Greenstyle Sostenibilità Consumi Piante da interni alte: quali scegliere

Piante da interni alte: quali scegliere

Alcune piante da interni raggiungono altezze elevate anche se adatte alla coltivazione indoor: i migliori esemplari.

Piante da interni alte: quali scegliere

Fonte immagine: Pixabay

Le piante da interni si rivelano una preziosa risorsa sia per abbellire e arredare la casa, sia per poter godere delle loro proprietà benefiche per quanto riguarda la capacità di migliorare e purificare l’aria. Esistono alcune tipologie di piante che si sviluppano soprattutto in altezza, raggiungendo un’estensione anche superiore ai due metri. Conoscerle e informarsi sulle singole caratteristiche è indispensabile qualora si scelga di acquistarne alcune di queste specie, in modo tale da poter predisporre al meglio lo spazio e permettere alle piante di crescere in modo sano e rigoglioso. Ecco una raccolta di piante da interni alte particolarmente decorative.

Yucca

Yucca

La yucca appartiene alla famiglia Agavaceae, tipica delle zone a clima tropicale secco e comprendente oltre trenta specie complessive. Se in natura può raggiungere anche i venti metri, quando cresce all’interno delle case riesce a svilupparsi fino a due metri di altezza. Si caratterizza per un fusto cilindrico poco ramificato, foglie persistenti di colore verde intenso che si presentano spinose nella punta. I fiori, invece, sono rappresentati da infiorescenze di colore chiaro o bianco che tendono a svilupparsi nella parte centrale del ciuffo. Per crescere al meglio, la yucca necessita di un’ottima illuminazione e di poche attenzioni. Durante la stagione vegetativa da marzo ad ottobre, è indispensabile tuttavia procedere con annaffiature abbondanti prestando attenzione alla formazione di ristagni d’acqua, mentre nei mesi più freddi è possibile fornire acqua in modo meno frequente.

Filodendro

Un’altra pianta alta che vive bene all’interno è il filodendro, specie perenne e sempreverde che appartiene alla famiglia delle Araceae. Si tratta di una pianta a portamento rampicante che può raggiungere anche i due metri di altezza anche all’interno di un appartamento. Il fusto è nodoso mentre le foglie sono di colore verde chiaro nella fase giovanile, mentre tendono a intensificare la tonalità nella pianta adulta. I fiori sono costituiti da infiorescenze chiare. Per quanto riguarda le esigenze di cura, il filodendro necessità di molta luce sebbene indiretta e teme le basse temperature, prediligendo gli ambienti umidi e non troppo secchi.

Ficus benjamin

Ficus Benjamin
Fonte: Pixabay

Il ficus benjamin è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle Moracee, originaria dell’Asia e in grado di raggiungere anche un’altezza di trenta metri in natura. Coltivata in vaso, all’interno delle case, può arrivare fino a tre metri di altezza. Si caratterizza per un portamento elegante, rami sottili e foglie verdi e lucide. Non è una pianta particolarmente difficile da curare, purché si presti attenzione alla temperatura e all’esposizione al sole: è preferibile tenere la pianta al riparo dalle temperature troppo basse e da eventuali correnti d’aria, assicurando la luce naturale senza tuttavia esporla direttamente ai raggi del sole. È anche importante garantire un’umidità costante soprattutto durante la stagione estiva, procedendo con annaffiature regolari e facendo in modo di vaporizzare le foglie con dell’acqua abbastanza spesso.

Sterlizia

Particolarmente decorativa e apprezzata è la sterlizia, pianta che può raggiungere anche i due metri di altezza che appartiene alla famiglia delle Musaceae. Chiamata anche “uccello del paradiso”, è originaria dell’Africa meridionale e non è particolarmente difficile da coltivare.  Richiede un ambiente caldo e soleggiato che si caratterizzi per una buona umidità soprattutto durante la stagione calda. Le foglie sono lunghe e lanceolate, mentre dai lunghi steli spuntano le caratteristiche infiorescenze costituite da tre petali di colore arancio e da uno centrale di colore blu. È fondamentale annaffiare abbondantemente la pianta in estate, mentre in inverno l’apporto d’acqua deve essere ridotto progressivamente.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Drosera: coltivazione e curiosità sulla pianta
Piante

La drosera è una pianta carnivora sempre più richiesta a scopo ornamentale. Le oltre 150 specie di drosera sono infatti in grado di catturare piccoli insetti, grazie alle loro foglie adesive, capaci di comportarsi come tentacoli. Facile da coltivare sia in vaso che in giardino, non tutti sanno che nel corso dei secoli la drosera è stata anche utilizzata come rimedio naturale contro la tosse e per curare le verruche.