Artrosi: carne e pesce possono essere la causa

Artrosi: carne e pesce possono essere la causa

La presenza di zinco nell'organismo favorisce l'insorgere dell'osteoartrite. A sostenerlo una ricerca condotta da alcuni ricercatori sud coreani.

Alimenti ricchi di zinco come pesce, cioccolato e pollo potrebbero causare lo sviluppo dell’artrosi. Secondo uno studio presentato dai ricercatori coreani del Gwangju Institute of Science and Technology, Sud Korea, l’assunzione di questo metallo rappresenterebbe un elemento essenziale per il processo di degenerazione della cartilagine articolare.

Durante il processo di lavorazione dello zinco, secondo i ricercatori, si innesca un processo a catena che porta le stesse cellule cartilaginee articolari a distruggersi, permettendo l’insorgere dell’osteoartrosi. Le conseguenze sono di un progressivo sfregamento delle ossa coinvolte nell’articolazione e il conseguente dolore indotto dalla frizione.

Trasportato all’interno delle cellule cartilaginee dalla proteina ZIP8, lo zinco avvierebbe la sequenza molecolare responsabile del danno alla cartilagine. Secondo quanto ha riferito il Dr. Jang-Soo Chun del Gwangju Institute of Science and Technology:

Nel nostro studio abbiamo rivelato come l’intera serie di eventi nel processo di sviluppo dell’osteoartrosi in base sulla lavorazione dello zinco, dall’immissione dello zinco nelle cellule fino alla distruzione della cartilagine.

Non sarebbe a tutti gli effetti, quantomeno non in maniera diretta, il metallo a operare la mutazione nelle cellule cartilaginee, ma alcune proteine denominate “enzimi di degradazione della matrice”. Queste ultime hanno bisogno però dello zinco per poter avviare, tramite l’MTF1 (metal-regulatory transcription factor-1) il processo distruttivo dei tessuti.

Questo ha spinto i ricercatori ad analizzare più nel dettaglio il ruolo giocato dallo zinco, attraverso esperimenti condotti in laboratorio su modelli animali (roditori). Secondo le analisi nei soggetti con problemi osteoarticolari i livelli della proteina ZIP8 era notevolmente più elevati rispetto ai soggetti sani.

Come spiega nelle sue conclusioni il Dr. Jang-Soo Chun potrebbe essere a questo punto possibile intervenire nella messa a punto di nuove terapie mediche, magari anche semplicemente riducendo i livelli di assunzione dello zinco:

I nostri risultati suggeriscono come la deplezione (Riduzione della quantità di una sostanza, n.d.r.) locale dello zinco o l’inibizione farmacologica della proteina ZIP8 o dell’attività MTF1 nel tessuto cartilagineo potrebbero rappresentare efficaci approcci terapeutici per il trattamento delle osteoartriti.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social