Cane albino: caratteristiche e cure

Cane albino: caratteristiche e cure

Fonte immagine: Pixabay

Il cane albino è un esemplare delicato che rifugge dall'esposizione solare: ecco le caratteristiche di cute, pelo, occhi e le problematiche.

L’albinismo è un’alterazione genetica che determina l’assenza di melanina negli occhi, nella pelle e nel pelo, sia degli esseri umani che degli animali, cane compreso. Questa assenza caratterizza l’aspetto fisico di questi animali, spesso dal manto bianco, pallidi e con occhi rossi oppure chiari. Per una conferma ufficiale è bene consultare sempre il veterinario di fiducia che potrà certificare la condizione fisica del cane, suggerendo soluzioni e cure più adatte che ne favoriscano un’esistenza in salute.

Il ruolo della melanina

La melanina definisce la pigmentazione della cute, dei capelli nell’uomo e dei peli nel cane, quindi l’iride e la colorazione degli occhi; viene prodotta da cellule particolari definite melanociti che conferiscono a ogni individuo o animale le singole caratteristiche di pigmentazione, in base al fenotipo di appartenenza. Il suo è un ruolo importante perché funge da schermo contro l’azione nociva del sole, una sorta di filtro contro i raggi ultravioletti, in grado di neutralizzare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cutaneo e di alcune malattie degenerative.

Albinismo

Cane bianco

Come anticipato l’albinismo è la conseguenza diretta data dall’assenza della melanina, un’alterazione genetica che produce pelle chiara rosea, pelo bianco, iride chiara con tonalità azzurra o verde, più raramente rossa. Il cane appare piuttosto pallido: anche le stesse palpebre, il tartufo e le labbra risultano rosa chiaro quasi bianche, come le mucose. Per verificare la condizione di albinismo il cane deve sottoporsi a uno specifico test genetico effettuato da un veterinario esperto o da una clinica di competenza.

Caratteristiche

Oltre alle caratteristiche cromatiche elencante ovvero pelo, iride e mucose chiare, il cane affetto da albinismo risulta maggiormente sensibile all’esposizione solare, definitiva fotofobia, con una forte predisposizione per le scottature e alcune forme tumorali cutanee. Anche se non è una prassi, molti cani albini possono soffrire di sordità, mentre è certo che possano sviluppare problematiche legate alla vista causate dalla presenza di un’iride così delicata e priva di pigmentazione. Il cane potrebbe non sopportare l’esposizione alla luce quindi sviluppare strabismo (occhi storti) e nistagmo (movimento rapido e involontaro del bulbo oculare).

Salute e cure

Cane bianco

Non esiste cura per l’albinismo, ma è possibile riservare al cane una serie di attenzioni e precauzioni particolari che gli consentano una vita serena e tranquilla. Meglio evitare l’esposizione alla luce solare e nelle ore più calde, favorendo una buona protezione cutanea con l’applicazione di creme specifiche. La vista ridotta impone un ordine casalingo preciso che gli consenta di muoversi senza farsi del male, quindi di recuperare oggetti e giocattoli di uso comune; questi ultimi dovranno emettere un suono se schiacciati, così da facilitarne l’individuazione. In commercio sono presenti degli occhiali specifici per questo tipo di problematica come prodotti, creme, articoli utili per la cute del cane albino, perfetti per curare la pelle evitando allergie e irritazioni. Il cane affetto da albinismo è un animale timido e riservato, molto timoroso del mondo circostante, per questo è indispensabile stimolare la socializzazione sin dalla più tenera età, così da renderlo sicuro e indipendente.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!