Greenstyle Sostenibilità Consumi Pasqua: i migliori itinerari a piedi

Pasqua: i migliori itinerari a piedi

Pasqua: i migliori itinerari a piedi

Fonte immagine: Pixabay

Le festività pasquali 2021 possono diventare l’occasione ideale per organizzare un viaggio diverso dal solito, percorrendo un itinerario a piedi alla scoperta dei numerosi cammini italiani celebri dal punto di vista storico e culturale, percorsi che spesso celano una tradizione religiosa ancora molto sentita.

L’Italia è ricca di itinerari da percorrere a piedi: lo stesso Ministero dei Beni Culturali ha mappato e messo a disposizione un elenco dettagliato dei percorsi attraverso un portale web dedicato. A differenza degli anni precedenti sarà necessario prestare alcune attenzioni extra, in virtù delle restrizioni imposte dall’emergenza Coronavirus.

Per programmare un viaggio alternativo dedicato a uno dei cammini italiani più suggestivi è necessario informarsi bene sulla percorribilità, sui luoghi consigliati per le soste e i pernottamenti.

Scegliendo di percorrere l’itinerario selezionandone una breve tappa potrebbe facilitare il rispetto delle normative e limitare l’esigenza di pernottamento al di fuori della propria abitazione. Qui di seguito alcune proposte particolarmente suggestive, da Nord a Sud, la cui percorribilità dovrà essere valutata al momento della partenza sulla base delle disposizioni vigenti.

Pasqua: i migliori itinerari a piedi

Cammino di San Giacomo in Südtirol

(Torna al menu)

Alto Adige

Il cammino di San Giacomo (Jacobsweg) in Südtirol inizia a Prato alla Drava e segue prevalentemente le piste ciclabili altoatesine della Drava, della Pusteria e della Valle Isarco, arrivando fino al Brennero per poi proseguire verso l’Austria fino al Duomo di San Giacomo a Innsbruck. L’itinerario copre complessivamente 130 chilometri, tuttavia è diviso in sei tappe, la minore delle quali è lunga circa 16 chilometri da percorrere a piedi o in bicicletta.

Il cammino di San Giacomo, che rappresenta un tratto del sentiero di pellegrinaggio che conduce a Santiago de Compostela, permette di ammirare monasteri e abbazie, luoghi di accoglienza e ospitalità, nonché diversi aspetti della natura altoatesina. Le possibilità di pernottamento e ristoro non mancano in tutte le località visitate.

Via degli Dei

(Torna al menu)

Firenze

La Via degli Dei si percorre a piedi o in bicicletta partendo da Piazza Maggiore a Bologna e arrivando fino a Piazza della Signoria a Firenze. Un cammino antico e un percorso escursionistico attraverso gli Appennini, lungo circa 130 chilometri e diviso in cinque tappe.

La Via degli Dei deve il suo nome ai toponimi di alcuni monti, fra cui Monte Venere a Monzuno e Monte Luario a Firenzuola. Lungo il tragitto è possibile visitare alcuni siti archeologici di notevole portata storica, come l’acquedotto romano di Sasso Marconi, l’area protetta del Contrafforte Pliocenico, il teatro romano e l’acropoli di Fiesole.

Cammino di Dante

(Torna al menu)

Ravenna

Sempre all’Italia centrale appartiene il Cammino di Dante, un percorso lungo complessivamente 380 chilometri che ricalca gli antichi sentieri medievali che collegavano Ravenna e Firenze proprio nel periodo storico vissuto dal poeta.

Il cammino unisce Romagna e Toscana attraverso la zona del Casentino ed è suddiviso in 20 tappe, percorribili a piedi, ma anche a cavallo o in bicicletta solo per alcuni tratti. È caratterizzato da numerosi sentieri utilizzati fino alla fine dell’800, spesso coincidenti con antiche strade etrusco-romane.

Magna Via Francigena

(Torna al menu)

Palermo

La Magna Via Francigena unisce Palermo e Agrigento, 170 chilometri complessivi suddivisi in nove tappe. L’itinerario, percorribile a piedi o a cavallo, vanta origini molto antiche testimoniate dal ritrovamento di una pietra miliare che riportava le indicazioni delle distanze tra i punti di sosta. Il nome Francigena si deve, probabilmente, al passaggio di cavalieri francesi durante il Medioevo.

Si parte dalla Cattedrale di Palermo e si arriva alla rocca di Agrigento, dopo aver attraversato Monreale, la Piana degli Albanesi, la Riserva Naturale di Monte Carcaci e Castronovo di Sicilia. La tappa più breve copre meno di sei chilometri.

Seguici anche sui canali social