Fertilizzante naturale calcio: guida passo passo

Fertilizzante naturale calcio: guida passo passo

Fonte immagine: Pixabay

Il fertilizzante a base di calcio è molto importante per la crescita delle piante: ecco come realizzarlo in casa con facili ingredienti.

Per garantire una fioritura rigogliosa, sia in balcone che in giardino, le piante hanno ciclicamente bisogno dell’aiuto di alcuni fertilizzanti naturali. È infatti necessario che il terriccio sia ricco di sostanze nutritive che non solo permettano alle radici di svilupparsi correttamente, ma anche di offrire al fusto la possibilità di crescere forte e sano, con foglie verdi e fiori brillanti. Oltre al ben noto azoto, un componente indispensabile di tutti i concimi che si rispettino, qualsiasi coltivazione ha bisogno anche di un buon apporto di calcio. Ma come realizzare un fertilizzante naturale?

Fortunatamente, il calcio è abbondantemente presente in numerosi ingredienti presenti normalmente in casa, soprattutto in cucina. Di seguito, tutte le istruzioni passo passo per ottenere un efficace concime fai da te.

A cosa serve il calcio?

Orto e piantine

Così come già accennato, il calcio è un minerale indispensabile per il benessere di qualsiasi coltivazione, dalle piante ornamentali fino agli ortaggi. Questo prezioso elemento contribuisce infatti a moltissime fasi della crescita del vegetale e, inoltre, rappresenta una protezione dagli agenti esterni dannosi.

La prima funzione assolta dal calcio è quella di garantire i corretti processi di crescita, poiché agisce soprattutto a livello delle radici della coltivazione. Ancora, ha un effetto di regolazione di tutti gli scambi che il vegetale effettua con l’esterno, a partire dalla fotosintesi clorofilliana con l’assorbimento di anidride carbonica in cambio di ossigeno.

Una pianta povera del minerale apparirà poco vivace, con fusti e rami flosci non molto sviluppati. Una caratteristica distintiva della carenza è inoltre l’apparizione di macchie marroni o giallognole sulle foglie, soprattutto quelle a maggiore distanza dall’apparato radicale.

Fertilizzante al calcio: come farlo

Gusci uova

Realizzare un fertilizzante fai da te a base di calcio è abbastanza semplice, anche perché il minerale è presente in abbondanza nei più vari ingredienti presenti in casa. In particolare negli scarti da cucina, dei preziosi alleati sia per la concimazione di piccole aiuole che di grandi orti.

L’ingrediente ricco di calcio e maggiormente diffuso in cucina è certamente il guscio d’uovo. Questo alleato naturale garantisce un apporto duraturo del materiale nel tempo, poiché il rilascio nel terreno è lento e graduale, con processi di decomposizione che possono durare anche parecchi mesi.

Il modo più semplice per impiegare il guscio d’uovo è quello di spezzettarlo e disporlo sulla superficie del terreno, in particolare attorno al fusto della pianta. Ancora, è possibile smuovere lievemente il terriccio, affinché i frammenti raggiungano una maggiore profondità, per poi inumidire leggermente l’area.

Per chi volesse realizzare un concime più completo, e decisamente più efficace, il consiglio è quello di abbinare il calcio a qualche fertilizzante azotato. Una ricetta semplice potrebbe essere quella di recuperare dei fondi di caffè, della cenere di legna e dei gusci d’uovo, da unire in tre porzioni dallo stesso peso. L’ideale sarà frullare o sminuzzare i gusci fino a ottenere una polvere sottile, quasi farinosa, per poi mescolare il tutto con i due altri ingredienti.

Il composto così realizzato potrà essere distribuito su tutta la superficie coltivata, magari aiutandosi con una piccola zappa per raggiungere maggiori profondità, così da nutrire anche le radici più lunghe.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle