A Chernobyl un branco di rari cavalli selvatici

A Chernobyl un branco di rari cavalli selvatici

Identificato nella Zona di Alienazione di Chernobyl un branco di rari equini, i cavalli di Przewalski: la biodiversità aumenta in assenza dell'uomo.

Le aree limitrofe a Chernobyl, dove l’uomo è assente da più di trent’anni, diventano sempre più un piccolo concentrato di biodiversità. Nel corso degli ultimi anni, diversi studi hanno confermato come all’interno della Zona di Alienazione – lo spazio dove la presenza umana è vietata data la contaminazione da radiazioni – siano tornate in pianta stabile varie specie animali, alcune delle quali non abitavano più questa regione da decenni. Un’ulteriore conferma arriva da una ricerca condotta dall’Università della Georgia, pronta a confermare come le aree vicine alla centrale nucleare siano diventate luogo prediletto da un branco di rari equini selvatici: i cavalli di Przewalski.

Grazie all’uso di fotocamere high-tech, dotate di sensori di movimento e in grado di scattare immagini in modo del tutto autonomo, i ricercatori hanno raccolto più di 11.000 scatti che confermano la presenza dei cavalli di Przewalski nelle località limitrofe alla centrale di Chernobyl. Gli equini, del tutto pacifici e autosufficienti, avrebbero approfittato di alcune strutture abbandonate dall’uomo – in particolare fienili – dove formare dei branchi di esemplari del tutto stanziali.

Questi esemplari – così chiamati in onore dell’esploratore polacco Nikołaj Przewalski – sono anche conosciuti come cavalli della Mongolia. Rispetto ai classici equini, questi cavalli si caratterizzano per un corpo più tozzo e un’altezza più ridotta, nonché per un mantello bruno solcato da una striscia bianca sul ventre. Poiché il patrimonio genetico rimane molto simile proprio a quello dei comuni cavalli, sono possibili delle ibridazioni.

I primi avvistamenti locali di questa specie, quasi esclusivamente selvatica, sono avvenuti 15 anni fa, quando all’incirca 36 esemplari sono stati identificati lungo il confine tra l’Ucraina e la Bielorussia. Nel 2008 questa popolazione risultava raddoppiata e oggi appare stabile nel numero di rappresentanti, tuttavia si tratterebbe di branchi ancora troppo piccoli perché si possa parlare di una vera rinascita. Sono infatti necessari degli sforzi ulteriori di conservazione, affinché la popolazione possa essere geneticamente differenziata, evitando quindi fenomeni di inbreeding che potrebbero alimentare problematiche varie data dalla scarsa rimescolanza genetica.

Dal monitoraggio tramite fotocamere, installate in punti strategici della porzione bielorussa della zona di alienazione, è emerso come questi cavalli sfruttino i fienili abbandonati sia d’estate che in inverno: nella stagione calda per ripararsi dal caldo e dagli insetti, mentre in quella fretta per ridurre l’esposizione alle temperature gelide tipiche di queste zone.

Non è però tutto, poiché le fotocamere hanno permesso di confermare la presenza anche di altre specie, tra cui lepri, alci, cervi rossi, cinghiali, volpi, linci, lupi, numerosi uccelli e pipistrelli.

Fonte: Phys.org

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi sorprendenti del limone