Greenstyle Sostenibilità Città sostenibili: la top 7 mondiale

Città sostenibili: la top 7 mondiale

Le città sostenibili si distinguono per i loro sforzi verso un ambiente urbano equo, efficiente ed ecologico. Copenaghen, leader nella transizione energetica, investe in energie rinnovabili e punta a diventare carbon neutral entro il 2030. Amsterdam si distingue per il suo sistema di trasporto ciclabile e iniziative di edilizia sostenibile. San Francisco, pioniere negli Stati Uniti, promuove energie rinnovabili e programmi di riciclaggio avanzati. Ma non sono le sole a vantare questo merito.

Città sostenibili: la top 7 mondiale

Fonte immagine: Pexels

Nel contesto che stiamo vivendo, le città sostenibili sono una speranza. Oltre che un esempio da seguire. Si tratta di metropoli che hanno investito in mobilità verde, energie rinnovabili, obiettivi di carbon neutrality veloci, sistemi di recupero delle acque reflue, gestione dei rifiuti e molto altro in termini di sostenibilità. E che fanno la loro consistente parte nella lotta al surriscaldamento globale e, più in genere, alle varie forme di inquinamento. Ma quali sono le più attive in questo senso? Di seguito ne conosciamo più da vicino 7.

Città sostenibili: la top 7 mondiale

Le città sostenibili del mondo hanno rivoluzionato il loro modo di vivere, lavorare ed interagire con l’ambiente. Puntano, attraverso l’uso della tecnologia e dei dati, a migliorare la qualità di vita dei loro cittadini facendo leva sulla sostenibilità e sulla riduzione dell’impatto ambientale derivante dalle azioni dell’uomo. Naturalmente non è facile valutare cosa renda una città più sostenibile di un’altra. I criteri sono troppi e si rischierebbe di fare un torto a qualcuno. Per questo, la dovuta premessa è che, quelle che seguono, sono città che hanno profuso grande impegno nell’attuazione di iniziative di sostenibilità e nell’implementazione di tecnologie intelligenti. In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Copenhagen

A Copenhagen la sostenibilità si respira già al primo impatto. Basta notare il gran numero di bici che sfrecciano in città. Ma il suo impegno non si riduce naturalmente solo a questo. Può vantare infatti un ampio interessamento nei confronti delle energie rinnovabili. Si è posta l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2025 e vanta un innovativo sistema di illuminazione stradale che utilizza illuminazione a LED ad alta efficienza energetica e sensori di movimento.

Fonte: Pexels

Amsterdam

Anche ad Amsterdam il sistema delle piste ciclabili è ben sviluppato. La città si conferma tra i leader del trasporto sostenibile, punta sui veicoli elettrici e si è posta l’obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2050. Ma ha fatto notevoli passi in avanti anche sotto il profilo dello sfruttamento di fonti di energia rinnovabile (in particolare quella eolica e solare). Vanta impianti di illuminazione stradale ad alta efficienza energetica e contenitori per rifiuti intelligenti capaci di ottimizzare i percorsi di raccolta.

Oslo

La capitale della Norvegia – immersa tra foreste e fiordi – vede circolare tra le sue strade autobus pubblici alimentati da elettricità e biocarburanti in maniera sempre più massiccia. Anche la mobilità elettrica è favorita: in città sono presenti più di 5.000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Inoltre, entro il 2030 vorrebbe conquistare l’obiettivo di diventare carbon neutral.

Göteborg

Göteborg ha conquistato il titolo di destinazione più sostenibile nell’indice Global Destination Sustainability 2023. E non è la prima volta, dato che si è portata tale riconoscimento a casa per la settima volta consecutiva. Tra i suoi progetti degni di nota c’è la Green City Zone di Göteborg, un’area nella quale vengono testate nuove tecnologie sia per i veicoli che per le infrastrutture con l’obiettivo di ottenere trasporti senza emissioni entro il 2030.

città sostenibili del mondo

Helsinki

Restando in tema di città sostenibili del mondo non si può non citare anche Helsinki. La capitale della Finlandia ha fissato l’obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2035. Ma non solo: è un vero modello di sostenibilità, grazie all’uso della tecnologia e alle politiche ecologiche che hanno avuto come risultato una significativa riduzione delle emissioni di CO2. Inoltre, grazie anche alla sua rete di trasporti pubblici all’avanguardia, si è posta l’obiettivo di abolire le auto di proprietà entro il 2025.

Singapore

Dopo questa carrellata di città del Nord Europa facciamo un salto di qualche migliaio di km per arrivare fino in Asia. A Singapore, per la precisione. Si tratta del secondo Paese più densamente popolato del mondo ma, a discapito di questo, interessanti sono i suoi sforzi in tema di sostenibilità, che ha potuto in gran parte attuare grazie all’adozione di tecnologie smart. La città ha fatto passi da gigante, ad esempio, nell’adozione di un avanzato sistema di gestione dei rifiuti, che ne ottimizza sia il riciclaggio che la raccolta. Ma anche in fatto di trasporti intelligenti: sfrutta la tariffazione stradale elettronica per monitorare e gestire i livelli del traffico e favorire l’uso del trasporto pubblico.

San Francisco

Anche l’America ha una sua città più verde. Si tratta di San Francisco, che spicca nel panorama delle città più sostenibili del mondo per il riciclaggio e la riduzione dei rifiuti (ha emanato una ordinanza obbligatoria sul compostaggio); per le energie rinnovabili, con l’adozione, in particolar modo, di energia eolica e solare; per i rigorosi standard che applica in fatto di bioedilizia, e per la promozione del trasporto sostenibile grazie alla sua efficiente rete di trasporto pubblico e alla promozione di programmi di bike sharing e colonnine di ricarica per veicoli elettrici.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Farina fossile: cosa sapere su questo insetticida naturale
Sostenibilità

La farina fossile è un rimedio naturale versatile, economico e utile sia in casa che in giardino. Questa polvere sottile può migliorare la salute delle piante, tenere alla larga i parassiti e rendere più rigoglioso il tuo orto senza dover utilizzare dannose sostanze chimiche.