Dieta Plank: menu settimanale, cosa mangiare e cosa no

Dieta Plank: menu settimanale, cosa mangiare e cosa no

Fonte immagine: Unsplash

Dieta Plank, tutti i cibi non ammessi e vietati da questo percorso alimentare, prodotti calorici che contrastano un dimagrimento corretto.

Molto amata Oltreoceano la Dieta Plank è un percorso alimentare che si sviluppa nell’arco di sole due settimane, ma particolarmente restrittivo e iperproteico. La dieta punta a far perdere fino a nove chilogrammi di peso in esubero in un tempo molto limitato, sfruttando la pietanze a base di proteine animali, ma anche l’assenza di molti altri alimenti.

Indubbiamente è una dieta molto vantaggiosa per chi vuole perdere peso in modo rapido e veloce, ma al contempo è particolarmente sbilanciata. Per questo motivo i nutrizionisti sconsigliano di proseguirne il percorso dopo le due settimane standard.

La Dieta Plank poggia le sue fondamenta sulla presenza di pochi alimenti da assumere a rotazione, ma anche sulla fedeltà assoluta con cui la si deve seguire. Nessuna variazione o cambio di rotta è ammesso, i cibi vanno assunti secondo l’ordine proposto dalla dieta stessa.

È comunque un regime alimentare davvero molto restrittivo che potrebbe incidere sul benessere di chi lo segue, aumentando i valori di colesterolo, la sensazione di affaticamento e di spossatezza. Favorendo anche problematiche importanti come quelle cardiovascolari, la Dieta Plank comunque non è adatta per chi soffre di patologie invalidanti.

Dieta Plank: menu settimanale, cosa mangiare e cosa no

I cibi vietati, quali sono

(Torna al menu)

Dieta Plank, come funziona

(Torna al menu)

Uova
Fonte: Unsplash

La Dieta Plank agisce in modo rapido sul metabolismo attraverso l’assunzione di cibi iperproteici senza la presenza di zuccheri e carboidrati. Un’opzione in grado di far perdere peso rapidamente, però al contempo privando l’organismo di sostanze utili per il suo benessere.

I cibi proteici consentite sono: carne di vitello o manzo, pollo, prosciutto cotto, pesce magro, uova sode, formaggio svizzero e yogurt magro. Per quanto riguarda le verdure la dieta prevede solo la presenza delle seguenti: spinaci, carote, pomodori, insalata e occasionalmente sedano, con l’aggiunta di frutta di stagione non troppo calorica.

Per quanto riguarda gli extra è consentito il pane meglio se integrale, ma solo alcune mattine e per colazione, in coppia con caffè o tè senza zucchero. I quantitativi di frutta e verdura non sembrano avere un limite, esattamente come l’acqua che dovrà presenziare quale unica e sola bevanda. Non sono ammessi strappi alla regola oppure extra, nessun super food e neppure snack naturali per spezzare la fame. L’organismo è così spinto a rielaborare il grasso presente per garantire energia al corpo e agli stessi muscoli.

I cibi vietati, quali sono

Pasta
Fonte: Unsplash

Molti dei prodotti e dei cibi più invitanti non trovano posto all’interno di questo regime alimentare, come ad esempio pasta, riso e cereali. Banditi il latte e tutti i formaggi a esclusione della ricotta, del formaggio svizzero e del formaggio spalmabile. Purtroppo la dieta non consente la consumazione degli alimenti ricchi di fibre, degli alcolici e delle bevande gasate, oltre ai tanto amati dolci.

Gli stessi condimenti e i grassi vegetali sono relegati in un angolo, perché considerati troppo calorici. Nonostante il dimagrimento rapido e veloce la dieta risulta fortemente sbilanciata privando il corpo di molti dei prodotti presenti nella ben più equilibrata Dieta Mediterranea. Per questo i nutrizionisti sconsigliano la Dieta Plank o comunque suggeriscono di non superare mai le due settimane indicate come tempistica utile per affrontare il regime alimentare.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle