• GreenStyle
  • Pets
  • Il gatto uccide uccellini e roditori? Si rischia il processo

Il gatto uccide uccellini e roditori? Si rischia il processo

Il gatto uccide uccellini e roditori? Si rischia il processo

Fonte immagine: Pixabay

Se il gatto uccide uccellini e roditori, i proprietari rischiano un processo: è questa la singolare proposta avanzata dagli esperti nei Paesi Bassi.

Il gatto è un cacciatore infallibile: si tratti di un piccolo uccellino oppure di un roditore, per la preda raramente vi è possibilità di scampo. Un problema non da poco per la protezione della biodiversità, considerando come diversi studi abbiano negli anni dimostrato come i felini domestici siano la causa dell’estinzione di molte specie rare. E mentre gli esperti consigliano di accudire i quadrupedi esclusivamente in casa, oppure in giardini protetti e recintati, ci sono nazioni che hanno optato per un approccio molto più duro. Nei Paesi Bassi si sta infatti pensando di portare a processo i proprietari di gatti eccessivamente predatori.

La questione tiene banco ormai da anni a livello internazionale. Mentre la maggior parte dei Paesi ha optato per un approccio soft, semplicemente chiedendo ai proprietari un maggiore controllo sui felini e invitando a un accudimento perlopiù d’appartamento, altri hanno scelto il pugno di ferro. È il caso dell’Australia, ad esempio, che ha avviato una contestata campagna per la cattura e l’uccisione di oltre 2 milioni di gatti in libertà.

Gatto e specie rare: i Paesi Bassi all’attacco

Ora arriva anche la svolta dei Paesi Bassi, una proposta che sta già alimentando polemiche in tutta Europa. Secondo quanto riportato da DutchNews, alcuni ricercatori avrebbero avviato una campagna per una nuova legge. Si vuole infatti raggiungere l’obbligo di accudimento in casa dei gatti, per proteggere alcune specie di uccello e di roditore ormai in via d’estinzione. I trasgressori potrebbero essere puniti con salate multe e, ancora, essere trascinati in tribunale per lo spirito cacciatore del loro gatto domestico. Così ha spiegato l’ecologista Chris Smit:

L’idea è che una ONG faccia partire questo processo, ne stiamo attualmente discutendo e cercando delle parti affidabili per questo. Le corti dovrebbero pronunciarsi

Dagli studi di Smit, nei Paesi Bassi i gatti sono responsabili della morte di 32 uccelli ogni minuto. Nella sola nazione, i felini domestici rappresenterebbero una minaccia per 370 specie in via d’estinzione. L’esperto ha quindi spiegato come, per rispettare le direttive europee sulla protezione degli animali selvatici e degli habitat, il Paese dovrebbe adottare leggi restrittive sull’accudimento dei gatti.

Come lecito attendersi, la proposta ha sollevato molte polemiche, soprattutto sui social network. Pur concordando sulla necessità di evitare che i gatti causino la scomparsa di specie rare, l’avvio di un procedimento legale appare esagerato per i proprietari. I gruppi animalisti temono infatti che una simile minaccia possa alimentare la piaga dell’abbandono.

Fonte: DutchNews

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta