Idrogeno dalle piante: elettricità grazie alla fotosintesi

Idrogeno dalle piante: elettricità grazie alla fotosintesi

Dalle alghe marine una possibile fonte pulita di idrogeno, a sostenerlo i ricercatori della Tel Aviv University guidati dal Professor Yacoby.

Idrogeno pulito grazie all’energia ricavata dalle piante. I ricercatori della Tel Aviv University hanno messo a punto un dispositivo che punta a ottenere elettricità grazie proprio alle fonti naturali. Gli studiosi hanno pubblicato le loro conclusioni sulla rivista “Energy & Environmental Science“. Ha collaborato alla ricerca anche il Prof. Kevin Redding della University of Arizona.

Gli studiosi israeliano hanno svolto alcuni esami su microorganismi acquatici e alghe. Nello specifico i ricercatori hanno valutato la produzione di idrogeno da parte di queste ultime. Alla guida del progetto il Prof. Iftach Yacoby, a capo anche del laboratorio per le energie rinnovabili dell’ateneo.

Più nel dettaglio, i ricercatori hanno analizzato la produzione di idrogeno riscontrata nei campioni di alghe nei quali era stato impiantato un enzima. Un effetto che ha parzialmente sorpreso gli studiosi, come ha confermato lo stesso Yacoby:

Non sapevamo se ciò avrebbe funzionato, ma pensavamo vi fosse del potenziale.

Alghe marine
Fonte: Foto di bluebudgie da Pixabay

Secondo gli studiosi i risultati ottenuti durante gli esperimenti mostrano il potenziale delle piante per quanto riguarda la produzione energetica rinnovabile. Tuttavia, concludono gli esperti, tali benefici potrebbero non essere sfruttabili al loro pieno potenziale, ovvero per la produzione di elettricità, prima di vent’anni:

Dal momento in cui abbiamo capito di poter utilizzare le piante per produrre energie, le opzioni erano aperte. Ci sono molte cose che possiamo prendere in considerazione di fare grazie ai risultati di questa ricerca. Il futuro ci dirà cosa porterà con sé questa scoperta.

Fonte: Energy & Environmental Science

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

VII Forum Qualenergia: intervista a Vittorio Cogliati Dezza di Legambiente