Gatto apre la gabbia per evadere dal gattile

Gatto apre la gabbia per evadere dal gattile

Marshmallow, un gatto ospitato in una clinica veterinaria di Marsiglia, ha una dote speciale: la capacità di aprire le gabbiette in cui è rinchiuso.

Non si può dire che i gatti non siano degli animali intraprendenti, ma il protagonista di questa storia ha certamente una marcia in più. Marshmallow, un gatto ospitato in un centro veterinario di Marsiglia, ha infatti imparato ad aprire la sua gabbietta per sfuggire alla reclusione.

Non è un gatto in cerca d’adozione e nemmeno un randagio in attesa di essere tratto in salvo. Marshmallow, uno splendido esemplare dal manto candido, non è altro che la mascotte del centro veterinario in questione e, normalmente, non vive detenuto. Di recente, però, i volontari che lo hanno in cura hanno scoperto la sua strabiliante abilità: quella di poter agilmente aprire le gabbiette.

Il micio è già diventato virale, grazie a un video che lo vede protagonista sulla piattaforma YouTube. Gli addetti del centro, infatti, l’hanno adagiato in una cuccia chiusa da una grata, per dimostrare la grande intelligenza dell’animale. Così, spingendo la zampetta verso il chiavistello, il felino si aggrappa all’apposita maniglia metallica e la sposta con gran forza fino a ottenere la libertà. Non un caso fortuito: così come dimostra il filmato, ogni volta che il gatto viene posto in una gabbia ripete sapientemente l’operazione.

Non è dato sapere come il gatto abbia imparato questo incredibile compito, di cui pochi altri esemplari pare siano a conoscenza. Rimane il fatto che Marshmallow non ami evidentemente rimanere rinchiuso in gattile. Dalla clinica veterinaria fanno sapere come l’animale non passi comunque del tempo in gabbia, perché libero di circolare per tutta la struttura. Nessuna necessità di evadere, di conseguenza, forse un pizzico di claustrofobia che lo spinge all’azione. E il popolo dei social network non ha alcun dubbio: il protagonista del filmato è già stato ribattezzato come il gatto Houdini, in onore dell’omonimo escapologo e illusionista, capace di sfuggire a qualsiasi costrizione fisica. Un piccolo prodigio, insomma, dotato di miagolio.

Seguici anche sui canali social