Greenstyle Sostenibilità Consumi Giardinaggio fai da te: guida completa

Giardinaggio fai da te: guida completa

Giardinaggio fai da te: guida completa

Fonte immagine: Pixabay

Dedicarsi al giardinaggio è un’attività certamente impegnativa ma in grado di regalare molte soddisfazioni. Per cercare di praticare questo hobby al meglio e in completa autonomia, è necessario partire con il piede giusto e prendere in considerazione diversi aspetti, al fine di ottenere i migliori risultati possibili. Da dove iniziare? Avere chiari i propri obiettivi è fondamentale, evitando di immaginare traguardi irrealizzabili e cercando di dotarsi di tutto ciò che è necessario per svolgere questa attività al meglio. Ecco alcuni consigli e tutti i passaggi da compiere per non sbagliare.

Progetto iniziale

Quanto spazio si ha a disposizione per creare una zona green in giardino o in balcone? Questa è una domanda fondamentale che bisognerebbe porsi prima di iniziare, focalizzando l’attenzione sul progetto che si ha in mente. In ogni caso, il consiglio è quello di evitare di pensare troppo in grande organizzando uno spazio su piccola scala, almeno per il primo periodo in modo da monitorare l’andamento.

Valutare clima e illuminazione

La valutazione delle condizioni climatiche si rivela determinante, infatti la gestione di un giardino non può prescindere dalla conoscenza del clima locale. Se si può garantire alle piante una quantità adeguata di luce solare, ad esempio, ci si potrà orientare sulla scelta di specifiche tipologie di piante che necessitano di calore e di una buona illuminazione. Una zona di penombra, al contrario, determinerà una scelta alternativa che tenga conto di questo aspetto. Un ruolo importante è svolto anche dall’esposizione alle possibili intemperie, spesso causa di danni irreparabili.

Controllo del terreno

Nel caso in cui l’obiettivo sia quello di allestire un giardino fiorito e popolato di piante coltivate a terra, la qualità del terreno dovrebbe essere verificata a priori. I passaggi da compiere sono pochi ma fondamentali:

  • eliminare le erbe infestanti e i sassi di dimensioni eccessive;
  • smuovere la terra e aggiungere nutrimento sotto forma di compost, in modo da garantire l’assorbimento dei principi nutritivi principali.

Scelta delle piante

Fonte: Foto di photoAC da Pixabay

Una volta verificate le condizioni climatiche, l’illuminazione e le caratteristiche del terreno, è possibile occuparsi della scelta delle piante da coltivare in vaso o a terra. C’è chi vorrebbe realizzare un orto rigoglioso e chi, invece, preferisce allestire un tripudio di fiori che duri il più possibile. In ogni caso, è necessario tenere conto delle peculiarità delle piante annuali e di quelle perenni.

Attrezzi del mestiere

Attrezzi giardinaggio annaffiatoio
Fonte: Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

Chi si occupa di giardinaggio deve anche conoscere la lista degli strumenti del mestiere fondamentali, veri e propri “must have” che facilitano molte operazioni e permettono di ottenere risultati ottimali in totale sicurezza:

  • guanti e occhiali di protezione;
  • strumenti per il taglio, come le cesoie e le roncole usate rispettivamente per la semplice potatura e per eliminare rametti di dimensioni maggiori;
  • utensili per innaffiare, come l’innaffiatoio e il nebulizzatore da usare per idratare senza correre il rischio di bagnare troppo le piante, oppure come il vero e proprio impianto di irrigazione;
  • attrezzi per scavare e pulire, come la pala e il rastrello.

Seguici anche sui canali social