Il burro di karitè si ricava dalle noci di una pianta africana, la vitellaria paradoxa, ed è spesso un ingrediente essenziale nelle creme di bellezza, negli INCI lo trovate sotto il nome di butyrospermum parkii. Se si tratta poi di creme e prodotti biologici il burro di karitè diventa un ingrediente fondamentale.

Scopri come leggere l’etichetta dei cosmetici

Trovare burro di karitè puro non è sempre facile, ma non è impossibile. E male che vada Internet è sempre la risorsa numero uno. Il burro di karitè al naturale è solido, da sciogliere a contatto col calore delle mani, di colore verdastro o giallognolo, dal profumo debole e dolciastro.

Le sue proprietà sono molteplici, soprattutto come toccasana per la pelle e i capelli. È idratante, emolliente, nutriente e calmante.

Ecco come sfruttarlo al meglio

  1. Maschera per il viso. Prendetene un cucchiaio, ammorbiditelo fra le mani e applicatelo in uno strato spesso sul viso pulito. Lasciate in posa per quindici minuti e poi rimuovete con un panno morbido e umido. Per una pelle super idratata;
  2. Trattamento per unghie e cuticole. Se avete le cuticole particolarmente secche e che si spaccano, cosa piuttosto dolorosa e scomoda, o le unghie deboli che tendono a sfaldarsi, prendete una noce di burro di karitè, fatelo sciogliere a bagnomaria, a fuoco lento, e aggiungete il succo di un limone. Mescolate bene e quando la miscela è ancora tiepida immergetevi le dita per cinque minuti;
  3. Naso screpolato. Che sia per il sole cocente in montagna o per un brutto raffreddore, per dar sollievo al naso basta spalmare un po’ di burro di karitè sulla zona screpolata e arrossata, per un effetto immediato;
  4. Burrocacao. Usatene una goccia come burrocacao per labbra screpolate, e come protettivo dal vento. Non preoccupatevi, il burro di karitè puro viene usato anche come condimento in Africa, quindi potete metterlo sulle labbra senza problemi;
  5. Maschera per capelli. Se avete i capelli secchi e danneggiati o se d’estate i vostri capelli se la vedono brutta fra piscine, bagni in mare, vento in spiaggia e tintarella, questa maschera farà contenta la vostra chioma. Sui capelli asciutti applicate il burro di karitè su tutta la lunghezza, o solo sulle parti danneggiate. Lasciate in posa per un’ora e poi lavateli con il vostro shampoo preferito;
  6. Maschera per capelli veramente molto danneggiati. A volte una semplice maschera come quella di cui sopra non è abbastanza. Se pensate di dover ricorrere all’artiglieria pesante, beh, pensate di nuovo. Basta applicare il burro di karitè come descritto sopra e poi avvolgere i capelli in un asciugamano caldo. Andate a dormire e la mattina seguente lavate i capelli come al solito;
  7. Per favorire la digestione. In caso di crampi, cattiva digestione, o generico “mal di pancia”, il burro di karitè può ancora esservi d’aiuto: scioglietene un cucchiaio e applicatelo sull’addome con lenti massaggi circolari;
  8. Per aumentare la durata del profumo. Applicato sulla pelle dopo il bagno, il burro di karitè trattiene il profumo che vi vaporizzerete, facendone durare l’aroma più a lungo;
  9. Doposole. Che andiate al mare, in montagna o siate solo appassionati di lettini abbronzanti, il burro di karitè, così ricco e nutriente, è l’ideale da usare come doposole. L’esposizione ai raggi solari disidrata la pelle e aumenta il rischio di invecchiamento cellulare, ridarle idratazione, tono e nutrimento è la cosa migliore da fare, e il burro di karitè fa tutto questo;
  10. Migliora la circolazione delle gambe. Ammorbidite un cucchiaio circa di burro di karitè e poi usatelo per massaggiare le gambe, con ampi movimenti, partendo dalle caviglie e risalendo fino alle anche. Il massaggio stimola la circolazione, il burro di karitè vi regala una pelle morbida. Vincono tutti;
  11. Trattamento per i piedi. La stagione dei sandali sta arrivando, o magari siete yogini provetti, o ancora dediti alle arti marziali, o semplicemente soffrite di piedi secchi. In ogni caso basta applicare un po’ di burro di karitè sulle zone interessate, prima di andare a dormire, infilate un paio di calzini e risvegliatevi con piedi di velluto;
  12. Defatigante per la schiena. Che facciate sport o stiate curvi su una scrivania tutto il giorno, la schiena ne risente parecchio. Chiedete a qualcuno di amorevole di scaldare un po’ di burro di karitè fra le mani e di usarlo per massaggiarvi la schiena. È sicuramente molto rilassante;
  13. Scrub per talloni e gomiti. Si sa, sono le zone più secche del corpo, per definizione. Aggiungete un cucchiaino di zucchero a un cucchiaio di burro di karitè fatto ammorbidire e usatelo come scrub sulle zone che ne hanno bisogno;
  14. Imperfezioni. A quanto pare il burro di karitè ha un lieve effetto antiage, di sicuro aiuta la rigenerazione cutanea, ecco perché è formidabile usato su un brufolino, un graffio o sul contorno occhi (attenzione qui, siate molto leggeri, sia in quantità sia in movimenti, potrebbe risultare troppo ricco per la zona!);
  15. Per i bambini. Come avete visto da tutti questi utilizzi il burro di karitè è incredibilmente versatile, generoso con la pelle e adatto a tutti. Anche e soprattutto alla pelle delicata dei bambini. Perfetto per trattare eventuali arrossamenti o solo come coccola.

