Greenstyle Sostenibilità Design Vetro basso emissivo: 4 caratteristiche e costo

Vetro basso emissivo: 4 caratteristiche e costo

Il vetro basso emissivo è uno strumento molto utile per migliorare l'isolamento termico di un edificio o un'abitazione: grazie all'applicazione di uno strato di ossido di metalli, questo particolare vetro riduce la dispersione termica del 30-50%, rivelandosi un ottimo alleato durante le giornate invernali più fredde.

Vetro basso emissivo: 4 caratteristiche e costo

Fonte immagine: iStock

Il vetro basso emissivo, anche noto con il nome inglese di “low-E glass”, rappresenta una soluzione intelligente e pratica per mantenere le nostre case termicamente confortevoli ed evitare dispersioni di calore. Per riscaldare un ambiente domestico, stufe, termosifoni e pompe di calore non bastano. Prima di pensare ai sistemi di riscaldamento più convenienti e sostenibili, infatti, è importante installare degli infissi in grado di trattenere il calore interno, evitando fastidiose e dispendiose dispersioni termiche.

In altre parole, senza porte e finestre isolanti ed efficienti, le stufe e i sistemi di riscaldamento possono fare ben poco per mantenerci al calduccio durante le giornate più gelide dell’anno.

Ed ecco a cosa serve il vetro basso emissivo: a ridurre la dispersione di calore e a mantenere gli ambienti interni confortevoli da un punto di vista termico.

Cosa si intende per vetro basso emissivo?

In poche parole, il vetro a bassa emissione è un particolare tipo di vetro che garantisce un buon isolamento termico.

Per far ciò, viene applicato un sottile strato di metallo o di ossido metallico nella facciata interna del vetro, e ciò consentirà di trattenere il calore indoor, in quanto le radiazioni termiche prodotte all’interno dell’abitazione verranno rimbalzate o riflesse e, quindi, trattenute nell’ambiente.

Naturalmente questo trattamento non impedirà in alcun modo alla luce solare di penetrare normalmente all’interno dell’ambiente.

4 caratteristiche del vetro a bassa emissione

Ma vediamo più da vicino quali sono le caratteristiche del vetro basso emissivo. In cosa si differenzia dagli altri tipi di vetri e finestre?

  1. Il vetro a bassa emissione è caratterizzato da uno strato di ossido di metalli che riduce del 30-50% la dispersione del calore interno dell’abitazione;
  2. Questo tipo di vetro permette alla luce di filtrare tranquillamente all’interno dell’edificio, con ottimi livelli di luminosità;
  3. Oltre alla luce, il vetro a bassa emissione consente il passaggio del calore derivante dai raggi solari, per cui gli ambienti risulteranno ulteriormente riscaldati;
  4. Dal momento che permette di trattenere il calore e migliorare le prestazioni termiche, il vetro aiuta a ridurre gli sprechi energetici relativi al riscaldamento domestico, e ciò consente di abbattere i costi in bolletta e ridurre il nostro impatto sull’ambiente.

Vetro basso emissivo: come riconoscerlo?

donna alla finestra
Fonte: Pixabay

Ma come capire se un vetro è a bassa emissione o se si tratta di un vetro “comune”? Semplice: per poter riconoscere un vetro basso emissivo è sufficiente munirsi di un accendino e di un po’ di spirito di osservazione.

Lo strato di ossidi di metallo aggiunti alla superficie, infatti, conferisce al vetro un colore particolare, scuro e tendente al viola.

Per notarlo, ti basterà porre la fiamma di una candela o di un accendino di fronte al vetro, e osservare il colore delle fiamme riflesse. Se queste hanno lo stesso colore (solitamente giallo), allora si tratta di un vetro normale, se invece vedi una delle fiamme di colore scuro e tendente al violaceo, allora si tratta di un vetro trattato con ossido di metalli, ovvero un vetro basso emissivo.

Vetro basso emissivo o selettivo sono la stessa cosa?

Quando si parla di vetri a bassa emissione, si fa spesso riferimento anche a quelli selettivi. Sebbene possano generare un tantino di confusione, in realtà si tratta di vetri differenti che esercitano funzioni diverse.

Nel primo caso, sappiamo già che si tratta di un vetro isolante termico che aiuta a trattenere il calore all’interno di un’abitazione. Al contrario, il vetro selettivo è un vetro a controllo solare, ovvero filtra parte della luce solare che penetra dall’esterno dell’abitazione, bloccando il calore ma permettendo comunque di illuminare normalmente gli ambienti.

Com’è facile immaginare, il primo tipo di vetro è particolarmente adatto per chi vive in zone con climi molto rigidi, mentre il vetro selettivo può rivelarsi ottimo per chi vive in aree con clima mite o molto caldo.

Nulla impedisce, però, di acquistare un vetro basso emissivo selettivo, per ottenere il massimo del comfort sia in estate che durante l’inverno.

Quanto costa un vetro basso emissivo?

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il costo di un vetro basso emissivo non è di molto superiore rispetto a quello di un vetro standard di buona qualità (circa il 10-15% maggiore). Il prezzo di un vetro isolante basso emissivo è di circa 49 euro al mq, ma i numeri possono variare molto in base al tipo di trattamento applicato sul vetro e alla capacità di ridurre le dispersioni termiche.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Lana di vetro o lana di roccia: quale isolante è il migliore?
Sostenibilità

La lana di vetro e la lana di roccia sono due isolanti termici e acustici comunemente impiegati in edilizia. Vengono scelti sia per aumentare il profilo termico degli edifici, così da ridurre la dispersione del calore, che per attutire i rumori esterni e interni agli ambienti domestici. Presentano diverse caratteristiche in comune, ma anche alcune diverse proprietà, e per questo la scelta fra i due materiali deve essere misurata in base alle proprie esigenze.