Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Ficus ginseng: cura, potatura e coltivazione

Ficus ginseng: cura, potatura e coltivazione

Ficus ginseng: cura, potatura e coltivazione

Fonte immagine: Pixabay

Si chiama “Ficus ginseng”, ma in realtà con la pianta di Ginseng non ha nulla in comune, se non il nome. In realtà il bonsai Ficus Ginseng risponde al ben più corretto nome di “Ficus bonsai Retusa”, un piccolo alberello dalla forma molto bizzarra, che lo rende particolarmente apprezzato dagli amanti delle piante e dei bonsai, anche da coloro che sono alle prime armi. Normalmente coltivato in vaso, il Ficus Retusa raggiunge un’altezza non superiore al metro.

Oggi vogliamo conoscere tutti i segreti per coltivare il Ficus Ginseng, vogliamo apprendere le regole per tutelarne la salute e la bellezza, e per farlo crescere rigoglioso e sano. Per prima cosa, diamo però un’occhiata alle principali caratteristiche della pianta.

Ficus ginseng bonsai: caratteristiche

Ficus ginseng
Fonte: Pixabay

Con le sue foglie di colore verde scuro e dalla forma ovale, il tronco chiaro e le radici decisamente in bella vista, il Ficus Bonsai Ginseng ha senz’altro un aspetto molto buffo e curioso. La pianta presenta un fusto ampio, caratterizzato da radici “nodose” che, in un certo senso, ricordano la forma del Ginseng, la radice di Panax L. È probabilmente a questa somiglianza che è dovuto il nome di questo particolare bonsai.

Come si cura ficus ginseng? E quando innaffiare la pianta? Scopriamo tutti i segreti per coltivare “un gran bel Ficus”.

Ficus ginseng: temperatura ideale

Parliamo innanzitutto della temperatura gradita da questa pianta. Il Bonsai Ficus Retusa necessita di una temperatura compresa fra i 18 e i 20 gradi, e cioè la temperatura che c’è normalmente all’interno delle nostre case. Il problema nasce quando accendiamo condizionatori, stufe e caminetti, che non fanno altro che seccare l’aria, rendendola insopportabile per le nostre piante, specialmente per i bonsai, anche per il Ficus Ginseng.

Una scarsa umidità porterà la pianta a perdere le foglie e ne impedirà la corretta crescita.

Esposizione

Fonte: Pixabay

Dove mettere il bonsai Ficus Ginseng? Come molte piante, anche il nostro bonsai ha bisogno della luce del sole per poter crescere in salute. L’ideale è garantire un’illuminazione per almeno 4/6 ore al giorno, facendo attenzione a non lasciare la pianta sotto i raggi del sole diretto per tutta la giornata, specialmente in estate, quando il caldo eccessivo potrebbe comprometterne il benessere.

Potresti posizionare il ficus ginseng sul davanzale di una finestra, o in generale di fronte a una porta a vetro, in modo che possa ricevere la giusta illuminazione. Dove si tiene il bonsai in inverno? Anche in questo caso, è meglio scegliere un luogo della casa che sia ben illuminato da luce naturale, tenendo però la pianta alla larga da riscaldamenti e condizionatori d’aria.

Ficus ginseng: acqua

Come annaffiare il ficus bonsai? Quanta acqua dare alla pianta, e in che modo? La strana forma di questa pianta potrebbe far sorgere qualche perplessità quando si parla di irrigazione. L’acqua non deve mai essere troppo abbondante, ma bisognerà innaffiarla quando il terreno sarà asciutto. Per capire quando irrigare il Ficus Bonsai, inserisci un dito nella terra, se umido, attendi prima di annaffiarla.

E sempre per rimanere in tema, devi sapere che bisogna nebulizzare dell’acqua anche sul fogliame. Vaporizza l’acqua demineralizzata, aumentando la frequenza durante la stagione calda.

Ficus ginseng: cura e potatura

Fonte: Pixabay

Dopo aver appreso le prime regole basilari per prendersi cura del Ficus Ginseng, passiamo ai consigli per aspiranti esperti. Non basta, infatti, annaffiare il ficus e posizionarlo nella giusta location, per essere certi di aver fatto un lavoro impeccabile. Servirà qualche piccola attenzione in più.

In primo luogo, devi sapere che la pianta soffre degli attacchi della cocciniglia, la più grande nemica per questo tipo di pianta. Inoltre, anche parassiti e funghi possono metterne a dura prova lo sviluppo. Per questo motivo, è importante controllare la pianta regolarmente, in modo da affrontare nel modo opportuno e per tempo qualsiasi piccolo problema.

Ficus ginseng: potatura

Per quanto riguarda la potatura, la pianta non necessita di particolari attenzioni. Tuttalpiù potresti dare una leggera spuntatina per conferirle una forma armoniosa. Ciò può rendersi necessario nel caso dei bonsai più “anziani”. La potatura è un intervento da evitare se sei davvero alle prime armi, poiché potresti rischiare di danneggiare la pianta.

Rinvaso

Il bonsai potrebbe trarre giovamento da un rinvaso a cadenza annuale (o anche ogni due o quatto anni). Se desideri rinvasare la pianta, fallo durante la Primavera, facendo attenzione a non eliminare la porzione di terra compattata intorno al tronco.

Durante questa operazione, sarà utile potare leggermente le radici del bonsai, facendo attenzione a non tagliare più di un terzo di queste ultime.

Concime

Durante la fase vegetativa (e cioè in Primavera), può essere utile aggiungere del concime al tuo bonsai. In alcuni casi, la concimazione è consigliabile per tutto l’anno, a intervalli regolari. In questo modo le foglie si svilupperanno al meglio e la pianta avrà il giusto nutrimento e sostegno.

Le soluzioni ai problemi più comuni

Fonte: Pixabay

Se anche tu hai “adottato” una pianta di Ficus Ginseng, probabilmente avrai già fatto i conti con alcuni problemi piuttosto comuni e spiacevoli. Ad esempio, molte persone hanno notato che il loro ficus ginseng ha foglie con macchie marroni o che sta addirittura perdendo la maggior parte delle foglie.

Ma quali sono le cause di questi problemi? E soprattutto, come correre ai ripari?

Ficus Ginseng foglie nere: che fare?

Se la pianta inizia ad avere foglie nere e rovinate, molto probabilmente non riceve abbastanza luce naturale. Dovrai quindi cambiarle posizione in casa, facendo attenzione a non esporla all’aria calda di stufe e termosifoni.

Perché il Bonsai Ficus Ginseng perde le foglie?

Come noi umani, anche le piante possono essere vittime dello stress. Ad esempio, una pianta che viene spostata da un ambiente all’altro della casa potrebbe perdere le foglie, lo farà finché non si adatterà alla nuova location. Anche dare troppa acqua alla pianta può causare la caduta delle foglie. Infine, anche alcune malattie, parassiti o funghi possono provocare un simile problema.

A questo punto sai già come si annaffia il Ficus Ginseng, dove bisogna posizionarlo in casa e di quali cure ha bisogno. Non ti rimane che sfoderare il tuo pollice verde e accudire la tua pianta per farla crescere rigogliosa e forte. Buon lavoro.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare