Greenstyle Sostenibilità Scienza & Tecnologia App Your Food Zero Sprechi: test e recensione

App Your Food Zero Sprechi: test e recensione

In un mondo dove gli sprechi sono insostenibili a livello globale, una semplice app ci aiuta a non buttare. Si chiama Your Food Zero Sprechi ed è una release colorata e per nulla complicata, studiata per tenere sotto controllo i nostri acquisti. Dai beni alimentari a quelli cosmetici, passando per altri deperibili, un avviso ci ricorderà delle scadenze e ci faciliterà le nuove spese.

App Your Food Zero Sprechi: test e recensione

Fonte immagine: Screenshot Zero Sprechi

Il suo nome è Your Food – Zero Sprechi e, alla pari di Bond, James Bond, questa app ci aiuta a “spiare” e restare dalla parte del bene. Ma cosa fa di preciso questa release marchiata Harderue e perché vale la pena scaricarla? Il suo osservato speciale è il nostro frigorifero, con un occhio di riguardo anche per dispensa ed armadietti del bagno.

Ci aiuta, in poche e semplici parole, a tenere sotto controllo i nostri deperibili, con la creazione di liste della spesa, ma anche avvisi per i prodotti in scadenza. Si tratta di elenchi non per forza legati alla parte alimentare, ma che includono anche i cosmetici o i detergenti, come qualsiasi bene che si possa acquistare al supermercato vicino casa.

Una volta effettuati gli acquisti, Your Food Zero Sprechi ci permette di selezionare quantità dei beni e anche la data di scadenza. Ci offre anche la possibilità di impostare due reminder per avvisarci quando si avvicinano le scadenze. La app ci ricorderà, con un avviso specifico, che dobbiamo affrettarci a consumare per non sprecare.

Su GreenStyle abbiamo voluto testarla e avere così qualche dato utile per una recensione, in modo da rendere più facile la vita ai nostri lettori. Ve lo spoileriamo, ci sono pro e contro da considerare, ma l’app mantiene le sue promesse, anche in questa veste forse più adatta per un pubblico giovanissimo che per l’utente medio.

Zero Sprechi app
Fonte: Screenshot Zero Sprechi

Your Food Zero Sprechi app: test e recensione

La prima cosa che salta subito all’occhio di Your Food Zero Sprechi è lo stile kawaii scelto, che sembra ispirato ai manga nipponici. Ci accoglie, dopo il download e l’apertura, una cornucopia di colori e di simboli con faccine e sorrisi. Ma se non ci lasciamo sconvolgere dagli arcobaleni, ci si para dinanzi un’app davvero utile e intuitiva.

Ma in cosa può aiutarci e come adoperarla per rendere la nostra vita più sostenibile, a partire dalla lotta agli sprechi alimentari e non solo? Il primo modo è di tenere sotto controllo gli acquisti, tramite la creazione di liste della spesa e, se vogliamo essere precisi, anche delle uscite mensili per i beni.

Il terzo servizio offerto dall’app è, tuttavia, quello più utile per ogni individuo green che si dica tale: il reminder per ogni acquisto che si avvicina alla scadenza. E qui tornano in scena colori e icone, pronti a rendere felici gli unicorni. Ma anche noi gente senza ali, in quanto le impostazioni degli avvisi sono importanti per non sprecare cibo e denaro.

Ad ogni bene messo in lista, possiamo infatti attribuire una simpatica icona che lo simboleggi, ma anche e soprattutto impostare la data di scadenza. Il passaggio successivo è decidere quanti giorni prima vogliamo essere avvisati, con la possibilità di avere due promemoria e non sbagliare.

È molto pratico anche impostare le quantità dei prodotti acquistati, in modo da poterla scalare di volta in volta quando consumiamo. Di fatti, l’app ha questo lato furbo che permette di avere i reminder quando il prodotto è agli sgoccioli, ma anche di tenere sotto controllo quanto cibo o altro dobbiamo smarcare in fretta.

Considerazioni finali

Se non abbiamo grandi pretese e ci serve un’applicazione semplice e dinamica sul nostro telefono per avere un’idea di quello che abbiamo stoccato in casa, con Your Food Zero Sprechi non avremo problemi. Si tratta di un’app che non richiede impegno ed è scaricabile da iOS Store o da Google Play in modo gratuito.

Il punto a favore è infatti la semplicità di utilizzo, legata alla gratuità della release, due aspetti che la rendono un buon punto di partenza per fare ordine nelle spese. Se poi non ci dispiace lo stile lollipop che troviamo in ogni pagina, tanto di guadagnato. Gli ortaggi che sorridono e la riduzione degli sprechi, forse, renderanno felici anche i più monolitici.

 

Foto | Screenshot Your Food – Zero Sprechi app

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Moda sostenibile, definizione: quando un brand è green
Moda

La definizione di moda sostenibile è incredibilmente ampia, e non riguarda solamente la scelta dei materiali impiegati durante i processi di produzione, ma anche l’utilizzo consapevole delle risorse e aspetti sociali ed economici. Ma in che modo la moda può diventare eco-sostenibile?