Greenstyle Ambiente Certificazione Green Seal Standard: cos’è e cosa indica

Certificazione Green Seal Standard: cos’è e cosa indica

Tra le certificazioni green, una delle più note è senz'altro la certificazione Standard Green Seal, un'eco-etichetta che certifica la sostenibilità ambientale di aziende, strutture ricettive, edifici e prodotti. Ma quali saranno i requisiti da rispettare per ottenere l'etichetta?

Certificazione Green Seal Standard: cos’è e cosa indica

Fonte immagine: iStock

Probabilmente ti sarà capitato di imbatterti in prodotti o servizi contrassegnati dal marchio di Certificazione Green Seal Standard: ma di cosa si tratta esattamente? Il Green Seal (in italiano “sigillo verde”) è una eco-etichetta molto famosa e utilizzata in tutto il mondo. Si tratta di una certificazione di sostenibilità che valuta il rispetto di determinati standard ambientali da parte di aziende fornitrici di prodotti o servizi.

Un po’ come altre certificazioni di sostenibilità (pensiamo ad esempio alla LEED o alla ben nota certificazione Eco-label), anche la Green Seal si prefigge lo scopo di promuovere, incentivare e favorire un modello di produzione sostenibile, esortando i fornitori di prodotti e servizi a rispettare determinati standard di qualità ambientali.

Cos’è la certificazione Green Seal standard?

Abbiamo visto, a grandi linee, a cosa serve la certificazione Green Seal. Ma quali sono gli obiettivi e le caratteristiche di questa eco-etichetta?

La Green Seal è un’organizzazione no-profit fondata nel 1989 e presente in tutto il mondo. Da decenni, l’organizzazione si impegna a proteggere l’ambiente e la salute di noi consumatori, favorendo il rispetto di determinati standard di sostenibilità ambientale.

L’organizzazione è membro e cofondatore del Global Ecolabelling Network (GEN), rete mondiale che include 27 programmi internazionali di etichettatura ecologica, compresa la già citata EU Ecolabel.

Cosa certifica la Green Seal?

Ma vediamo quali servizi o prodotti potrebbero riportare il marchio di sostenibilità Green Seal. Questa eco-etichetta certifica la sostenibilità ambientale di:

  • Strutture ricettive e ristoranti: il “sigillo verde” è una delle più importanti certificazioni di qualità per il turismo sostenibile
  • Materiali da costruzione
  • Carta
  • Prodotti o servizi per la pulizia (sia a livello domestico che nel settore aziendale e industriale)
  • Aziende: proprio come la Cradle to Cradle, anche Green Seal è una delle più note certificazioni di sostenibilità aziendale
  • Packaging e imballaggi per alimenti
  • Vernici e rivestimenti.

Gli obiettivi della certificazione sostenibilità ambientale

Green seal logo
Fonte: Facebook

Sempre più spesso ci capita di imbatterci in prodotti che si autodefiniscono “verdi”, “sostenibili”, “rispettosi” e in decine di altri modi differenti. Ma come fare a capire se il prodotto o servizio che intendiamo acquistare è davvero ciò che dice di essere? Come capire se è davvero sostenibile?

È a questo che servono le certificazioni green, a dimostrare che determinati prodotti o servizi rispettino davvero degli standard di sostenibilità ambientale riconosciuti a livello internazionale.

Ma non solo. Le eco-certificazioni servono anche ad aiutare le aziende a migliorare i propri modelli di produzione, i propri servizi e, in senso più ampio, il proprio rapporto con l’ambiente.

Concretamente parlando, la Green Seal favorisce l’adozione di scelte più sostenibili. Ad esempio, potrebbe incentivare l’utilizzo di carta riciclata da parte di aziende, politici e consumatori. In quanto certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici, la Green Seal accerta inoltre l’assenza di Composti Organici Volatili (COV) o di sostanze tossiche, cancerogene e pericolose per la salute, e favorisce l’adozione di comportamenti sicuri per l’ambiente.

Quali sono gli standard della Certificazione Green Seal?

Per poter ottenere il cosiddetto “Sigillo verde” bisogna rispettare una serie di standard basati su dati scientifici.

L’analisi del servizio o prodotto offerto coinvolge l’intero ciclo di vita di quest’ultimo, dall’impatto causato dall’estrazione delle materie prime ai metodi di produzione, trasporto, modalità di riciclo, energie impiegate (rinnovabili o non rinnovabili), sfruttamento delle risorse naturali (acqua, aria e suolo), modalità di smaltimento e ri-utilizzo del prodotto.

Per poter ottenere questa certificazione di eco-sostenibilità per strutture ricettive, aziende e prodotti, i richiedenti dovranno sottoporsi a una serie di valutazioni e verifiche. Dopo aver ottenuto la certificazione, inoltre, verranno condotte ulteriori valutazioni periodiche per accertare che il servizio o prodotto continui a rispettare gli standard necessari.

Fonti

Fonte foto: Facebook Green Seal

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ecco “Il prato più brutto del mondo”, un contest per salvare il pianeta
Conservazione ambientale

Non ci sono giardini da copertina in lizza, come immaginiamo, per concorrere al prato più brutto del mondo. Ma anche se la cosa può farci ridere ad una prima lettura, gli obiettivi di questo originale contest sono ecologici e sostenibili. A lanciare l’idea, che ora ha varcato i confini del vecchio continente, è stata una zona della Svezia dove l’irrigazione è soggetta a rigidi limiti.