Anche Renault Zoe diventa extended range. La nuova versione ZE 40 della citycar zero emissioni prodotta dalla Marque à Losanges debutta in queste ore, al Salone di Parigi 2016, dotata di una nuova batteria potenziata, che permette alla vettura un’autonomia di 400 km (ciclo NEDC) o – più realisticamente – 300 km su strade urbane e nei tragitti extraurbani.

La nuova Renault Zoe ZE 40 viene equipaggiata con nuove batterie (prodotte da LG Chem e assemblate negli impianti Renault di Flins) da 41 kWh, secondo un programma di potenziamento già intrapreso da Nissan con la versione extended range di Leaf e da BMW con i3.

=>Leggi i dati sulle auto elettriche, Renault ZOE regina delle vendite 2015

In pratica le possibilità di percorrenza sono quasi raddoppiate rispetto alla versione “base” con batteria da 22 kWh (rimane nella lineup e viene denominata semplicemente “Zoe”), che garantisce un’autonomia di 240 km (ciclo NEDC) – 170 km nelle reali condizioni di utilizzo.

Dal punto di vista tecnologico l’intervento operato dai tecnici Renault ed LG consiste nell’aumento della capacità di stoccaggio nelle batterie agli ioni di litio, senza modificarne l’ingombro e con un aumento di peso contenuto. L’ottimizzazione è dovuta non all’aggiunta di moduli supplementari, come spesso accade, ma all’intervento sulla chimica delle celle della batteria per accrescerne la densità energetica. Tale evoluzione è stata ottenuta senza rischi a livello dell’affidabilità e della sicurezza di utilizzo.

=> Scopri le altre novità sostenibili in casa Renault

I km di autonomia sono recuperati rapidamente in fase di ricarica. I tempi di ricarica per km della batteria per la nuova Zoe ZE 40 sono simili a quelli degli accumulatori da 22 kWh: sono sufficienti in media 30 minuti, ad esempio, per disporre di un’autonomia supplementare di 80 km nella maggior parte dei punti di ricarica ad accesso pubblico disponibili in Europa. Per sfruttare al massimo la potenza delle colonnine di ricarica rapida, ZOE continua ad essere disponibile anche con la funzionalità “Quick Charge”.

Con la funzionalità ZE Trip (attiva attraverso il navigatore Renault R-Link) il conducente viene aiutato a localizzare gli “hub” di ricarica e a selezionarne la scelta in base alla potenza energetica erogata dalle singole colonnine.

In più il nuovo servizio ZE Pass (sviluppato in collaborazione con Bosch) identifica le colonnine accessibili e confronta i prezzi delle ricariche delle stazioni circostanti: ha debuttato in Germania nelle scorse settimane, e sarà implementato nei prossimi mesi in Francia, Regno Unito, Belgio, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia.

In questo modo il cliente ha la possibilità di avere accesso a un maggiore numero di colonnine senza dover moltiplicare gli abbonamenti specifici alle singole reti, e paga la ricarica sulla App per smartphone dedicata o tramite il badge (tecnologia RFID).

I prezzi per l’Italia, dove la Renault Zoe ZE 40 debutterà il 4 ottobre, partono da 25.000 euro (batteria a noleggio) o 33.000 euro con batteria acquistata insieme alla vettura.

30 settembre 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Giuseppe , sabato 1 ottobre 2016 alle12:22 ha scritto: rispondi »

Capisco che l'auto elettrica abbia un certo costo ma chi ha 33000€ da spendere dovete fare auto più accessibili perché anch'io sono interessato x questa opportunità

Lascia un commento