Un unico accorgimento: il burro di karitè richiede tempo, tempo per ammorbidirlo, tempo per applicarlo e tempo per farlo assorbire. Se siete di fretta non è sempre la soluzione migliore, ma se vivete di fretta potrebbe essere un ottimo rimedio per imparare a rallentare e prendervi cura di voi stessi.

31 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Eee, venerdì 3 luglio 2015 alle16:00 ha scritto: rispondi »

Salve, ho letto che il burro di Karite' e' di colore giallo o verde, ma io ne ho comprato un barattolo in erboristeria ed è bianco e inodore. Posso sapere perché è quale è meglio? Forse il mio è stato trattato con sostanze chimiche? Grazie mille a chiunque voglia darmi risposta.

Eee, mercoledì 1 luglio 2015 alle17:34 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, ho trovato l'olio di Shea tra gli ingredienti di una crema spalmabile (non per il viso, ma da mangiare). Vorrei sapere se è commestibile e quali valori nutrizionali ha. È' dannosa? Fa male per il colesterolo? Si corre il rischio di mangiare qualcosa di contaminato da qualche sostanza nociva? Purtroppo su internet non ho trovato nessuna notizia che lo colleghi all'alimentazione, ma solo a cosmetica. Ringrazio fin d'ora chiunque volesse darmi informazioni. Grazie

paolagalasso, lunedì 25 maggio 2015 alle22:20 ha scritto: rispondi »

ciao mi trovo ad Accra in Ghana e oggi ho acquistato un kg di burro di karite' per 50 ghana cedis e circa 500g di burro di cacao per 10 ghana cedis ...diviso circa per 4...fate il conto. vorrei sapere se posso unirlo al profumo o al latte detergente. grazie

antonella, martedì 12 maggio 2015 alle19:55 ha scritto: rispondi »

Io ho comprato il burro di karitè in un sito di ingredienti per cosmetici, ma non è giallo bensì bianco candido , che significa ? Grazie a chi mi vorrà rispondere.

Lazia ale, venerdì 13 febbraio 2015 alle8:42 ha scritto: rispondi »

Il burro di karite puro lo trovate in quei market cinesi/indiani/africani che ormai pullulano nelle nostre città... Per 150gr chiedono 1.40 euro...Lo trovate nel banco frigo... Il profumo non è dei migliori (sa un po' di formaggio stagionato) ma si può resistere :)...Un po' difficoltoso spalmare sui capelli ma i risultati anche solo dopo mezz'ora di posa (quando proprio non si ha tempo) sono buoni... Come dicevano le nostre nonne "per apparire bisogna soffrire"... :)

Lascia un commento