è un ingrediente comune in molti piatti tradizionali, come il sushi e il sashimi; in Corea e Cina, invece, viene utilizzata soprattutto per le sue proprietà medicinali.

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese
Fonte: Pixabay

Che sapore ha lo shiso?

Come anticipato, ne esistono due varietà. Le foglie di shiso verde sono le più comuni; quelle di shiso rosso, anch’esse commestibili, hanno un sapore e amaro e vengono maggiormente utilizzate per tingere di rosso i cibi, è il caso, ad esempio, dello zenzero in salamoia.

In quanto al sapore, quello delle foglie di shiso è dolce e molto gradevole e si caratterizza per un aroma intenso e speziato, simile a quello della menta.

Valori nutrizionali dello shiso

La pianta è molto nutriente: contiene vitamine e minerali. In particolare è fonte di ferro, di vitamina C e di sostanze dalle proprietà antiossidanti. Le foglie di perilla sono di importanza industriale per le loro proprietà medicinali e nutraceutiche.

L’olio ottenuto dai semi della pianta – che contiene la più alta percentuale di acidi grassi omega-3 rispetto a qualsiasi altro olio vegetale al mondo – è ricco di acidi grassi polinsaturi, policosanoli, fitosteroli e tocoferoli.

L’acido α-linolenico, in particolare, costituisce circa il 55-65% degli acidi grassi polinsaturi della P. frutescens. I semi di perilla sono ricchi di flavonoidi e composti polifenolici.

L’olio di semi di perilla, estratto da semi non tostati, è stato utilizzato per lampade, inchiostri da stampa, vernici, pitture e rivestimenti impermeabili.

Proprietà e benefici dello shiso

Diverse e degne di nota sono le proprietà legate allo shiso. In quanto agli usi medicinali, studi condotti in merito hanno dimostrato come la perilla abbia potere antiasmatico, antimicrobico, antipiretico, antisettico, antispasmodico, antitosse, aromatico, emolliente, espettorante e tonico.

L’olio essenziale di Perilla, estratto dalle foglie della pianta, contiene circa 150-200 composti diversi, che presentano elevate attività antiossidanti, antitumorali, antinfiammatorie, insetticide. Ma, così come ampiamente riportato in rete, l’efficacia di tali impieghi deve essere ulteriormente suffragata da prove scientifiche. Tra le sue virtù:

Riduce il gonfiore

Secondo quanto riportato sul sito dell’Humanitas, alcune delle molecole presenti nello shiso potrebbero aiutare a ridurre il gonfiore. Gli studi hanno anche dimostrato come la pianta possa ridurre le risposte infiammatorie nelle cellule immunitarie, come i macrofagi e i mastociti.

Tuttavia, gli effetti biologici della Perilla frutescens sui neutrofili umani ed i meccanismi molecolari che ne stanno alla base rimangono ancora poco conosciuti.

Combatte l’asma

Altre sostanze contenute nel vegetale potrebbero invece influenzare le molecole responsabili dei sintomi dell’asma. L’infuso della pianta è ritenuto utile da secoli nel trattamento di asma, raffreddore, tosse e affezioni polmonari. Ma anche nella prevenzione dell’influenza e per ripristinare la salute e l’equilibrio nel nostro organismo.

Antiossidante

Diversi studi hanno riportato la presenza di ricchi composti polifenolici, che presentano un’elevata capacità antiossidante, nelle foglie di Perilla. Il tè verde preparato con foglie di Perilla è molto popolare nei paesi dell’Asia orientale proprio in virtù di tale sua capacità.

Inoltre, le sue eccellenti proprietà antinfiammatorie e antibatteriche sono anche note per rafforzare il nostro sistema immunitario e la salute della pelle.

Combatte la nausea

L’olio di perilla, estratto dai semi, veniva regolarmente utilizzato come olio commestibile nella Cina continentale. Gli steli sono un rimedio tradizionale cinese per la nausea mattutina. Altre applicazioni d’suo dei prodotti a base di Perilla frutescens includono il trattamento dei sintomi delle allergie stagionali e delle afte.

Effetto neuroprotettivo

L’olio di semi di perilla e l’acido α-linolenico mostrano forti effetti neuroprotettivi. In particolare, la pianta contiene alcuni principi attivi che vantano azione neuroprotettiva che sono stati oggetto di uno studio mirato a studiare l’effetto degli estratti di Perilla sulla neuroprotezione, l’antiossidazione e la crescita dei neuriti nelle cellule PC12.

