Greenstyle Sostenibilità Consumi Riciclare vasi per decorare gli esterni

Riciclare vasi per decorare gli esterni

Riciclare vasi per decorare gli esterni

Fonte immagine: Pixabay

I vasi di terracotta rappresentano uno degli oggetti più frequenti su balconi e giardini. Bellissimi e utili per la coltivazione di fiori e piante, questi strumenti tendono però a deteriorarsi nel tempo, perdendo il loro colore originale o la capacità di trattenere in modo efficace il terriccio. Ancora, capita di frequente che i vasi si rompano accidentalmente, riempendo il giardino di cocci. Ma come riutilizzarli per decorare il giardino, magari avvalendosi del riciclo creativo?

Sono moltissime le idee che possono essere realizzate con dei vecchi vasi, basta affidarsi alla fantasia e alla creatività. Di seguito tre soluzioni davvero alla portata di tutti, anche per coloro che non hanno troppa dimestichezza con i lavori manuali.

Miniatura di piante grasse

Vaso di piante grasse

Così come già accennato, capita abbastanza frequentemente di rompere un vecchio vaso in terracotta. Un piccolo incidente in giardino, la furia del vento pronta a ribaltare una pianta coltivata, un colpo con un pallone o il passaggio inavvertito di un animale domestico. Una volta infranto in decine di cocci, il vaso non deve essere però buttato: lo si può riciclare per ottenere una splendida miniatura di piante grasse.

L’obiettivo è quello di recuperare la porzione più grande rimasta integra del vaso, per poi aggiungere dei cocci come divisori a livelli del terriccio. Si parte posizionando la parte più grande del contenitore in terracotta in posizione verticale. Dopodiché si prendono i cocci più vistosi – proteggendosi le mani per evitare di ferirsi, per incastrarli all’interno della porzione principale. Lo scopo è ottenere diversi spazi separati, anche diversi livelli in altezza, costruendo così una sorta di immaginaria scaletta. A questo si punto si comincia a versare il terriccio, preferibilmente a medio impasto affinché garantisca una buona compattezza, e si prosegue con i cocci rimasti creando altri salti e dislivelli.

Impostata la base di quel che rappresenta un vero e proprio giardino in miniatura, si trapiantano delle piccole piante grasse, come cactus e cuscini di suocera, magari seguendo una composizione decrescente in grandezza, partendo dal basso verso l’alto. Si completa il tutto con della ghiaia oppure delle conchiglie, se lo si desidera.

Personaggi da giardino

Halloween, vaso

Un vecchio vaso ormai rovinato può rappresentare l’occasione per creare dei piccoli personaggi da giardino, una simpatica alternativa ai classici nani. Per questo progetto si potranno anche coinvolgere i più piccoli, i quali non vedranno lora di giocare con vernici e tempere per ricreare il loro beniamino preferito.

L’operazione è abbastanza semplice. Un grande vaso capovolto rappresenterà il busto del personaggio che si andrà a ricreare, mentre un esemplare di dimensioni più piccole servirà per il viso. I due contenitori possono essere uniti grazie al foro di deflusso dell’acqua, approfittando di un po’ di filo di ferro.

Creata la struttura, si dipingono i vasi con vernici per ceramica o terracotta e, una volta asciutta la pittura, si ripassa con del fissante trasparente affinché i colori resistano alle intemperie. Il personaggio realizzato può essere rifinito con altri elementi decorativi, come dei vecchi tubi di plastica da fissare con la colla a caldo per realizzare le braccia o, ancora, una folta pianticella da giardino per ricreare i capelli.

Casette e abbeveratoi per animali

Vaso e uccellino

Un vaso rotto, magari in pochi pezzi, può essere infine facilmente trasformato in una casetta oppure un abbeveratoio per animali selvatici, come ad esempio gli uccellini. Il primo passo del riciclo creativo consiste nello smussare i lati rotti dei vasi a propria disposizione, affinché non risultino taglienti, avvalendosi di una lima, della carta vetrata o di una piccola fresa. Ancora, questi lati possono essere resi sicuri ricoprendoli con dei profili di polistirolo, dei tubi di gomma o delle vecchie canaline per materiale elettrico.

Una volta realizzata la struttura, si può decorare a piacere la superficie esterna. All’interno si può invece posizionare della paglia – oppure un piccolo cuscino – affinché gli animali possano trovare un piccolo ristoro. Ancora, adagiando una piccola ciotola si offrirà dell’acqua pulita – e magari qualche manciata di mangime – agli uccellini durante l’inverno, mantenendola protetta dai fenomeni atmosferici.

Seguici anche sui canali social