Greenstyle Sostenibilità Cultura & Società Agenda 2030, obiettivo 2: Porre fine alla fame

Agenda 2030, obiettivo 2: Porre fine alla fame

L'obiettivo 2 dell'Agenda 2030 ha come traguardo eliminare la fame nel mondo e risolvere i problemi di malnutrizione. 795 milioni di persone nel mondo sono denutrite. La maggior parte vive in Paesi in via di sviluppo dove il 12,9% della popolazione è denutrita. La malnutrizione causa il 45% dei decessi dei bambini con meno di cinque anni: 3,1 milioni di bimbi ogni anno. 66 milioni di bambini in età scolare vanno a scuola affamati: 23 milioni solo in Africa

Agenda 2030, obiettivo 2: Porre fine alla fame

L’obiettivo 2 dell’Agenda 2030, siglata nel 2015 da tutti i Paesi membri dell’Onu, riguarda la fame nel mondo, una piaga ancora troppo attuale. Milioni di bambini in tutto il globo non hanno accesso a cibo sano e sicuro, sono malnutriti, senza dimenticare i temi importanti della sicurezza alimentare e della nutrizione globale. Il punto della situazione dell’Agenda 2030, per l’obiettivo 2, “Porre fine alla fame”, non è dei migliori. C’è ancora molto lavoro da fare.

L’Agenda 2030, infatti, si pone anche come obiettivo quello di modificare culture e mentalità ancora dure da morire. Bisogna riconsiderare come coltivare, condividere e consumare il cibo. Agricoltura sostenibile, sivilcoltura e pesca green possono dare cibo nutriente a tutti quanti, generando anche lavoro e redditi adeguati, in particolare nelle zone rurali e tra la popolazione femminile. Abbiamo bisogno di un cambiamento profondo nel sistema mondiale, perché oggi 795 milioni di persone soffrono la fame, mentre la popolazione mondiale è in continua crescita.

Fame nel mondo, la situazione attuale

Circa 795 milioni di persone nel mondo sono denutrite. Una persona su nove. La maggior parte delle persone che soffre la fame vive in Paesi in via di sviluppo: in queste zone il 12,9% della popolazione è denutrita. Il continente dove il fenomeno è più intenso è l’Asia: due terzi della popolazione totale soffre per denutrizione. I maggiori problemi si hanno in Asia meridionale, con quasi 281 milioni di persone denutrite. In Africa subsahariana il tasso di denutrizione è del 23%.

La malnutrizione causa il 45% dei decessi dei bambini con meno di cinque anni: 3,1 milioni di bimbi ogni anno. Un bambino su quattro soffre di un ritardo nella crescita per questo motivo. Nei Paesi in via di sviluppo il rapporto può essere anche di 1 su 3. Nelle regioni in via di sviluppo, 66 milioni di bambini in età scolare vanno a scuola affamati. Sono 23 milioni solo in Africa.

Sicurezza alimentare

L’agricoltura è il settore dove lavorano più persone al mondo, il 40% della popolazione mondiale. Ed è la fonte di reddito principale nelle zone rurali più povere. 500 milioni di piccole aziende agricole nel mondo garantiscono l’80% del cibo che si consuma nel mondo occidentale. Il settore agricolo, da inizio 1900, ha perso il 75% della varietà delle colture. La biodiversità agricola può aiutare ad avere un’alimentazione più nutriente. Le donne non hanno pari accesso in agricoltura rispetto agli uomini. Se non fosse così, il numero delle persone che soffre la fame nel mondo potrebbe ridursi fino a 150 milioni.

Agenda 2030 obiettivo 2 nutrizione

Agenda 2030, obiettivo 2: fame nel mondo. I traguardi da raggiungere

Quali sono i traguardi che l’obiettivo 2 dell’Agenda 2030 si è prefissato?

  • entro il 2030, porre fine alla fame e garantire a tutte le persone l’accesso a cibo sicuro, nutriente e sufficiente
  • porre fine entro il 2030 a ogni forma di malnutrizione, in particolare per contrastare l’arresto della crescita e il deperimento nei bambini sotto i 5 anni di età
  • entro il 2030 raddoppiare la produttività agricola e il reddito dei produttori di cibo su piccola scala, in particolare le donne
  • garantire entro il 2030 sistemi di produzione alimentare sostenibili e trovare pratiche agricole resilienti per aumentare produttività e produzione, proteggendo gli ecosistemi e rafforzando la capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici
  • entro il 2020 garantire la diversità genetica delle sementi, delle piante coltivate, degli animali da allevamento e domestici e delle specie selvatiche con banche di semi e piante diversificate
  • incrementare gli investimenti in infrastrutture rurali, ricerca agricola e formazione, sviluppo tecnologico e le banche di geni vegetali e animali, anche con la cooperazione internazionale
  • prevenire restrizioni commerciali e distorsioni nei mercati agricoli mondiali
  • ideare misure per poter garantire il perfetto funzionamento dei mercati delle materie prime alimentari e loro derivati

Agenda 2030, i 17 obiettivi

I 17 obiettivi dell’Agenda 2030 sono:

Tanti obiettivi da conoscere, approfondire e cercare di portare a termine entro il 2030.

Fonti:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Che giorno è Pasqua? Il calcolo da fare per sapere la data
Cultura & Società

La data in cui cade la Pasqua è calcolata in base al calendario lunare. La festività ricorre la prima domenica dopo la prima Luna piena a seguito dell’equinozio di primavera. Questo sistema di calcolo, è stato stabilito nel corso del Concilio di Nicea del 325 d.C. e, in base ad esso, la data della festa può variare ogni anno nell’arco temporale compreso tra il 22 marzo e il 25 aprile.