Una leonessa viene immortalata mentre allatta un cucciolo di leopardo. Non vi sarebbe nulla di eccessivamente strano, considerato come in cattività spesso cuccioli orfani vengono affidati momentaneamente a felini di differente specie, se non fosse per l’unicità dell’evento. L’avvistamento è infatti avvenuto in natura, tra animali completamente selvaggi.

Le immagini sono state condivise da Panthera, un’organizzazione globale specializzata nella salvaguardia dei grandi felini, e provengono dalla Ngorongoro Conservation Area della Tanzania. Nosikitok, una leonessa di cinque anni d’età, è stata avvistata mentre allatta pacificamente un cucciolo di leopardo, nato all’incirca tre settimane fa. Luke Hunter, presidente dell’organizzazione, ha spiegato perché questa scena sia assolutamente sorprendente:

=> Scopri la leonessa che accudisce orfani


Questo è un caso veramente unico. Non conosco nessun altro caso d’adozione inter-specie e di allevamento in natura. Questa leonessa ha di recente partorito i suoi cuccioli, di certo un fattore critico. È quindi psicologicamente orientata a prendersi cura dei piccoli felini e il cucciolo di leopardo rientra in questa casistica, perché quasi esattamente della stessa età e fisicamente molto simile ai suoi cuccioli.

L’adozione, tuttavia, potrebbe rilevarsi problematica. Secondo l’esperto, infatti, difficilmente il gruppo delle altre leonesse potrebbe accettare la presenza di un leopardo:

È davvero improbabile che il branco di leonesse lo accetti. I leoni hanno delle relazioni sociali molto ricche e molto complicate, nelle quali riconoscono gli individui a vista o dal ruggito. Sono quindi molto capaci di distinguere i loro cuccioli dagli altri. Se il resto del branco dovesse scoprire il cucciolo di leopardo, potrebbero ucciderlo.

=> Scopri la leonessa considerata sterile, mamma di 8 cuccioli


L’unica speranza è che il cucciolo possa rimanere nascosto al resto del gruppo finché sarà sufficientemente autonomo per allontanarsi: fortunatamente, i leopardi hanno un istinto solitario e riescono a cavarsela anche in giovane età lontano dalle madri.

17 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento