Dieta del Dottor Oz: come funziona, schema e menu

Dieta del Dottor Oz: come funziona, schema e menu

Fonte immagine: Pixabay

21 giorni per perdere peso e impostare uno stile alimentare sano: cosa prevede la dieta del Dottor Oz e quali sono i cibi ammessi e quelli vietati.

Dimagrire e depurarsi in ventuno giorni, impostando uno stile alimentare sano e facendo il pieno di vitamine e minerali preziosi. La dieta del Dottor Oz promette di raggiungere questo risultato rispettando alcune regole alimentari fondamentali e praticando attività fisica in modo regolare.

Mehmet Oz, chirurgo cardiotoracico e insegnante alla Columbia University di New York, è celebre soprattutto per le sue trasmissioni televisive dedicate alla salute e alla prevenzione. La sua dieta si basa sul consumo prioritario di vegetali e su altre strategie mirate a migliorare il metabolismo, favorire il benessere dell’appartato gastrointestinale e naturalmente eliminare i chili di troppo.

Regole base e schema

Legumi

La dieta dei ventuno giorni del Dottor Oz impone il rispetto di alcune regole primarie, come evitare gli alimenti che nella lista degli ingredienti presentano zucchero, sciroppo, farina bianca, grassi saturi e grassi trans. Ogni giorno, inoltre, chi segue questa dieta dovrebbe consumare:

  • due tazze di tè Olong, conosciuto anche come tè blu o tè quing oppure tè semifermentato, noto per il suo potenziale antiossidante e per l’elevato contenuto di sali minerali come calcio, manganese, rame e selenio. Grazie al processo di semi-fermentazione, inoltre, questo tipo di tè si arricchisce di polifenoli che rappresentano un’arma di difesa per contrastare l’azione dei radicali liberi e per prevenire il naturale processo di invecchiamento;
  • mezzo avocado, ricco di grassi buoni e saziante;
  • una porzione di cereali integrali;
    tre porzioni di proteine vegetali;
  • verdure non amidacee a volontà senza limitazioni, tra cui broccoli, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, zucchine, radicchio, lattuga, spinaci ma anche peperoni, pomodori, spinaci, cicoria e scarola;
  • 2 cucchiai di olio di oliva;
  • 2 porzioni di frutta;
  • una porzione di noci o semi oleosi, come quelli di zucca, lino o chia.

Le proteine animali e i latticini sono consentiti non più di due volte alla settimana e, per quanto riguarda la prima categoria citata, sono ammessi il pollame purché privato dalla pelle e il salmone fresco. È anche importante concedersi due spuntini a metà mattina e metà pomeriggio, in modo tale da non arrivare a pranzo e a cena eccessivamente affamati. Totalmente banditi dalla dieta, invece, sono lo zucchero, gli alimenti confezionati e i dolcificanti artificiali.

Menu di esempio

Lamponi

La dieta del Dottor Oz propone alcune combinazioni alimentari ritenute salutari ed efficaci per ottenere un dimagrimento duraturo. A colazione e metà pomeriggio, ad esempio, consiglia di bere una tazza di tè Olong, mentre per gli spuntini prevede il consumo di un frutto di grandezza media. Sempre a colazione, inoltre, è preferibile consumare dell’avocado. Ecco un menu di esempio compilato secondo le indicazioni del Dottor Oz:

  • colazione: una tazza di tè Olong più un toast con polpa di avocado condito con succo di lime e pepe;
  • metà mattina: un frutto di stagione più una manciata di semi di zucca o semi di lino;
  • pranzo: una porzione di cereali integrali più verdure non amidacee a piacere;
  • metà pomeriggio: una tazza di tè Olong più mezza tazza di frutti di bosco;
  • cena: una porzione di fagioli di soia o di lenticchie, verdure non amidacee a piacere.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Uber JUMP: come noleggiare le biciclette elettriche