Greenstyle Sostenibilità Consumi Beauty Routine Vegana: 5 consigli utili

Beauty Routine Vegana: 5 consigli utili

Non solo cibo: il buon vegano rispetta i suoi valori anche in sala da bagno; una lista di 5 consigli per una buona beauty routine vegana.

Beauty Routine Vegana: 5 consigli utili

Fonte immagine: Pixabay

Molti sostengono che il 2021 sarà l’anno del veganismo: l’attenzione da parte degli internauti sul tema è sempre più alta e le ricerche intorno al tema s’intensificano, ma chi conosce la materia sa che non si può essere vegani solo a tavola. Osservare una corretta beauty routine vegana è importante esattamente come sapere cosa mangiare.

Quando si tratta di veganismo, di solito si comincia dalla dieta, ma oggi parleremo di beauty routine per sapere come comportarsi bene anche lontano da forchetta e coltello!

5 consigli utili per una sana beauty routine vegana

Bisogna partire da un punto importante: il veganismo rifiuta ogni forma di crudeltà e di sfruttamento nei confronti degli animali, quindi anche la sperimentazione per cui una buona beauty routine vegana prevede l’utilizzo di prodotti in cui la partecipazione animale è del tutto assente. Ecco cinque dritte da tenere in considerazione:

  1. Ogni volta che decidete di acquistare un prodotto, controllate l’INCI, dal make-up alla cura del capello: biotina, cheratina, cera d’api, gelatina, alcol cetilico, acido stearico, polvere di seta sono alcuni fra gli ingredienti di origine animale più presenti;
  2. Prestate particolare attenzione alle ciglia finte: molti dei marchi che le producono utilizzano ancora il pelo animale per realizzarle, preso dai visoni; andate quindi alla ricerca di ciglia fatte con fibra sintetica.
  3. Il veganismo strizza l’occhio anche all’ambiente per cui usate l’acqua lo stretto indispensabile e investite in prodotti riciclabili a partire dal packaging.
  4. I deodoranti sono un argomento molto delicato: la maggior parte dei deodoranti sono stati testati sugli animali e possono contenere ingredienti di derivazione animale come polline d’api, chitosano (dai gamberetti), propoli, acido stearico e urea. Attenzione quindi agli ingredienti e preferite sempre il roll allo spray: più difficile da gestire ma molto meno dannoso per l’ambiente.
  5. Investite su voi stessi: molti trucchi commercialmente diffusi (come rossetti e ombretti) possono essere facilmente replicati e fatti in casa con prodotti 100% naturali. Hanno un livello di deperibilità più alta ma avremo il pieno controllo di ciò che stiamo impiegando.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Carbon footprint: 5 modi per ridurre l’impronta carbonica personale
Ambiente

La nostra impronta di carbonio, anche detta carbon footprint, misura quanto impattiamo a livello ambientale. Si parla di emissioni di gas serra derivate dalle nostre attività quotidiane, come gli spostamenti o le nostre scelte alimentari. Ma con qualche utile consiglio possiamo rendere i nostri stili di vita più sostenibili, per sostenere l’inversione del temuto cambiamento climatico.