Greenstyle Alimentazione Mangiare sano Farina: tutti i tipi utilizzabili

Farina: tutti i tipi utilizzabili

Farina: tutti i tipi utilizzabili

Fonte immagine: Pexels

Tutti i tipi di farina oggi disponibili in commercio dovrebbero essere usati per scopi diversi. Di solito, la farina che si impiega per fare il pane è a base di grano e ha una granulometria molto diversa da quella che si impiega, invece, per preparare i dolci lievitati. Farine differenti da quelle di grano sono utili per la realizzazione di focacce o per rendere più densa una zuppa di verdure. I Mix di farine, di varia origine o granulometria, sono utili per preparare impasti più o meno rustici.

Vediamo quali sono i tipi di farina più comuni e come utilizzarli in cucina.

Farina di grano

Bread

La farina bianca di grano tenero è tra le più comuni. La gamma delle sue tipologie è definita nella Legge 580/67 e dal DPR n. 187/2001. In base al residuo di ceneri – ossia sostanze minerali – e al contenuto in proteine, la farina di grano tenero si definisce:

  • 00, se ha un contenuto massimo in ceneri di 0.55 e un contenuto minimo in proteine pari a 9;
  • 0, se il contenuto di ceneri è compreso tra 0.55 e 0.65 e ha un contenuto minimo in proteine pari a 11.00;
  • 1, in cui le ceneri possono arrivare a 0.80 e le proteine a 12;
  • 2, se il contenuto di cenere è compreso tra 1.30 e 1.70 e un contenuto minimo in proteine pari a 12,00.

La quantità di ceneri e proteine è espressa in grammi su 100 g di farina. La maggiore raffinazione facilita l’assorbimento di acqua e l’ottenimento di un impasto liscio e facilmente estendibile. La farina di grano tenero è adatta alla realizzazione di dolci lievitati, panificati, pizza e pasta all’uovo: la scelta di una tipologia rispetto a un’altra è dettata dal tipo di lievitazione e consistenza che si desidera ottenere.

La pasta secca si realizza con la farina di semola, che si prepara a partire dai chicchi di grano duro. Questa varietà è disponibile in tre tipologie: integrale, semola e semola rimacinata. Quest’ultima è la più raffinata e si usa in genere per la realizzazione di creme o vellutate. Per la pasta, invece, si impiega la versione meno raffinata.

Farina di amaranto

Si ottiene dalla macinazione dei chicchi dell’amaranto, una pianta originaria del Perù. È apprezzata per il suo alto contenuto proteico, ma non è adatta a realizzare dolci. Trova invece impiego nella preparazione di pane, pizza e pasta frolla gluten free.

Farina d’orzo

Nota e apprezzata per il suo sapore ricco, si usa di solito per addensare il sugo degli stufati, le salse e le zuppe di verdure. La farina d’orzo può essere mescolata con altre varietà per la realizzazione di torte o biscotti dal gusto e profumo invitanti.

Farina di grano saraceno

È il prodotto della macinazione dei semi piccoli della pianta di grano saraceno. È una varietà ricca di gusto e senza glutine: mescolata con altre farine può essere usata per fare pane, muffin o pasta. È l’ingrediente di una pasta tipica della Valtellina: i pizzoccheri.

Farina di riso

Rice-noodles

Realizzata dalla macinazione dell’omonimo cereale, la farina di riso bianco, o integrale è senza glutine ma ricca di proteine. Spesso si utilizza per per addensare minestre, salse e budini, ma oggi è impiegata anche nella preparazione di pasta, gnocchi e biscotti per chi soffre di celiachia. Per pane e altri prodotti da forno lievitati, però, questa alternativa viene di solito miscelata con farina di frumento.

Amido di patate

Più comunemente nota come fecola, questa farina è ricavata dall’amido estratto dalle patate. Ha un sapore neutro, perciò viene spesso utilizzata in salse, minestre e stufati come addensante, oltre che in aggiunta ad altre farine nella realizzazione di dolci lievitati molto morbidi e friabili.

Farina di mandorle

Mandorle

Prodotta macinando mandorle dolci, con o senza la loro pelle, questa farina ha un gusto ricco e molto apprezzato nei dolci, nelle crostate e per la realizzazione del ben noto marzapane.

Farina di mais

Disponibile nella versione gialla e bianca, la farina di mais si utilizza per la preparazione della polenta o, considerata la naturale assenza di glutine, per torte, biscotti, pasticcini e altri prodotti da forno per celiaci.

Farina di soia

È una farina altamente proteica ottenuta dalla macinazione dei semi di soia tostati. Può essere aggiunta alla farina di grano per aumentare il livello proteico di alcuni prodotti. Non contiene glutine e ciò la rende adatta alla realizzazione di alimenti per celiaci.

Farina di ceci

Si ottiene dalla macinazione dei ceci, è molto economica e nota in Italia per il suo impiego in diverse ricette regionali, come la cecina ligure e le panelle palermitane.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come fare la marmellata di kiwi in casa
Alimenti

Fare la marmellata di kiwi in casa ci regala grandi soddisfazioni. Ricetta e varianti della conserva con suggerimenti per gli abbinamenti più sfiziosi.