Cosa piantare a marzo in giardino: i bulbi giusti

Cosa piantare a marzo in giardino: i bulbi giusti

Fonte immagine: cjp via iStock

Sono molti i bulbi da fiore che si possono piantare in giardino a partire dal mese di marzo: dai tulipani agli anemoni, ecco quali.

Il mese di marzo è finalmente arrivato e, complici giornate più lunghe e temperature maggiormente miti, è giunto il momento di tornare in giardino. Questo periodo è infatti ideale non solo per fertilizzare le aree coltivate dopo il clima rigido dell’inverno, ma anche per piantare le prime bulbose in vista di una fioritura già al culmine della primavera. Ma quali sono i bulbi giusti da piantare?

Naturalmente, prima di dedicarsi al giardinaggio è consigliato richiedere un parere al proprio fornitore di prodotti di botanica di fiducia, per vagliare la compatibilità delle singole coltivazioni con il clima tipico del proprio luogo di residenza. Di seguito, qualche consiglio.

Tulipani e narcisi

Tulipano

Tra i fiori da bulbo più caratteristici della primavera, non possono assolutamente mancare tulipani e narcisi. I primi colorano i prati e le aiuole già dalla fine di marzo, con le loro molteplici sfumature: da un candido bianco fino a un intenso rosso. I narcisi, invece, prediligono il mese di aprile per sbocciare in tutta la loro bellezza: non a caso, sono dei fiori tipicamente associati alle festività della Pasqua.

Il periodo ideale per piantare i bulbi di tulipano è molto esteso: si può partire già dal mese di ottobre, per proseguire fino a marzo inoltrato. Questi andranno inseriti a circa 10-20 centimetri di profondità, per proteggerli da eventuali gelate notturne, arricchendo il terreno con del fertilizzante organico, quale il compost. I bulbi possono essere d’acquisto, da moltiplicazione di piante già esistenti o semplicemente recuperati: a fine stagione, infatti, è bene estrarre i bulbi dal terreno per conservarli in un luogo fresco e asciutto.

Anche i bulbi di narcisi sono facili da coltivare e perfetti per il clima di marzo: interrandoli a inizio mese, sempre a una profondità di 10-15 centimetri, la fioritura da aprile e maggio sarà praticamente assicurata. È necessaria qualche accortezza, come la fertilizzazione del terreno, così come anche un luogo mediamente protetto dalle intemperie del periodo.

Fresia, giacinti e anemoni

Fresia

Anche fresie, giacinti e anemoni ben rappresentano la primavera, con la delicatezza dei loro petali e la miriade di colorazioni che solitamente li caratterizzano.

I bulbi di fresia possono essere efficacemente piantati in vaso o in giardino, a seconda delle proprie necessità. Basta interrarli a circa 10-15 centimetri, innaffiare il terreno affinché sia leggermente inumidito e procedere a un’adeguata fertilizzazione, preferibilmente di tipo organico. È necessario scegliere la giusta posizione, però, poiché per la fioritura è indispensabile molta luce.

Per chi fosse alla ricerca di una proposta dai colori appariscenti e dall’incredibile profumo, la risposta è sicuramente il giacinto. Con i suoi grappoli fioriti può diventare una varietà perfetta per abbellire ringhiere, balconi e staccionate: l’interramento dei bulbi può avvenire già dalla metà di marzo. Se piantati in una posizione idonea, con una media irrorazione solare, la fioritura può protrarsi anche molto a lungo, a volte fino a estate inoltrata.

Discorso analogo per gli splendidi anemoni, in particolare la varietà coronaria, scegliendo un terreno morbido, altamente drenante e abbastanza ricche di sostanze nutritive e azotate. Consigliato il compost, ma anche il guano o il letame.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Giardinaggio, come facilitarlo