Che i pannelli solari permettano di risparmiare sulla bolletta elettrica producendo energia dal sole non è certo una novità. Quello che hanno appena scoperto i ricercatori della Jacobs school of engineering dell’Università di California, però, è che i moduli fotovoltaici installati sui tetti degli edifici fungono anche da isolanti termici, contribuendo doppiamente a far risparmiare energia.

Secondo lo studio condotto dal team di Jan Kleiss, docente di ingegneria ambientale, assorbendo i raggi solari, i pannelli agiscono proprio come un’intercapedine isolante, riducendo la temperatura sulla superficie del tetto (e quindi all’interno dell’edificio). Anche l’inclinazione dei moduli, migliorando lo scorrimento del vento sulla copertura dell’abitazione, concorre all’effetto di raffrescamento, eliminando calore dalla superficie del tetto.

Il risultato? Una temperatura, misurata a livello della copertura dell’edificio, più bassa di circa 5° Fahrenheit, corrispondenti a circa 15° Centigradi in meno, con un risparmio sulla bolletta elettrica stimato in circa il 5%. Che si aggiunge, naturalmente, ai benefici ambientali ed economici assicurati dalla produzione di elettricità da parte del pannello.

Ci sono diversi modi efficaci per raffreddare passivamente gli edifici, come le membrane riflettenti che vengono applicate sui tetti – ha commentato Jan Kleissl, coordinatore della ricerca – ma ora si sta prendendo in considerazione l’installazione di impianti solari fotovoltaici.

L’effetto di isolamento termico, tra l’altro, si riscontra anche nella stagione invernale, quando i moduli, pur limitando il riscaldamento dell’edificio nelle ore diurne, rilasciano durante la notte il calore accumulato di giorno, mitigando in qualche modo i rigori serali. A questo punto, la squadra di ricercatori californiani punta a sviluppare un sistema di calcolo automatico per prevedere l’effetto di isolamento termico dei pannelli fotovoltaici nelle varie fasce climatiche.

21 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Michele Ippolito, mercoledì 10 agosto 2011 alle6:43 ha scritto: rispondi »

Una differenza di 5°F NON E' una differenza di 15°C, ma solo di 2.8°C... facepalm.

Lascia un commento