Greenstyle Benessere Sofrologia: cos’è e a cosa serve

Sofrologia: cos’è e a cosa serve

La sofrologia è una disciplina nata negli anni Sessanta, grazie alle intuizioni del neuropsichiatra spagnolo Alfonso Caycedo che ha saputo unire tecniche di rilassamento statiche e dinamiche ai principi base di altre attività utili per migliorare il rapporto tra mente e corpo come la mindfulness, lo yoga, altre tecniche di rilassamento e di respirazione. È consigliata a ogni età, anche in bambini e adolescenti, soprattutto in presenza di eventuali disagi emotivi.

Sofrologia: cos’è e a cosa serve

Con il termine sofrologia si indica una tecnica di rilassamento dinamica, che può aiutare ad allontanare ansia, stress, piccoli o grandi disturbi di salute. Sono in molti a praticare la sofrologia, sapere cos’è e a cosa serve può essere utile per iniziare subito a stare meglio e migliorare la qualità della nostra vita. La disciplina unisce diverse tecniche e anche nozioni mediche e scientifiche, per poter aiutare chi si affida a un sofrologo ad affrontare in modo positivo la vita e le sfide che questa pone sul nostro cammino.

Cos’è la sofrologia

Sofrologia è un termine che indica una tecnica di rilassamento e di attivazione di corpo e mente. Il nome unisce le parole greche sôs, che significa equilibrio, phren, che significa mente, e logos, che significa studio. Fu ideata dal neuropsichiatra spagnolo Alfonso Caycedo negli anni Sessanta. Lui la chiamava la pedagogia della felicità, per le sue implicazioni relative al miglioramento della vita dei suoi pazienti.

La disciplina unisce diverse tecniche di respirazione con lo yoga, la psicologia, la meditazione, la pratica della mindfulness, l’ipnosi, il training autogeno e anche la neurologia. Il sofrologo aiuta i pazienti a ottenere benefici attraverso tecniche di respirazione e di rilassamento, esercizi mentali e anche movimenti del corpo.

A cosa serve la sofrologia

Scopo della sofrologia è quello di migliorare la qualità della vita delle persone, avere un approccio più positivo e ottimista nei confronti della vita, ottenere armonia ed equilibrio tra mente e corpo per vivere meglio. La tecnica aiuta ad avere una nuova percezione del rapporto tra mente e corpo, a gestire le emozioni, anche quelle negative, a dare priorità agli stati d’animo positivi, che ci permettono di affrontare meglio la quotidianità. Aiuta anche a trovare serenità e benessere, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista psicologico, ed è utile per contrastare ansia, insonnia, stress, nervosismo. Oppure a prepararsi ad eventi importanti e impegnativi da affrontare nella vita privata, nel lavoro e anche nello sport.

La sofrologia aiuta ad avere una migliore consapevolezza di sé, ad aumentare l’autostima, a credere nelle proprie capacità. Inoltre, aiuta a stimolare la creatività e anche a trattare dolori articolari e muscolari cronici, ad affrontare fobie e depressione, a migliorarsi. Si consiglia ad ogni età, anche nei bambini, perché è utile nella fase della crescita, anche per affrontare eventuali momenti di disagio.

Sofrologia

Come praticare la sofrologia

Adesso che sappiamo la sofrologia cos’è e a cosa serve, cerchiamo di capire come si pratica e come funziona. Si sfruttano tecniche di rilassamento statiche e dinamiche, in un ambiente confortevole e con un abbigliamento comodo. Il paziente deve tenere gli occhi chiusi durante le sedute che possono essere individuali o di gruppo. Di solito durano 45-60 minuti nei primi tempi, per poi aumentare di durata e di ritmo.

Dopo la spiegazione di cos’è la sofrologia e a cosa serve, il sofrologo spiega come effettuare la respirazione diaframmatica, che permette di concentrarci sul nostro corpo e di prenderci il tempo di cui abbiamo bisogno, ascoltandoci e scacciando ogni altro pensiero. Alla fine della seduta, si tiene solitamente un diario delle emozioni provate, così da capire se la strada tracciata è quella giusta.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

PFOA: cos’è, dove si trova e rischi per la salute
Salute

Il PFOA, o acido perfluoroottanoico, è un composto chimico utilizzato nella produzione di vari prodotti di consumo, in primis, i rivestimenti antiaderenti di pentole e padelle ed i tessuti impermeabili. Può contaminare l’acqua, il suolo e l’aria, e comportare rischi per la salute umana – grazie anche alla capacità che ha di permanere a lungo dopo il rilascio – dovuti alla correlazione esistente tra tale sostanza e il cancro nell’uomo.