Non è di certo un evento frequente quello che tutti gli astronomi e i tantissimi appassionati di astronomia si stanno preparando a osservare in questi giorni e che vede Venere frapporsi nella visuale tra la Terra e il Sole. L’ultima volta che un fatto simile è accaduto è stato infatti nel 2004, quindi 8 anni fa, mentre per osservare il prossimo passaggio sarà necessario attendere fino al 2117, ovvero tra 105 anni esatti.

L’appuntamento è per il 6 giugno, sebbene il transito di Venere non sarà di facile osservazione per chi sta in Europa. Tuttavia, secondo gli esperti sarà possibile apprezzare la parte finale del passaggio in tutta la sua spettacolarità, cosa che richiederà una “levataccia” alle 5.30 del mattino. Venere inizierà così il suo percorso con il Sole sullo sfondo verso la mezzanotte, per completare il transito alle 6.35. Dalle nostre latitudini sarà possibile osservare l’ultima parte dell’evento, quindi non più di un’oretta al massimo.

E sempre per restare in tema di spazio e di pianeti del Sistema Solare, giugno si annuncia tra i più importanti dell’ultimo periodo per tutti gli appassionati, dato che oltre a Venere sarà protagonista anche Mercurio. Il pianeta più vicino al Sole sarà visibile durante tutto il mese in corso sull’orizzonte occidentale, arrivando in concomitanza con il solstizio d’estate del 21 giugno ad avere il suo picco di visibilità serale, dando così modo di essere osservato con più facilità di quanto accade solitamente.

Mercurio, infine, sarà interessato dalla congiunzione con un sottile spicchio di Luna, la quale sarà per alcuni giorni molto bassa a ovest, tanto da raggiungere i limiti dell’osservabilità.

4 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Sylvia cipensoio.es, martedì 5 giugno 2012 alle21:52 ha scritto: rispondi »

bellissimeeeee!

Alexandra Fiorentini, lunedì 4 giugno 2012 alle12:26 ha scritto: rispondi »

bello!!!!!!!!!!!!adoro queste cose,mi hanno sempre affascinato!!!!tutti sveglia all'alba,io ci sarò!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento