Greenstyle Sostenibilità Consumi Piante colorate: gli esemplari più interessanti

Piante colorate: gli esemplari più interessanti

Le varietà di piante colorate più appariscenti e decorative: consigli e indicazioni per curarle e valorizzarle al meglio.

Piante colorate: gli esemplari più interessanti

Fonte immagine: Pixabay

Le piante rappresentano una preziosa fonte di benessere, sia in giardino sia in casa. Tra i benefici non mancano la capacità di purificare l’aria, ossigenare e favorire il giusto equilibrio d’umidità. Da non sottovalutare, inoltre, è anche la possibilità di ravvivare qualsiasi ambiente grazie soprattutto alle qualità cromatiche. Esistono alcuni esemplari di piante colorate, in particolare, che possono trasformarsi in spettacolari punti luce e complementi d’arredo originali. Alcune sono poco conosciute, tuttavia non è difficile reperirle e coltivarle in autonomia purché si conoscano in modo approfondito le loro caratteristiche e le necessità di cura.

Caladium

Una delle piante più sorprendenti per le forme e la varietà cromatica è il Caladium, pianta da fiore appartenente alla famiglia delle Araceae conosciuta anche con il nome di “orecchio di elefante”. Si caratterizza soprattutto per le foglie eleganti e cuoriformi che crescono direttamente dal tubero e che possono creare anche netti contrasti cromatici, spaziando dal rosso al bianco, dall’argento al verde. Il Caladium è una pianta stagionale che fiorisce durante la stagione calda fino all’autunno, richiedendo una elevata percentuale di umidità nell’aria e anche un ottimo riparo dal freddo. Il Caladium necessita di luce diffusa ma indiretta, ma anche di un terreno ricco e ben drenato che dovrebbe essere concimato durante la stagione della crescita. Per generare foglie rigogliose è importante mantenere sempre il terriccio umido e garantire una temperatura esterna sempre superiore ai 21 gradi. È importante ricordare, infine, che tutte le parti del Caladium sono velenose, di conseguenza è necessario prestare attenzione se in casa sono presenti minori o animali domestici.

Zebrina pendula

La Zebrina pendula è una pianta da interno sempreverde, il cui nome è dovuto proprio alle particolari foglie striate sviluppate in senso longitudinale. La Zebrina quadricolor è sicuramente la varietà più appariscente di questa tipologia di pianta, in virtù delle foglie di colore verde con striature bianche, rosse e rosa che raggiungono la tonalità porpora nella parte inferiore. È importante sapere che la pianta ha bisogno di crescere con un’ottima illuminazione indiretta, senza entrare in contatto direttamente con i raggi del sole. Il terriccio deve essere arricchito con della sabbia per favorire il drenaggio, concimando con un prodotto liquido durante la stagione primaverile ed estiva. È preferibile mantenere la temperatura sempre a un livello superiore ai 13 gradi, annaffiando abbondantemente durante la stagione calda. Può essere anche utile vaporizzare spesso le foglie con acqua pulita per rendere più brillanti i colori.

Croton

Croton

Il Croton, il cui nome scientifico è “Codiaeum variegatum”, è una pianta tropicale caratterizzata da foglie molto colorate e appariscenti, seppure rimangano verdi nelle prime fasi della vita. Presentano spettacolari venature e macchie che rendono la pianta molto decorativa e ornamentale. È importante collocare la pianta in una zona luminosa ma senza che possa assorbire direttamente i raggi del sole. La luce, tuttavia, è fondamentale rendere ancora più vivaci i colori delle foglie. Per quanto riguarda la temperatura, è necessario garantire un ambiente abbastanza caldo e umido, tenendola preferibilmente in appartamento almeno durante la stagione invernale. Il terriccio deve essere umido ma evitando i ristagni d’acqua nel sottovaso, potenzialmente dannosi per le radici.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Primule: come si coltivano e trucchi per curarle
Piante

Da sempre, le primule sono considerate i fiori che anticipano l’arrivo della primavera. Disponibili nella loro riconoscibile colorazione gialla, se anche non mancano varietà dal violaceo al blu, queste piante si adattano ottimamente sia ai climi rigidi più tipici dell’inverno che alle temperature di inizio estate. Ideali per essere coltivate sia in vaso che in giardino, colorano gli spazi verdi contrastando il tipico grigiore invernale. Ma quali sono i trucchi per coltivarle e come curarle?