Greenstyle Ambiente Animali Cosa mettere per allontanare i gatti in tutta sicurezza

Cosa mettere per allontanare i gatti in tutta sicurezza

Purtroppo a volte la convivenza con i felini non è facile. Lo sa bene chi ha una casa in campagna o, comunque, una villetta e che trova fastidioso il fatto che il gatto vada a fargli la pipì in giardino o sulle piante. Fermo restando che se prendi una casa nel verde, devi mettere in conto questi inconvenienti, vediamo cosa mettere per allontanare i gatti dal giardino in sicurezza, senza danneggiare i mici.

Cosa mettere per allontanare i gatti in tutta sicurezza

Molte persone si chiedono cosa mettere per allontanare i gatti da giardini e piante. Non sempre si tratta di persone che non amano i felini. Semplicemente a volte qualcuno non ha piacere che un gatto abbia deputato quella aiuola del giardino come suo bagno personale.

O c’è anche chi vorrebbe evitare che i propri gatti facciano giardinaggio distruggendo piante e fiori piantati con tanta cura. Fermo restando che se prendi una casa con giardino devi mettere in conto che gatti di passaggio o dei vicini possano transitare sulla tua proprietà, ecco che è impossibile chiedere a qualcuno di tenere sempre il gatto in casa.

Per sua natura, infatti, il gatto è libero di poter vagare nel vicinato, cosa che invece i cani non possono fare. Inoltre non puoi fare nulla per i gatti randagi che sono tutelati dalla legge.

Vediamo dunque qualche consiglio su come allontanare i gatti.

Cosa mettere per allontanare i gatti?

Gatto su pianta

Prima di tutto, se vuoi allontanare i gatti non lasciargli mai del cibo a disposizione, volontariamente o meno. E non coccolarli o accarezzarli. Dare da mangiare e fare le coccole, infatti, sono un invito a passare del tempo nel tuo giardino, con tutto il pacchetto comprensivo di eventuali bisognini.

Evita anche di lasciare il bidone dell’umido o il sacchetto della spazzatura con avanzi di cibo nel giardino: attirerebbe i gatti randagi e quelli del vicinato.

Che odore odiano i gatti?

Per tenere lontani i gatti, si può sfruttare il loro incredibile olfatto. Ci sono, infatti, degli odori che normalmente i gatti odiano. Per questo motivo puoi sfruttare come rimedi naturali per allontanare i gatti dei repellenti basati su essenze di agrumi, piante officiali o anche fondi di caffè, qualcuno usa anche il tabacco, ma forse è un tantino dispendioso.

Un altro odore che i gatti detestano è quello del peperoncino, ma in questo caso potrebbe essere pericoloso per loro annusarlo o leccarlo per errore, quindi eviterei questo sistema.

Anche citronella e lavanda solitamente sono odori sgraditi ai gatti. Eventualmente potresti intensificare questi odori anche spruzzando sopra gli oli essenziali relativi. Attenzione solo a che il gatto non possa leccarli perché potrebbero essere tossici se ingeriti.

Che cosa dà fastidio ai gatti?

Oltre che dagli odori visti sopra, i gatti potrebbero essere infastiditi dai riflessi di luce su oggetti metallici o anche dal rumore fatto dagli acchiappasogni che si muovono col vento. Spaventapasseri e sagome di cani, invece, non servono: i gatti sono intelligenti, mangiano subito la foglia e capiscono che si tratta di sagome finte.

E anche il fatto che in giardino ci sia un cane non è un deterrente sufficiente, neanche quando il cane abbaia e rincorre i gatti.

Nei negozi per animali vendono anche appositi repellenti per i mici, da spruzzare anche sui muri delle case, ma di solito non è che abbiano tutta questa efficacia.

Un’altra cosa che dà fastidio ai gatti è l’alluminio, quello che si usa per incartare i cibi. Se in giardino hai delle sedie su cui i gatti vanno sempre, potresti provare a mettere un foglio di alluminio sopra in modo che il gatto non gradisca più quella superficie. Tuttavia dal punto di vista estetico non è certo il massimo dell’eleganza.

Cosa fare per allontanare i gatti dal giardino e dalle piante?

Cosa mettere per allontanare i gatti

Cosa mettere nei vasi per allontanare i gatti?

Nei vasi delle piante, anzi, nei sottovasi, puoi provare a mettere dei fondi di caffè. Solitamente i gatti odiano l’odore del caffè, quindi è possibile che mantengano le distanze. Sempre nei sottovasi puoi mettere anche le bucce di arance e limoni.

Stessa cosa puoi fare spargendo bucce di agrumi fresche o essiccate nella zona del giardino da cui vuoi tenerli lontani. Così come potresti spruzzare dell’essenza di agrumi sui muri esterni della casa per evitare che vi facciano la pipì.

Tali rimedi non funzionano con tutti i gatti: ci sono anche quelli che mangiano i mandarini. Se sei nei paraggi e hai uno spruzzino pieno d’acqua, prova a spruzzare il gatto se si avvicina troppo ai vasi a cui non vuoi che acceda. A volte, se ripetuto con costanza, questo rinforzo negativo dissuade i gatti dall’avvicinarsi all’oggetto vietato.

Più fortuna potresti avere se in giardino hai un sistema di irrigazione automatico. Accendendosi improvvisamente, potresti infastidire i gatti e scoraggiarli dal transitare dal tuo pezzo di terra. Perché funzioni, però, i dispositivi di erogazioni devono essere periodicamente spostati. In caso contrario semplicemente il gatto impara dove sono e come evitarli.

Se anche così non hai avuto fortuna, posiziona i vasi e le piante dove i gatti non possano arrivare, magari proteggendoli con apposite recinzioni.

Cosa mettere nella terra per allontanare i gatti?

Per tenere lontani i gatti da determinate aree del tuo giardino, puoi mettere sulla terra delle bucce di agrumi freschi o essiccati. Oppure potresti seminare delle piante officinali: il loro odore forte spesso scoraggia i gatti dall’avvicinarsi.

Come fare allontanare i gatti che fanno pipì?

Più difficile allontanare i gatti che fanno pipì. Oltre ai rimedi visti sopra, qualcuno ha anche provato a disseminare qua e là bottiglie di plastica piene di acqua. La speranza è che i riflessi sulle bottiglie infastidiscano il gatto al punto da allontanarli. Ma onestamente non ho mai visto funzionare questo sistema.

Eviterei, invece, i dissuasori sonori. Oltre a poter infastidire potenzialmente anche i cani e gatti dei vicini di casa, il loro utilizzo potrebbe essere vietato dalla legge.

E se il gatto si ostina a fare pipì in quella aiuola? Beh, hai provato a fornirgli un’alternativa più allettante? Prova a posizionare delle lettiere in luoghi strategici del giardino, tenendole pulite in modo che il gatto sia invogliato ad andare a fare i bisogni nelle zone prescelte invece che dove gli capita.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Dermatite allergica del gatto: sintomi e cure
Animali

La dermatite allergica del gatto è tra le patologie dermatologiche più comuni per cui i mici vengono portati a visita. Le cause possono essere differenti, quali pulci e parassiti, atopia, allergia ambientale, allergia alimentare. I sintomi, seppur talvolta indicativi, non sempre sono patognomonici di questa o quella causa. La terapia dipenderà molto dalla causa. Una dermatite allergica da pulci non avrà la stessa cura rispetto a una dermatite da allergia alimentare.