Si chiama Cali e di mestiere annusa lo stress: forse un compito anomalo e curioso agli occhi dei più. Ma stiamo parlando di un cane addestrato a riconoscere le crisi di ansia e angoscia nei bambini affetti da autismo o con altri disagi psichici. Una novità importante introdotta da poco nella scuola Calais di Whippany, nel New Jersey. Il quadrupede, di razza Rhodesian Ridgeback, è stato appositamente addestrato per riconoscere i livelli di stress e ansia nei bambini con problemi, così da anticipare e fermare eventuali crisi.

In USA non è certo una novità quella dell’utilizzo dei cani addestrati all’interno di scuole, ospedali e centri di riabilitazione. La pet therapy è una realtà molto diffusa e utilizzata, con il sostegno di strutture ed esperti specializzati. In questo caso la presenza di Cali potrà servire a distrarre i bambini autistici attraverso gioco e carezze, sin dall’ingresso a scuola dove l’animale potrà accoglierli con una simpatica annusata. Il fiuto è l’arma che contraddistingue questi quadrupedi, in particolare quelli come Cali educati a riconoscere l’odore del cortisolo, un ormone legato agli stati di stress e angoscia. Gli esperti confermano che grazie all’animale si possono evitare oltre sei crisi giornaliere.

Il prossimo step consisterà nell’inserimento e affiancamento di un secondo cane di razza Beagle, specializzato nel sostegno scolastico per bambini con difficoltà di lettura. Un progetto già avviato in alcune scuole stunitensi, che sta ottenendo un buon riscontro. In presenza di un ascoltatore silenzioso e tranquillo come un cane, i più timidi e impacciati tendono ad aprirsi e rilassarsi. Inoltre l’animale verrà addestrato a compiere gesti precisi, per incentivare un corretta lettura da parte dei più piccoli.

I cani da tempo vengono impiegati in molti settori della medicina e della diagnostica proprio grazie al loro olfatto sviluppato ed efficace, in grado di riconoscere il sopraggiungere di crisi epilettiche o diabetiche, ma anche la presenza di cellule cancerogene.

13 novembre 2014
Fonte:
Lascia un commento