Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Come innaffiare le piante quando si va in vacanza

Come innaffiare le piante quando si va in vacanza

Esistono molte soluzioni pratiche, veloci e gratuite per innaffiare le piante per coloro che vogliono concedersi una vacanza. Scopriamole tutte.

Come innaffiare le piante quando si va in vacanza

A volte allontanarsi da tutto e prendersi una vacanza è proprio ciò di cui hai bisogno, ma cosa succede a tutte le piante d’appartamento che lasci da sole? Se sei mai tornato a casa da un viaggio rilassante solo per trovare le tue amate piante d’appartamento cadenti, avvizzite e morenti, allora sai esattamente di cosa stiamo parlando!

Ma non deve essere per forza così. Anche se non hai un amico o un vicino affidabile che si prende cura delle tue piante, ci sono diversi modi per innaffiarle quando non ci sei.

Tipi di piante e loro bisogni

Le piante hanno bisogni di acqua diversi per rimanere in salute mentre non ci sei. Piante grasse e cactus non richiedono cure particolari e preferiscono essere lasciate sole. Invece il tuo orto e le tue erbe aromatiche hanno bisogno di più attenzioni e di maggior acqua. Con le orchidee non tentare nemmeno di usare sistemi di auto – irrigazione poiché le loro radici devono asciugarsi tra un’annaffiatura e l’altra: è meglio lasciare queste piante con un amico mentre sei via.

Tipi di vasi e materiali

Il materiale, le dimensioni e lo stile di un vaso avranno un impatto significativo sulle esigenze di irrigazione della pianta d’appartamento. Le piante in fioriere auto – irriganti avranno bisogno di annaffiature molto meno frequenti rispetto alle piante in vasi normali con sotto – vassoi di drenaggio. I vasi di terracotta consentono all’umidità del terreno di evaporare più rapidamente rispetto ai vasi in ceramica smaltata o in plastica. Quasi importante quanto il materiale del vaso è la sua dimensione.

Qualsiasi vaso di diametro inferiore a 15 centimetri si asciugherà abbastanza rapidamente, mentre una vaso di diametro di 25 centimetri o superiore manterrà l’umidità per un periodo di tempo molto più lungo. Le piccole piante in piccoli vasi soffriranno più delle grandi piante a causa della minore disponibilità di acqua.

Preparati a partire

Una delle azioni più utili che puoi intraprendere per preparare le tue piante per il loro tempo senza di te è fare una valutazione accurata di ciascuna delle loro esigenze idriche. Per alcune settimane prima di partire, innaffia ciascuna delle tue piante con un misurino grande o una brocca contrassegnata e prendi nota di quanta acqua è necessaria per ciascuna pianta e con quale frequenza. Sapere esattamente di quanta acqua hanno bisogno le tue piante può aiutarti a impostare il perfetto sistema di auto irrigazione fai da te.

Metodi di irrigazione

I metodi di irrigazione si suddividono in due categorie principali, soluzioni di irrigazione fai da te e sistemi di irrigazione disponibili in commercio. Entrambi i modi funzionano bene se usati correttamente: è più una questione di trovare la soluzione giusta per il tuo budget, tempo e fatica. Alcune soluzioni daranno più tranquillità di altre mentre sei via e questo può valere molto per un viaggiatore preoccupato. Cominciamo!

vasi

Come innaffiare le piante quando non ci sei

1. Sistema ad assorbimento

Questo è uno dei meccanismi più semplici da utilizzare per realizzare un sistema di auto irrigazione fai da te. Hai bisogno di un bacinella che possa contenere abbastanza acqua per la tua pianta o piante e una sorta di materiale traspirante che sia abbastanza lungo da raggiungere il fondo del vaso a partire da un paio di centimetri sotto la superficie del terriccio della tua pianta.

I materiali traspiranti appropriati includono corda di cotone o nylon, spago, stendibiancheria, filati o anche un indumento tagliato come una maglietta o dei jeans. La parte importante è la lunghezza. Taglia gli stoppini della lunghezza ideale per ogni vaso, quindi spingi delicatamente un’estremità nel terreno della pianta da annaffiare fino in fondo e l’altra estremità nel contenitore dell’acqua.

È tutto! L’acqua si sposterà dalla sorgente alla pianta a una velocità lenta e costante che assicura che il terriccio rimanga umido mentre sei lontano da casa.

2. Sistema a gocciolamento

Un altro sistema di irrigazione fai-da-te super facile da realizzare è un sistema a gocciolamento, realizzato riutilizzando bottiglie d’acqua in plastica. E’ sufficiente praticare alcuni fori nel tappo utilizzando un trapano o un martello e un chiodo. Riempi la bottiglia con la quantità d’acqua necessaria alla tua pianta (in base alla tua valutazione) e poi capovolgi la bottiglia, seppellendo il tappo nel terriccio, facendo attenzione a non danneggiare le radici. Quando il terreno si asciuga, l’acqua verrà rilasciata lentamente nel terreno.

3. Fai la doccia alle tue piante

Prima di partire per le vacanze, fai una bella doccia alle tue piante, letteralmente. Porta tutte le tue piante nella doccia o nel lavello della cucina (di giorno e mai di notte per evitare funghi), e inzuppale fino a quando l’acqua non esce dai fori di drenaggio. Una volta che il terreno è completamente bagnato, lascia scolare i vasi e poi rimetti le piante sui loro sottovasi o vassoi raccogli gocce. La doccia dà loro tutta l’acqua di cui hanno bisogno per una o due settimane, quindi quando tornerai a casa le troverai ancora vivaci e felici.

Per le piante grandi che non possono essere spostate facilmente, innaffiale normalmente finché l’acqua non fuoriesce dal fondo. Cerca un annaffiatoio con un beccuccio lungo e sottile per mantenere l’umidità lontana dalle foglie e con una grande capienza in modo da fare meno viaggi al lavandino.

4. Usa fioriere auto irriganti

Se vai via per lunghi periodi di tempo (o sei incline a innaffiare troppo), le fioriere auto irriganti sono un ottimo modo per rendere felici le tue piante d’appartamento. Ci sono diversi tipi di fioriere auto irriganti, ma le migliori sono quelle con un vaso interno che si trova sopra un serbatoio d’acqua. Il vaso interno ha fori di drenaggio extra dove puoi infilare un cordino per attirare l’acqua dal serbatoio fino al terreno, mantenendolo al giusto livello di umidità. Assicurati di cambiare l’acqua quando torni dalle vacanze per evitare di allevare moscerini e parassiti.

5. Usa i bulbi auto irriganti

Questi graziosi bulbi rilasciano lentamente l’acqua nel terreno, mantenendolo umido. Riempi il bulbo d’acqua, copri il beccuccio con un pezzetto di un filtro da caffè, fai un piccolo foro nel terreno lontano dalle radici principali e inserisci rapidamente il beccuccio lungo. Assicurati che il beccuccio sia in profondità nel terreno quindi l’acqua può arrivare alla zolla e non viene rilasciata tutta troppo rapidamente. Questi sono perfetti per piante in vaso di piccole e medie dimensioni, ma puoi creare lo stesso concetto fai da te con una bottiglia di plastica per piante e alberi grandi. Ricorda solo di tenere sotto un piattino o una vaschetta raccogli gocce per evitare potenziali danni causati dall’acqua.

6. Sposta le piante in una zona ombreggiata

Le piante alla luce solare diretta si seccano più velocemente di quelle alla luce solare indiretta. Ogni volta che parti per le vacanze, quindi, sposta tutto ciò che si trova vicino a una finestra verso una zona meno soleggiata.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare