Lezioni di carezze canine a Bergamo

Bambini e cani sono spesso un’accoppiata delicata, dove i primi – se molto piccoli – finiscono per strapazzare i secondi. Non è sempre una regola, ma è bene insegnare come accarezzare un animale e come interagire con lui: così è nato il progetto avviato dalla Scuola Materna Centro per la Famiglia di Bergamo Città Alta. Le lezioni, Quattro zampette nella scuola, sono gestite dalle istruttrici dell’associazione Giardini di Zoe di Scanzorosciate.

L’obiettivo è quello di rendere i bambini consapevoli dell’interazione con un animale, come essere senziente e non come oggetto di peluche. In particolare, è indispensabile stabilire una serie di regole da applicare durante l’incontro con un cane sconosciuto. All’interno della struttura hanno fatto il loro ingresso i cani Zoe e Polloc, un Labrador color miele e un Flat Coated Retriever nero. Le due cavie scodinzolanti si sono rese protagoniste del dialogo con i più piccini.

>>Leggi dei cani anti stress

Un momento di gioia per tutti i bambini, i quali hanno trascorso tempo utile dedicando attenzioni e cure ai due animali. Durante la fase di contatto sono stato spiegate le regole base: mai toccare subito un cane sulla testa, ma mostrare prima il palmo della mano. In questo modo l’animale potrà annusarci, il che equivale a un «molto lieto di conoscerti». Anche i colori dei cani non sono casuali, i bambini erano più attirati dal biondo di Zoe.

>>Guarda come i cani aiutano i bambini nella lettura

Queste le parole della direttrice della Scuola Materna, Eliana Donadoni:

«Abbiamo le antenne alzate per carpire cosa c’è di interessante, per poterlo poi contestualizzare in un percorso ad hoc. Questa giornata, finalizzata all’approccio con il cane, si inserisce in un percorso dove il bambino si forma per un corretto comportamento in situazioni di difficoltà, come nel caso del terremoto o di incendio. Con i cani i bambini tendono a ritrarsi o ad avventarsi, grazie all’associazione Giardini di Zoe imparano a comportarsi e a giocare in sicurezza con loro».

Il progetto potrebbe valicare i confini della bergamasca e diventare un appuntamento fisso in molte scuole, regola già ampiamente sfruttata oltreoceano. Il rapporto tra cani e bambini è spesso basato su un dialogo diretto, ma anche fisico e irruento. È bene istruire i propri piccoli per fornire loro tutti i mezzi necessari per una buona interazione, e per formare gli uomini di domani.

4 febbraio 2013
Lascia un commento