Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Che pianta è la lenticchia d’acqua

Che pianta è la lenticchia d’acqua

La lenticchia d'acqua è una pianta acquatica molto diffusa, capace di coprire completamente la superficie dei corsi in cui prolifera. Si caratterizza per singole foglie di minuscole dimensioni e predilige le acque dolci, dove la sua presenza è molto utile. Fornisce infatti nutrimento a molte specie animali, abbassa la temperatura delle acque e, fatto non meno importante, assorbe sostanze nutritive in eccesso e numerosi inquinanti.

Che pianta è la lenticchia d’acqua

Che pianta è la lenticchia d’acqua? Con ogni probabilità, è questa la domanda che gli appassionati di giardinaggio si pongono nello scoprire questo singolare vegetale, dalle forme minuscole ma dalle incredibili proprietà. La lenticchia d’acqua, nota anche come Lemna minor, è infatti una pianta composta da una singola foglia, che galleggia sulla superficie di specchi d’acqua dolce. Ma quali sono le sue caratteristiche e, soprattutto, per quali scopi viene usata?

Ben conosciuta da chi si occupa di acquari, poiché la pianta viene spesso usata per favorire la pulizia e l’ossigenazione delle acque, la lenticchia d’acqua negli ultimi anni ha attirato sempre più attenzioni per le sue potenzialità in campo ecologico. Di seguito, tutte le informazioni utili.

Che pianta è la lenticchia d’acqua

Con il termine comune di lenticchia d’acqua si identifica la Lemna minor, una pianta acquatica appartenente alla famiglia delle Aracee. Chiamata anche ranina a livello popolare, la sua crescita è tipica nei più calmi corsi d’acqua dolce, nei fossi e nei canali d’irrigazione. Diffusa praticamente in tutto il mondo, fatta eccezione per l’Oceania, la lenticchia d’acqua è molto presente anche in Italia, in particolare in Lombardia, in Toscane e in Puglia.

La pianta si caratterizza per un’unica foglia, di piccolissime dimensioni e tondeggiante. Quest’ultima galleggia sulla superficie dell’acqua e non è dotata di vere e proprie radici, bensì di minuscoli filamenti che le permettono di assorbire le proprietà nutritive di cui ha bisogno per sopravvivere. Per quanto il singolo esemplare abbia forma e dimensioni ridotte – difficilmente supera i 3-4 millimetri – la lenticchia d’acqua si moltiplica molto velocemente e, per questa ragione, riesce spesso a coprire completamente la superficie dei corsi d’acqua in cui si trova. La Lemna minor può produrre anche dei piccoli fiori e dei semi, tuttavia la sua moltiplicazione avviene con la produzione di piccole gemme che si separano dalla foglia originaria.

Lemna minor: le proprietà

Lenticchia d'acqua, fiume
Fonte: Pixabay

La lenticchia d’acqua è da tempo ben conosciuta per le sue importanti proprietà, sia per la protezione degli ecosistemi acquatici che potenzialmente per la salute umana. Su quest’ultimo fronte, però, gran parte degli studi sono ancora in corso.

Proprietà ecologiche

Come già accennato, la Lemna minor presenta delle interessanti proprietà per la protezione degli ambienti acquatici e, per questa ragione, è difficile che si intervenga per limitare la sua proliferazione. Ma quali sono gli effetti della sua presenza in acqua?

  • Alimento: la lenticchia d’acqua è un utile alimento per una grande varietà di insetti, pesci, anfibi e volatili che vivono nei pressi dei corsi d’acqua;
  • Temperatura: formando un vero e proprio tappeto vegetale, questa pianta contribuisce a ridurre le temperature dell’acqua. Questo anche nei periodi più afosi dell’anno, poiché la ranina può sopportare temperature in superficie di 32 gradi;
  • Filtraggio: la pianta è anche molto utile per filtrare le acque, poiché assorbe gli eccessi di fosforo, azoto e di alcuni inquinanti. Inoltre contrasta l’eutrofizzazione, ovvero l’eccesso di sostanze fertilizzanti disciolte in acqua, responsabile della proliferazione di alghe dannose;
  • Protezione: sempre poiché forma una copertura fitta sulla superficie dell’acqua, la Lemna minor offre anche un riparo dai predatori a numerose specie di insetti e di animali, favorendo così la biodiversità.

Proprietà per la salute

Lenticchia d'acqua
Fonte: Pixabay

Sebbene non venga granché utilizzata per l’alimentazione umana, la lenticchia d’acqua è da anni al centro di numerosi studi, poiché alcune sue caratteristiche potrebbero in futuro essere sfruttate per la produzione di nuovi farmaci. In particolare, alcune ricerche hanno evidenziato le potenzialità della pianta nel ridurre i livelli di glicemia nel sangue. Ancora, si stanno vagliando eventuali proprietà diuretiche e depurative.

È però utile sottolineare come l’interesse della scienza si stia orientando più verso la Wolffia globosa – un’altra varietà acquatica dalla forma sempre a lenticchia – che verso la Lemna minor, poiché presenterebbe una concentrazione di polifenoli e sostanze nutritive depurative maggiori.

Proprietà come indicatore biologico

Infine, la lenticchia d’acqua viene spesso scelta come indicatore biologico per valutare la contaminazione e l’inquinamento dei corsi d’acqua, tramite alcuni test di laboratorio. Ad esempio, alcune foglie di Lemna minor vengono adagiate su campioni d’acqua diversi e, dopo circa una settimana, viene valutata la proliferazione della pianta. A seconda dello sviluppo, è possibile valutare gli effetti degli inquinanti sugli ecosistemi d’acqua dolce, in particolare il ruolo dei metalli pesanti.

Fonte:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pungitopo: la coltivazione della pianta invernale
Giardinaggio

Il pungitopo è una delle piante ornamentali e invernali più diffuse, poiché viene scelto per creare splendide decorazioni natalizie. Tuttavia spesso viene confuso con l’agrifoglio e, fatto non meno importante, non sempre è possibile raccoglierlo in natura: in diverse Regioni questa pratica è infatti vietata. Tuttavia, il pungitopo può essere anche facilmente coltivato: si tratta infatti di una pianta adattabile e resistente al freddo.