La colomba è il dolce che rappresenta la Pasqua: in Italia è l’unico che si trova da Nord a Sud, senza distinzione alcuna. L’origine di questo dolce è controversa, come spesso accade con le ricette delle tradizione. Vi è chi ne fa risalire le prime versioni all’epoca dei longobardi e chi, invece, sostiene sia nata da un’idea commerciale di Motta: 70 anni fa l’idea di un dolce pasquale sarebbe derivata dalla possibilità di riutilizzare i macchinari dei panettoni del periodo natalizio.

Qualunque sia la verità, la colomba così come la conosciamo oggi è un dolce morbido e saporito, con una pasta spugnosa delicatamente profumata dai canditi e una glassa croccante, decorata con le mandorle intere. Già da qualche anno si sta assistendo a un crescente interesse per preparazione della colomba in casa: in questo periodo è anche facile trovare nei supermercati della grande distribuzione lo stampo in carta oleata, che serve per cuocerla nel classico formato.

Dal punto di vista nutrizionale la colomba è un dolce ricco di grassi e carboidrati: questa considerazione non deve scoraggiare chi ne vuole consumare una fetta, anche dopo il pranzo pasquale. Meglio ricordarsi di non mangiare, durate il pasto, pane o grissini, farsi servire solo mezza porzione di primo e preferire come contorno verdura fresca di stagione condita con un filo di olio extravergine di oliva. Una buona abitudine dopo un ricco pranzo è quella di fare una passeggiata: sicuramente aiuta a smaltire qualche caloria, facilita la digestione e, in compagnia di parenti e amici, migliora l’umore.

Di seguito una ricetta per preparare la colomba in casa: la versione proposta prevede tra gli ingredienti l’uso della farina di farro. Questo ingrediente alleggerise il dolce e regala, oltre a un gusto delicato, anche un colore invitante. La farina di farro garantisce buoni risultati in lievitazione e, mescolata con quella di manitoba, assicura un buon arricchimento del profilo nutrizionale, perché apporta una buona quantità di sali minerali ed è ricca di proteine e vitamine del gruppo B. Il farro, inoltre, è una fonte di metionina: un aminoacido essenziale che di solito è carente o addirittura assente negli altri cereali.

Colomba di Pasqua con la farina di farro

Ingredienti per la pasta del dolce:

  • 250 g di farina di manitoba;
  • 250 g di farina di farro;
  • 100 ml di acqua;
  • 25 g di lievito di birra;
  • 200 g di burro;
  • 150 g di zucchero;
  • 5 tuorli;
  • 40 ml di latte parzialmente scremato;
  • 100 g di arancia candita.

Ingredienti per la glassa:

  • 2 albumi;
  • 60 g di zucchero semolato;
  • 60 g di farina di mandorle;
  • 50 g di mandorle intere;
  • 20 g granella di zucchero;

Lavorate in una ciotola il lievito con 100 ml di acqua tiepida, scioglietelo bene, quindi unite 100 g di farina di manitoba e 100 g di farina di farro: mescolate fino a ottenere un panetto liscio ed elastico. Fate lievitare la pasta ottenuta per circa 40 minuti in un luogo tiepido e asciutto. Nel frattempo, versate in una terrina il resto delle farine e unitevi lo zucchero, i tuorli e 100 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente. Mescolate bene, unite il latte e impastate fino a ottenere un pasta morbida. A questo punto lavorate insieme i due impasti per ricavare una pasta omogenea ed elastica, che farete lievitare in un luogo tiepido per almeno due ore. Trascorso questo tempo riprendete l’impasto, unite gli ultimi 50 g di burro morbido e, dopo aver amalgamato bene, fate lievitare per altre quattro ore. Infine ripetere la medesima operazione: aggiungete ancora 50 g di burro, impastate e fate lievitare per altre quattro ore. A questo punto lavorate la pasta con le mani unendovi i canditi e modellatela nello stampo di carta oleata nel quale la farete lievitare ancora due ore.

Nel frattempo preparate la glassa: sbattete gli albumi con lo zucchero e la farina di mandorle, quindi unitevi le mandorle e la granella di zucchero. Terminata l’ultima lievitazione, distribuite la glassa sulla superficie del dolce e cuocete la colomba in forno caldo a 180°C per 50 minuti circa.

2 aprile 2015
Lascia un commento