Greenstyle Alimentazione Mangiare vegano, le 8 città migliori al mondo

Mangiare vegano, le 8 città migliori al mondo

Mangiare vegano, le 8 città migliori al mondo

Fonte immagine: Unsplash

L’alimentazione vegan sta estendendo i suoi confini mondiali destando interesse e curiosità anche in realtà dove, da sempre, la carne è un must. Negli ultimi anni le grandi catene dedicate al fast food alimentare hanno visto crescere un interesse parallelo verso il mondo vegan, agevolato da una maggiore disponibilità di prodotti tematici. Un primato della carne che lentamente è stato insidiato e affiancato da quello delle proposte vegan, sempre più presenti e facilmente acquistabili.

Secondo il National Geographic attualmente sono otto le realtà urbane maggiormente proiettate verso uno stile cruelty-free, con una maggiore disponibilità di ristoranti, locali e vendite tematiche.

Realtà sparse in tutto il mondo dove il concetto di turismo sostenibile si sta lentamente trasformando in realtà, in favore di un maggiore rispetto nei confronti dell’ambiente. Grande assente da questa lista è proprio l’Italia dove lo stile vegan avanza con passo inesorabile, ma più lento rispetto ad altre realtà internazionali.

Mangiare vegano, le 8 città migliori al mondo

Vegan ricetta
Fonte: Unsplash Vegan ricetta

Lo stile vegan sta prendendo piede in tutto il mondo, creandosi spazi e luoghi d’incontro anche in città dove la carne regna da sempre. In questo momento una serie di città stanno facendo da guida per il resto del Pianeta, in qualità di esempio vivente per una proposta alimentare alternativa e possibile.

Mangiare vegano, Varsavia

(Torna al menu)

La capitale della Polonia è una di queste grazie al distretto Śródmieście Południowe, dove la ristorazione vegan ha messo radici dando vita a locali, ristoranti e attività specializzate. Un luogo di pura sperimentazione che si è trasformato in realtà passando da una scelta di tendenza hipster a un’area tematica di pura creatività e offerta variegata.

Madrid

(Torna al menu)

Chi l’avrebbe mai detto che proprio questa città spagnola potesse fornire così tante alternative vegan? La Spagna non smette di sorprendere, nonostante la tradizione sia legata a un’alimentazione con pietanze a base di carne e pesce, è riuscita a ridisegnare le sue proposte classiche in chiave vegan. Con una proposta varia tra locali e ristoranti tematici fino allo street food, vero fiore all’occhiello della stessa città.

Dublino

(Torna al menu)

Nuovo percorso cruelty-free per il cuore dell’Irlanda, dove negli anni la cultura ha messo radici diffondendosi anche nelle vicine Cork e Galway, centro universale delle ostriche pescate in mare. Ma la proposta vegan sembra soddisfare una sempre più crescete richiesta tanto da imporre vere e proprie rivisitazioni delle ricette più classiche.

Bengaluru

(Torna al menu)

L’India è da sempre proiettata verso una scelta alimentare vegetariana per questo il passo verso la proposta vegan è stato facile e immediato. La sperimentazione con i prodotti locali è il punto di forza di questa zona in grado di offrire proposte e ricette davvero uniche, anche grazie al supporto delle sapienti mani dei monaci locali.

Mangiare vegano, Bangkok

(Torna al menu)

In Thailandia l’offerta meat-free sembra più radicata nel tempo grazie a una vasta proposta vegetariana, che lentamente si è tramuta in vegan. Le opzioni sono tante e accontentano tutti i palati, sia quelli più raffinati che possono contare sulla presenta di locali eleganti e di alto livello, che quelli amanti dello street-food con banchetti, bancarelle con cibo take-away. Spesso collocate accanto ai templi buddisti o nei quartieri più popolari.

Toronto

(Torna al menu)

Il centro principale del Canada è ricco di offerte vegane con interi quartieri dedicati, come il Vegandale un intero isolato senza la presenza di carne, derivati e prodotti collaterali. Ma la città offre anche la possibilità di festival tematici quali il Veg Food Fest.

Seoul

(Torna al menu)

Anche nella Corea del Sud il veganesimo ha trovato terreno fertile e sempre collegato al mondo dei templi, dove alimentazione e religione camminano di pari passo. Ma la realtà locale offre anche vere e proprie rivisitazioni della cucina nazionale in chiave veg, grazie alle nuove startup a base vegetale.

Kyoto

In Giappone l’amore per il sushi da sempre si lega ad alternative vegetariane e vegane, una proposta che affonda le radici nel tempo, ma che ha aumentato l’offerta trasformando le ricette più classiche in vere forme d’arte.

Fonte: National Geographic

Seguici anche sui canali social