Greenstyle Alimentazione Mangiare sano Ravioli e tortellini: differenze

Ravioli e tortellini: differenze

Ravioli e tortellini: differenze

Fonte immagine: Ravioli via pixabay

I ravioli e i tortellini sono due formati di pasta ripiena: si tratta di due preparazioni tipiche della cucina italiana, ma non sono le uniche a rappresentare questa categoria. Paste ripiene molto diffuse – sia in ambiente domestico che nella ristorazione – sono anche tortelloni, cappelletti, agnolotti, tortelli e agnolini. I nomi sono in genere legati a una preparazione tipica regionale.

Ravioli e tortellini differiscono tra loro per la forma, l’origine e il ripieno tradizionalmente utilizzato. Nel caso di questi due tipi di pasta fresca, inoltre, è diversa anche la portata di servizio: i tortellini si servono spesso in brodo, mentre i ravioli asciutti oppure saltati in padella nel condimento, molto spesso a base di burro e salvia.

Vediamo quali sono le origini di questi formati di pasta, la ricetta tradizionale e come servirli.

I ravioli: origini

I ravioli sono un formato di pasta ripiena di forma rettangolare o quadrata: si preparano infatti da ritagli di pasta fresca tonda o quadrata, quindi farciti e ripiegati su sé stessi, prima di essere sigillati.

Le ricerche di storia della gastronomia hanno condotto, a oggi, a risultati poco chiari in merito all’origine. In Italia ci sono diverse preparazioni regionali, che sono riconducibili a delle personalizzazioni del raviolo: ne sono un esempio gli agnolotti piemontesi. Oggi, i formati di pasta ripiena italiana riconducibili ai ravioli sono almeno 13, tutti inseriti nel registro dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

In Liguria, secondo una delle più supportate versioni, pare sia nato il nome di questa pasta: pare siano stati serviti per la prima volta nella locanda della famiglia Raviolo, già nel dodicesimo secolo. L’origine sembra anche accreditata dalla tradizionale pasta base: non all’uovo, ma a base solo di farina e acqua, come le altre paste fresche della regione. La ricchezza stava nel ripieno che, in origine, era costituito da borragine, scarola, maggiorana, carne di manzo, salsiccia di maiale, uova, parmigiano e latte.

I ravioli alla ligure

Ravioli
Fonte: Ravioli via PixabayRavioli via Pixabay

Di seguito, la ricetta tradizionale nella versione “di magro”, molto comune in tutta la Liguria.

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di farina;
  • acqua quanto basta, circa 100 ml;
  • 15 ml di vino bianco fermo;
  • 300 g di borragine stufata, strizzata e tritata finemente;
  • 100 g di ricotta;
  • 50 g di parmigiano grattugiato;
  • 20 g di burro;
  • pepe e noce moscata quanto basta.

Disponete la farina a fontana sul piano lavoro, quindi versate al centro poca acqua e cominciate ad amalgamare con una forchetta. Unite anche poco vino bianco alla volta e impastate. Lavorare la pasta fino a che sarà elastica e uniforme, quindi datele la forma di una palla e fate riposare coperta con la pellicola da cucina, per circa 30 minuti. Nel frattempo, raccogliete la borragine e gli altri ingredienti in una ciotola e amalgamate tutto. Con l’aiuto di un matterello, tirate la pasta sfoglia, quindi tagliate delle lunghe strisce. Disponete il ripieno con l’aiuto di un cucchiaino a 4-5 cm di distanza, quindi coprite con una seconda striscia di pasta. Tagliate i ravioli, sigillate e lessate in acqua bollente. Servite i ravioli di magro dopo averli saltati in padella in poco burro, salvia.

I ravioli di magro sono un piatto unico: una porzione apporta una sufficiente quantità di carboidrati e proteine, queste ultime sono garantite da parmigiano e ricotta. Il pasto può essere completato con un ricco contorno di verdure di stagione. La ricetta è adatta a chi segue la dieta vegetariana, ma non per chi avesse scelto un regime vegano.

I tortellini: origini

I tortellini sono la pasta ripiena tipica delle provincie di Modena e Bologna. Le due città si contendono da sempre la paternità della ricetta.
Nel 1965 nacque a Bologna “La Dotta Confraternita del Tortellino” e nel 1974, in collaborazione con l’Accademia Italiana della Cucina, viene depositata la ricetta autentica del Tortellino di Bologna.

I tortellini in brodo alla Bolognese: la ricetta depositata

Pasta all'uovo
Fonte: Pasta all'uovo via pixabayPasta all’uovo via Pixabay

Vediamo la ricetta per realizzare 1kg g di tortellini, esattamente come è stata depositata dalla Dotta Confraternita.

Ingredienti per la pasta:

  • 3 uova;
  • 300 g di farina farina.

Ingredienti per il ripieno:

  • 300 g di lombo di maiale rosolato;
  • 300 g prosciutto crudo;
  • 300 g di Mortadella di Bologna;
  • 450 g di parmigiano reggiano;
  • 3 uova;
  • 1 noce moscata.

Disponete la farina a fontana sul piano lavoro, quindi rompete al centro le uova e iniziate ad impastare prima con una forchetta e con le mani. Lavorate fino a ottenere una pasta liscia e compatta. Coprite la pasta con un canovaccio. Preparate il ripieno macinando finemente tutta la carne e unendovi gli altri ingredienti. Stendete la sfoglia sul piano lavoro con il matterello, quindi tagliate dei quadretti di circa 3 cm di lato. Disponete al centro di ogni quadrato la punta di un cucchiaino di ripieno, poi piegate la pasta a triangolo facendo combaciare i lati e, infine, girate il triangolo attorno al dito sovrapponendo due angolo opposti. Lessare i tortellini in brodo bollente di carne, realizzato con manzo, gallina e sedano, carota e cipolla.
Servite i tortellini in brodo con parmigiano grattugiato fresco.

La ricetta tradizionale non è adatta a chi segue una dieta vegetariana o vegana.
Per la sua abbondanza di proteine e grassi, deve essere servita in porzioni limitate: basteranno 25-30 tortellini a testa, da considerarsi come un piatto unico. Il pasto può essere completato con un ricco contorno di verdure di stagione.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come fare la marmellata di kiwi in casa
Alimenti

Fare la marmellata di kiwi in casa ci regala grandi soddisfazioni. Ricetta e varianti della conserva con suggerimenti per gli abbinamenti più sfiziosi.