Pappagallo usa Alexa per comprare cibo online

Pappagallo usa Alexa per comprare cibo online

Fonte immagine: Pixabay

Un pappagallo è riuscito, sfruttando le funzionalità di Alexa di Amazon, a comprare online i suoi cibi preferiti, tra cui fragole e angurie.

È riuscito a confondere Alexa, l’assistente vocale di Amazon, grazie alla sua eccellente abilità nel mimare la voce umana: è questa la singolare storia di un pappagallo, divenuto negli ultimi giorni virale sui social network. Il volatile, infatti, è riuscito a ordinare tramite la piattaforma di shopping online un gran numero di alimenti di cui è ghiotto, il tutto all’insaputa della sua proprietaria.

Marion Wischnewski, una dipendente di un santuario per animali del National Animal Welfare Trust, ha deciso di adottare un esemplare di pappagallo cenerino precedentemente ospitato nella struttura. L’allontanamento del pennuto si era reso necessario per la sua inclinazione al turpiloquio, non adatta ai numerosi visitatori del centro, e quindi si è pensata per lui una sistemazione privata. Ed è proprio nel comfort di una nuova abitazione che il pappagallo ha dimostrato le sue uniche abilità.

Presso la casa della proprietaria è stato di recente installato un dispositivo Amazon Echo e Rocco – questo il nome del pappagallo – deve averne evidentemente intuito il funzionamento. Così, in assenza della sua compagna umana, il volatile ha cominciato a chiedere ad Alexa di ordinare alcuni gustosi spuntini, tra cui fragole, angurie, uva e broccoli. Le mire dell’animale, però, sono fallite quando la proprietaria si è accorta della presenza di una lunga lista di acquisti da confermare su Amazon, mai apparentemente effettuati.

Dopo una piccola indagine domestica, il responsabile è stato scoperto: non solo Rocco aveva imparato a ordinare cibo online, ma intratteneva lunghe chiacchierate con l’assistente di Amazon, in particolare attivando le funzioni battute e barzellette. Non è però tutto, poiché nella lista di acquisti del pappagallo vi sono finiti anche un aquilone e una lampadina: probabilmente l’animale ha ripetuto parole a caso e Alexa deve averle interpretate come richieste d’acquisto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera