Greenstyle Alimentazione Dieta vegetariana per diabetici, quali cibi privilegiare

Dieta vegetariana per diabetici, quali cibi privilegiare

Dieta vegetariana per diabetici, quali cibi privilegiare

Il diabete è una malattia cronica che porta le persone che ne sono affette a determinati obblighi alimentari. La patologia è caratterizzata da una forte presenza di glucosio nel sangue e da un’assenza più o meno significativa di insulina nel corpo. Naturalmente questa è una generalizzazione di massima, dato che esistono differenti tipi di diabete, che si affrontano in maniera altrettanto differente. Però è facile comprendere come, per chi è affetto da questa malattia, intraprendere una dieta vegetariana potrebbe rappresentare una difficoltà iniziale, in particolare per il rapporto con i carboidrati e con le fibre. In generale, non è facile passare da un’alimentazione onnivora a una vegetariana o vegan da un momento all’altro se si è soggetti a particolari prescrizioni per motivi di salute: in ogni caso, si può fare, con un po’ di attenzione e particolare pazienza. Ecco quindi qualche consiglio per una dieta vegetariana per diabetici.

Carboidrati

I carboidrati sono alla base della dieta vegetariana: la pasta, il pane, le patate e i legumi, costituiscono l’ossatura delle abitudini alimentari vegetariane e vegan. Ma chi è affetto da diabete se ne può nutrire? La questione appare inizialmente spinosa, dato che, a fronte di una vita fortemente sedentaria, i carboidrati assunti possono rischiare di trasformarsi in zuccheri. Ma niente paura: chi soffre di diabete può consumare questi cibi, e anzi il consumo è fortemente consigliato perfino dall’American Diabetic Association, dato che i carboidrati complessi pare siano d’aiuto nel controllare i livelli di glicemia nel sangue.

Dolci, frutta e alcol

Dolci significa zucchero, così come frutta, in particolare quella a forte contenuto zuccherino. Lo zucchero può essere consumato dai diabetici, ma con grande moderazione, al massimo il quantitativo di tre cucchiaini di zucchero al giorno, a fronte di una dieta da 1800 calorie. Ma se i dolci si evitano, è sempre meglio. Stessa cosa con l’alcol, da evitare caldamente, perché aumenta l’apporto calorico quotidiano.

Fibre

Comunemente, si pensa che le fibre debbano essere evitate da parte dei diabetici, e in realtà la questione è controversa. Sicuramente, alcuni tipi di fibre aiutano a regolare i livelli di glicemia: si tratta delle fibre solubili, che abbassano anche il livello di colesterolo nel sangue. Tra le migliori fonti di fibre solubili che un diabetico possa consumare e che siano di natura vegetale, ci sono piselli, fagioli, lenticchie, patate al forno con buccia cavoletti di Bruxelles, mais, zucchine, prugne, albicocche, banane, more, orzo.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare