Metti un gregge di capre nel cortile di Google

Metti un gregge di capre nel cortile di Google

Siamo troppo off-topic se parliamo delle caprette di Google? Si perché gli amministratori della società di Mountain View hanno pensato di ricorrere al gregge barbuto per tagliare l’erba del cortile di casa propria. Messa in un cantuccio la macchina falciatrice hanno dato mandato ad una piccola azienda, la California Grazing, di portare al loro quartier […]

Siamo troppo off-topic se parliamo delle caprette di Google? Si perché gli amministratori della società di Mountain View hanno pensato di ricorrere al gregge barbuto per tagliare l’erba del cortile di casa propria.

Messa in un cantuccio la macchina falciatrice hanno dato mandato ad una piccola azienda, la California Grazing, di portare al loro quartier generale in California 200 mammiferi ruminanti per brucare il terreno.

Così l’azienda simbolo del progresso tecnologico del Web, in ossequio all’imperativo del rispetto degli equilibri naturali e della sostenibilità ambientale, rinuncia questa volta in modo eclatante all’ausilio della tecnica più avanzata per affidarsi all’efficacia dei metodi naturali primitivi.

Tuttavia, questa rivalutazione del passato rurale non è una novità assoluta ma si inserisce nel solco di una “tendenza al bucolico” invalsa nella società statunitense e nelle sue alte sfere.

Come non ricordare che la città di Los Angeles ha affittato un gruppo di caprette fameliche per liberarsi dall’erbaccia selvatica che cresce in maniera impetuosa sulle sue colline? Come non far caso agli orticelli che sono spuntati un po’ ovunque nei quartieri di New York e San Francisco?

Ma ancora più emblematiche ed esplicative di questo ritorno ai costumi agresti sono le immagini non ancora spente nella nostra memoria della first lady Michelle Obama armata di zappa e rastrello, intenta a coltivare il nuovo orto della Casa Bianca, insieme ai bambini delle scuole elementari di Washington.

Siamo davanti agli eccessi di un ecologismo trendy o è il futuro prossimo che ci dobbiamo attendere? Dopo la de-crescita avremo la de-tecnologizzazione?

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Renzo Pedretti – Corteva Agriscience