EICMA 2019: KYMCO RevoNex, nuovo maxi scooter elettrico

EICMA 2019: KYMCO RevoNex, nuovo maxi scooter elettrico

Fonte immagine: Electrek

KYMCO porterà alla fiera EICMA di Milano un maxi scooter elettrico che strizza l'occhio al mondo delle motociclette.

KYMCO guarda da tempo alla mobilità elettrica e sta preparando una ghiotta sorpresa che porterà all’appuntamento 2019 dell’EICMA di Milano, che si terrà a partire dal prossimo 5 di novembre. La società di Taiwan ha annunciato che porterà un nuovo maxi scooter elettrico che si chiamerà RevoNex. Tuttavia, questo nuovo modello potrebbe essere anche qualcosa di più che un semplice maxi scooter.

KYMCO ha condiviso l’immagine di un disegno che ritrae le linee del nuovo RevoNex. Se davvero il maxi scooter dovesse assomigliare al disegno, questo veicolo potrebbe essere il perfetto anello di congiunzione tra il mondo degli scooter e quello delle moto. Effettivamente, il design sembra più quello di una moto ma KYMCO definisce questo modello come scooter. Va comunque detto che oggi il mondo dei maxi scooter ha iniziato ad “invadere” quello delle moto e quindi KYMCO potrebbe aver voluto giocare su questo aspetto.

Se ne saprà molto di più tra pochi giorni, ma la sensazione è che KYMCO abbia in serbo una sorpresa davvero molto interessante. Se davvero arrivasse un ibrido moto/scooter elettrico con una buona autonomia, potrebbe trovare interessanti spazi in un mercato che sempre di più guarda a queste tipologie di prodotti.

Del resto, come già anticipato all’inizio, il costruttore di Taiwan già da tempo guarda con interesse al mondo delle moto elettriche. Giusto un anno fa e sempre alla fiera milanese dell’EICMA, KYMCO aveva presentato SuperNex, una moto elettrica ad altissime prestazioni e zeppa di tecnologia. Moto che non è ancora arrivata sul mercato. Inoltre, la società ha portato al debutto una linea completa di scooter elettrici negli ultimi anni anche se ne ha prodotti commercialmente pochi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

NIU a EICMA 2017: intervista a Token Hu