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese
Fonte: Pxhere

Controindicazioni dello shiso

Ad oggi non esistono notizie certe riguardo le controindicazioni della Perilla frutescens in fatto di possibile interazione con terapie farmacologiche o sostanze varie. Nel caso in cui si dovessero avere dei dubbi in merito sarà opportuno chiedere consiglio al proprio medico. In via generale, si tratta di un rimedio sicuro.

Bisogna specificare, però, che sono stati registrati dei casi di reazioni allergiche sull’epidermide manifestatesi a seguito dell’applicazione sulla pelle di prodotti a base di shiso.

A cosa serve lo shiso

Sia le sue foglie che i suoi semi sono utilizzati per ottenere prodotti a uso medicinale, mentre in ambito alimentare viene aggiunto ai cibi come aroma. Le piantine di shiso vengono aggiunte alle insalate. Le foglie più vecchie, invece, vengono sfruttate come guarnizione o aromatizzante.

Dal seme della pianta si ottiene un olio ricco di acido linolenico, un acido grasso essenziale che riduce il rischio di malattie cardiovascolari. L’olio di semi di Perilla trova anche applicazione a livello industriale nella produzione di vernici, coloranti e inchiostri.

Shiso, ricette

Come usare le foglie di shiso in cucina? Le foglie di Perilla vengono utilizzate come verdure a foglia ed erba aromatica nella cucina asiatica soprattutto per insaporire il pesce crudo – come il sushi e il sashimi – ma anche la carne, il riso e le zuppe.

Inoltre, possono essere utilizzate per preparare delle marinate o un condimento per insalate. Tra le ricette con lo shiso rosso e verde, infine, si annoverano sottaceti, zuppe, insalate, guarnizioni, aromi alimentari. L’olio di semi di Perilla, estratto dai semi tostati, è un importante olio commestibile utilizzato per esaltare il sapore, cucinare, arrostire e intingere i cibi. Ecco due ricette con lo shiso da provare.

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese
Fonte: Pixabay

Sashimi di salmone con salsa di shiso

Ingredienti

  • 500 g di filetto di salmone fresco
  • 10 foglie di shiso fresche
  • 2 cucchiaini di succo di limone
  • 1 cucchiaino di sale marino
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di salsa di soia
  • 1/2 cucchiaino di olio di sesamo

Preparazione

  1. Preparate la salsa di shiso: tritate finemente le foglie e mescolatele con il succo di limone, il sale marino, lo zucchero di canna, la salsa di soia e l’olio di sesamo.
  2. Tagliate il filetto di salmone a fette sottili e disponetele su un piatto. Cospargete la salsa di shiso sopra le fette di salmone e lasciate marinare per almeno 30 minuti.
  3. Servite il salmone accompagnandolo con salsa di shiso.

Riso allo shiso

Ingredienti

  • 2 tazze di riso cotto
  • 2 cucchiai di olio di sesamo
  • 2 cucchiaini di sale marino
  • 2 cucchiai di foglie di shiso tritate finemente
  • 1/4 di cipolla tritata finemente
  • 1 spicchio d’aglio tritato finemente
  • 1/4 di tazza di semi di sesamo tostati

Preparazione

  1. Fate scaldare l’olio di shiso in una pentola e aggiungete la cipolla, l’aglio e le foglie di shiso tritate. Soffriggete per 1-2 minuti.
  2. Aggiungete il riso cotto e il sale e mescolate bene. Tritate i semi di sesamo tostati sopra il riso e mescolate.
  3. Servite il riso allo shiso caldo accompagnato con del pesce o della carne alla griglia a piacere.

Shiso, dove comprarlo

Dove posso comprare lo shiso? È facilmente reperibile nella maggior parte dei negozi di alimentari asiatici, soprattutto quelli più grandi con reparti di produzione dedicati. Oltre alle foglie fresche, le foglie di shiso sono disponibili anche congelate, sotto forma di olio, essiccate e macinate.

Le foglie fresche, invece, vengono vendute a peso o al mazzo insieme ad altre erbe fresche. Naturalmente è possibile reperirlo anche online, dove la proposta è molto vasta e l’acquisto pratico.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cavolo nero: proprietà di questo alimento invernale
Alimenti

Il cavolo nero è una varietà di cavolo che presenta lunghe foglie di colore scuro e irregolari. È ricco di vitamine, antiossidanti e nutrienti essenziali, tra cui la vitamina K e la vitamina C. Contiene inoltre composti anti-infiammatori che possono aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro. È un super alimento da non sottovalutare e da includere nella propria alimentazione per i suoi interessanti benefici.